Formazione 6 Settembre 2016

Il monito dell’European Society of Cardiology: «Aggiornamento obbligatorio in campo scientifico»

La professoressa Geneviève Derumeaux, presidente del Comitato scientifico di ESC: «Contro rischi cardiovascolari necessari prevenzione e costante aggiornamento. In Francia formazione continua già dall’Università»

«Prevenire è meglio che curare», questo è il motto del più importante congresso del mondo, quello dei cardiologi della European Society of Cardiology ESC che si è svolto a Roma e ha visto la partecipazione di decine di migliaia di medici da tutto il mondo. Ma per prevenire i rischi cardiovascolari e il pesante impatto che hanno sulla nostra società (rappresentano di gran lunga la prima causa di morte al mondo) è fondamentale la formazione dei medici e l’informazione dei cittadini. I lavori sono infatti stati ripresi e trasmessi online per permettere anche a chi non è riuscito a partecipare in prima persona di acquisire tutte le informazioni e i consigli dati nel corso della conferenza. Ai microfoni di Sanità Informazione la Professoressa Geneviève Derumeaux, presidente del Comitato scientifico di ESC.

«Effettivamente il nostro obiettivo è lavorare sulla prevenzione e proprio durante questo congresso sarà possibile ascoltare alcune raccomandazioni specifiche sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Daremo l’allarme su tutti i fattori di rischio che trattiamo da anni e speriamo che i nostri delegati possano poi trasmettere il messaggio ai loro pazienti. Speriamo anche che i pazienti dal loro canto accettino i nostri consigli riguardanti cose semplici, come il tabacco, grande nemico, la sedentarietà, e che possano ricordare poche ma semplici regole: camminare un’ora al giorno o almeno 30 minuti e migliorare l’alimentazione mangiando almeno cinque frutti e cinque legumi al giorno».

Questa conferenza è molto importante ma purtroppo non tutti i medici possono partecipare a questi eventi di formazione. Come possono fare per essere sempre aggiornati sulle nuove malattie e le nuove tecniche di intervento?

«Il congresso dura cinque giorni ma la società europea di cardiologia ha deciso da ora di fare in modo che il congresso duri tutto l’anno. Tutte le sessioni saranno disponibili sul nostro sito sul programma 365 e per la prima volta quest’anno creiamo un evento televisivo, quindi avremo la televisione del congresso che ritrasmetterà gli eventi maggiori e le interviste dei medici. In questo modo si cercherà di dare a tutti la possibilità di accedere alle informazioni su un argomento di così ampia portata e importanza e di formarsi anche a distanza».

Quanto è importante rispettare l’obbligo deontologico e giuridico di aggiornarsi? In Francia questo obbligo viene rispettato?

«Sì, la formazione è fondamentale per aiutare i medici ad essere pronti a confrontarsi con nuove situazioni, nuove malattie e nuovi strumenti. Anche in Francia esiste un programma di formazione medica continua, già a partire dall’università ed esistono corsi appositamente creati per tutte le diverse specializzazioni. La formazione è e deve essere obbligatoria poiché nel campo scientifico tutto è in evoluzione e bisogna tenersi sempre aggiornati».

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
Come ti ricreo la scena del crimine in casa (grazie alla realtà aumentata)
In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega come solo la formazione a distanza, unita alla realtà virtuale e alle tecnologie più innovative, possono fornire gli strumenti adeguati a preparare al meglio i nuovi professionisti del settore
ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»
Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema ECM: «Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare