Formazione 19 Ottobre 2016

La formazione ECM “arruola” anche le star del cinema. Il film “Scacco pazzo” e Alessandro Haber per il corso sulla malattia mentale

Un grande nome, come quello di Alessandro Haber, ed un film per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla schizofrenia, una malattia mentale tra le più complesse e diffuse. Il film si affianca al corso ECM “la schizofrenia ed i disturbi psicotici” del provider ECM 2506 Sanità In-formazione

La Formazione ECM sta cambiando. Negli ultimi anni si è registrata una netta crescita del numero di medici che preferiscono effettuare il proprio aggiornamento professionale tramite la Formazione a Distanza, sfruttando al meglio le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie. Tra le innovazioni più importanti degli ultimi anni ci sono senza dubbio i Film Formazione: una metodologia formativa coinvolgente e di facile fruizione che conta già diversi titoli che uniscono gli approfondimenti scientifici alla tensione drammaturgica. I film già realizzati come “e-bola”, “Like a Butterfly”, “No Limits”, “Pollicino”, “Cardiopathos”, e quelli in preparazione, sono interpretati da attori di rilievo italiano e internazionale, da Nicolas Vaporidis a Ed Asner (vincitore di 5 Golden Globe) e trattano dei temi sanitari più attuali: dalle malattie infettive al carcinoma polmonare, dalle disabilità motorie all’Alzheimer, dal primo soccorso cardiaco alla psicosi vaccini. Oltre a recitare nei film, gli attori protagonisti espongono le “pillole formative”: materiale didattico accreditato dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e curato dai principali esperti e università italiane.

L’ultimo Film Formazione in ordine di tempo è “Scacco pazzo”, cortometraggio che vede come protagonista Alessandro Haber e che ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della schizofrenia. Al film si affianca il corso ECM FAD “La schizofrenia e i disturbi psicotici”, accreditato dal provider Sanità in-Formazione leader nella formazione medicale e fruibile gratuitamente sulla piattaforma Consulcesi Club.

Il film con la regia e l’interpretazione di Haber, punta i riflettori su un disturbo mentale tra i più complessi, che affligge tra le 300 e le 600mila persone in Italia, di cui solo 212mila hanno ricevuto una diagnosi e appena il 17,6% è stato sottoposto a terapia. In pratica due casi su tre non vengono diagnosticati e meno di due malati su dieci ricevono cure. La fotografia, scattata dal Centre for Economic and International Studies dell’Università Tor Vergata di Roma insieme al Cnr, ha inoltre evidenziato il costo delle diagnosi tardive dei casi di schizofrenia sul Servizio sanitario nazionale, pari al 2,3% dell’intera spesa sanitaria del Paese.

“Scacco pazzo” attraverso il grande schermo, pone l’accento sul disturbo schizofrenico raccontando la storia di due fratelli, di cui uno vive il dramma del disturbo psichico.  Al termine del film Alessandro Haber espone le “pillole formative”, approfondimenti scientifici sui disturbi psicotici. «Il cinema arricchisce la mente e il cuore, può contribuire alla conoscenza e, perché no, al progresso della medicina – dichiara Alessandro Haber –. È più diretto della letteratura che va letta, seguita, e può diventare pesante; con le immagini, le storie e le fantasia è più facile recepire i concetti. Questo progetto unisce la gradevolezza di un film alla trattazione di una tematica di rilievo».

«Con “Scacco pazzo”, adattamento cinematografico di un fortunato copione teatrale, arricchiamo la nostra offerta, affrontando con il consueto rigore scientifico una patologia a volte trascurata come la schizofrenia – dichiara Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi Group –. Siamo anche molto orgogliosi della collaborazione con un grande autore e attore come Alessandro Haber che apporta valore aggiunto al corso e tramite gli approfondimenti teorici e pratici accompagna il medico lungo il percorso formativo, dall’excursus degli approcci medici intervenuti nei secoli alla presentazione dei principali interventi terapeutici».

Sanità in-Formazione è il miglior provider ECM per la Formazione a Distanza. È quanto stabilito dall’ Annuario della formazione in Sanità, la più autorevole guida italiana in questo ambito che raccoglie oltre 4mila aziende che operano nell’ambito dell’aggiornamento ECM. A sancire il successo della piattaforma hanno contribuito non solo la vastità dell’offerta formativa, ma anche la varietà e la qualità dei corsi proposti. “Scacco pazzo”, insieme agli altri Film Formazione, ai corsi di specializzazione, ai corsi medici interattivi e ai video-corsi di lingua accreditati dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, è disponibile sulla piattaforma Consulcesi Club all’indirizzo www.corsi-ecm-fad.it ed è fruibile gratuitamente per 9 mesi (2 anni per i medici under 35). Per informazioni e per tutti gli altri servizi è possibile contattare il numero verde 800.122.777 o consultare il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Realtà virtuale e sanità, Swain (EON Reality): «Così i professionisti provano nuove procedure senza rischi»
Il chairman dell’azienda californiana a Sanità Informazione: «La realtà virtuale consente di imparare interventi rari e familiarizzare con procedure complesse senza far correre ai pazienti alcun rischio, collegando professionisti di tutto il mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...