Formazione 9 Giugno 2015

«La formazione dei medici diventa internazionale»

Intervista al nuovo presidente dell’Unione Europea dei Medici di Medicina Generale, Aldo Lupo. «Con il web e la mobilità è indispensabile creare un riconoscimento ECM che abbia valore in tutti i paesi»

Immagine articolo

Si chiama Union Européenne des Médecins Omnipraticiens, ovvero Unione Europea dei Medici di Medicina Generale. Ha un nuovo presidente, l’italiano Aldo Lupo. E un obiettivo molto preciso, esposto per la prima volta a Sanità informazione: tutelare i medici di famiglia europei a cominciare dalla loro formazione permanente.

Dottore, quali sono le prospettive Uemo?
«Portare avanti gli interessi legittimi della professione sul piano etico, sul piano professionale e sul piano normativo e in particolare gli interessi relativi al riconoscimento della formazione del medico di famiglia come un medico dotato di una sua specificità. Noi siamo riconosciuti come specialisti in 16 delle 28 nazioni della Ue, non in tutte quindi. In Italia no, ad esempio. Pur avendo una formazione che per norma europea è omogenea rispetto alla formazione delle altre nazioni e ci sono esigenze simili tra nazioni per quello che riguarda anche la formazione permanente».

Nel vostro programma, infatti, c’è un progetto di accreditamento europeo comune proprio nella prospettiva della formazione.
«Sicuramente. Esistono norme europee praticamente in ogni nazione per quel che riguarda il mantenimento della competenza ad operare professionalmente e in realtà esistono dei meccanismi già in atto di riconoscimento di crediti Ecm tra nazioni diverse messe a punto dall’associazione analoga alla nostra che agisce in favore e per conto degli specialisti. Ora esiste anche in Ue la tendenza a sviluppare un’analoga iniziativa mettendo in piedi un’agenzia che permetta il riconoscimento dei crediti che per esempio un medico italiano, attraverso la FAD o con un corso sul posto, abbia acquisito in Francia, Germania o Inghilterra. Questo riconoscimento mutuo dei crediti non ha ancora una struttura operante per quanto riguarda la medicina di famiglia. Si tratta di decidere, ed è una decisione che la Ue deve prendere, se aderire al meccanismo del riconoscimento che c’è per gli specialisti in Uems (The European Union of Medical Specialists) o altrimenti formare una propria agenzia».

Il Ministero della Salute italiano ha sforbiciando migliaia di medici competenti che non avevano adempiuto all’obbligo formativo proprio per dare un messaggio di maggiore attenzione istituzionale nei confronti del tema relativo ai crediti Ecm. Ecco, forse è questa la strada giusta.
«Sì, probabilmente sì. Ed è comunque un aiuto dato al medico perché ormai il possesso di lingue straniere dell’inglese in particolare è patrimonio di tutti i giovani medici e quindi l’interesse ad aderire a corsi, ad esempio, di formazione a distanza presenti su siti stranieri e ottenerne il riconoscimento in Italia aiuterebbe non poco il medico a tenere alti i suoi standard di performance».

Articoli correlati
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»
Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato - sottolineano - si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...