Formazione 9 giugno 2015

«La formazione dei medici diventa internazionale»

Intervista al nuovo presidente dell’Unione Europea dei Medici di Medicina Generale, Aldo Lupo. «Con il web e la mobilità è indispensabile creare un riconoscimento ECM che abbia valore in tutti i paesi»

Immagine articolo

Si chiama Union Européenne des Médecins Omnipraticiens, ovvero Unione Europea dei Medici di Medicina Generale. Ha un nuovo presidente, l’italiano Aldo Lupo. E un obiettivo molto preciso, esposto per la prima volta a Sanità informazione: tutelare i medici di famiglia europei a cominciare dalla loro formazione permanente.

Dottore, quali sono le prospettive Uemo?
«Portare avanti gli interessi legittimi della professione sul piano etico, sul piano professionale e sul piano normativo e in particolare gli interessi relativi al riconoscimento della formazione del medico di famiglia come un medico dotato di una sua specificità. Noi siamo riconosciuti come specialisti in 16 delle 28 nazioni della Ue, non in tutte quindi. In Italia no, ad esempio. Pur avendo una formazione che per norma europea è omogenea rispetto alla formazione delle altre nazioni e ci sono esigenze simili tra nazioni per quello che riguarda anche la formazione permanente».

Nel vostro programma, infatti, c’è un progetto di accreditamento europeo comune proprio nella prospettiva della formazione.
«Sicuramente. Esistono norme europee praticamente in ogni nazione per quel che riguarda il mantenimento della competenza ad operare professionalmente e in realtà esistono dei meccanismi già in atto di riconoscimento di crediti Ecm tra nazioni diverse messe a punto dall’associazione analoga alla nostra che agisce in favore e per conto degli specialisti. Ora esiste anche in Ue la tendenza a sviluppare un’analoga iniziativa mettendo in piedi un’agenzia che permetta il riconoscimento dei crediti che per esempio un medico italiano, attraverso la FAD o con un corso sul posto, abbia acquisito in Francia, Germania o Inghilterra. Questo riconoscimento mutuo dei crediti non ha ancora una struttura operante per quanto riguarda la medicina di famiglia. Si tratta di decidere, ed è una decisione che la Ue deve prendere, se aderire al meccanismo del riconoscimento che c’è per gli specialisti in Uems (The European Union of Medical Specialists) o altrimenti formare una propria agenzia».

Il Ministero della Salute italiano ha sforbiciando migliaia di medici competenti che non avevano adempiuto all’obbligo formativo proprio per dare un messaggio di maggiore attenzione istituzionale nei confronti del tema relativo ai crediti Ecm. Ecco, forse è questa la strada giusta.
«Sì, probabilmente sì. Ed è comunque un aiuto dato al medico perché ormai il possesso di lingue straniere dell’inglese in particolare è patrimonio di tutti i giovani medici e quindi l’interesse ad aderire a corsi, ad esempio, di formazione a distanza presenti su siti stranieri e ottenerne il riconoscimento in Italia aiuterebbe non poco il medico a tenere alti i suoi standard di performance».

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Medici, 9 e 23 novembre sarà sciopero di 24 ore. Tra le motivazioni il mancato rinnovo del contratto e i pochi fondi per le assunzioni
La prima giornata coinvolgerà tutti i dirigenti sanitari, la seconda toccherà gli anestesisti. Mercoledì 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Grillo: «Il contratto sottoscritto non aveva le coperture. Siamo al lavoro per trovarle»
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...