Formazione 28 Giugno 2016 15:11

Vissani e Missori, “Il gusto è salute”: quando l’aggiornamento medico incontra la buona cucina

La dottoressa e scrittrice Serena Missori e lo chef Gianfranco Vissani insieme nel nuovo corso targato Consulcesi Club: «Progetto importante per dare nozioni fondamentali a medici e pazienti».

La salute passa anche, e soprattutto, per una corretta alimentazione. Non stupisce dunque il crescente interesse, da parte degli operatori sanitari, per il mondo della cucina, considerato come un vero e proprio strumento di lavoro. Per questo motivo la formazione di un medico non può prescindere dalla conoscenza delle basi di una corretta alimentazione.

E proprio per dare anche ai camici bianchi almeno un’ “infarinatura” di quel che c’è da sapere sulla cucina, intesa come luogo in cui si incontrano piacere e benessere, è nato il progetto di Consulcesi e Sanità in-FormazioneIl gusto è salute”, che vede come protagonisti due “docenti” d’eccezione: lo chef Gianfranco Vissani e la dottoressa Serena Missori, esperta di alimentazione e autrice di quattro libri sul tema. «Trovo che un progetto del genere – spiega la dottoressa – sia molto importante per tutti i medici, che in questo modo possono aggiornare le proprie conoscenze divertendosi ed imparando nozioni fondamentali da trasferire anche ai pazienti». Ed è questo uno degli obiettivi più importanti del progetto: quello di insegnare agli operatori sanitari le tecniche migliori per «trasmettere ai pazienti come mangiare in modo sano divertendosi e con gusto».

Per questo risulta importante una collaborazione tra chi, come la dottoressa Missori (opinionista molto presente in tv e autrice di libri come “Stai in forma in cucina” e “Allenati, mangia e sorridi”), sa cosa fa bene all’organismo e cosa no, e uno chef di livello come Vissani, che quei piatti e quegli ingredienti sa cucinarli nel migliore dei modi.

«Nessuno in Italia ha mai studiato gli ingredienti a fondo – spiega Vissani ai nostri microfoni – e dunque è necessario capire alcune cose, come lo sviluppo del pomodoro e dei ceci, o delle loro bucce, perché si tratta di componenti che possono risultare malati. I prodotti di oggi – continua lo chef – non sono più quelli di cinquant’anni fa. Sono cambiati, e il cambiamento può far male in alcuni casi». Appare dunque necessario, anche dalle parole di Vissani, studiare per stare al passo con i cambiamenti che intercorrono continuamente nel mondo dell’alimentazione, così come in ogni settore. È per questo che «è importante – spiega ancora la dottoressa Missori – fare un lavoro di squadra, mettere insieme le competenze di più professionisti per offrire un prodotto migliore, sano e genuino».

Articoli correlati
World Hearing Day, 45mila sordi hanno difficoltà a parlare con il proprio medico: da mascherina trasparente a corso ECM, tutte le novità
Il 3 marzo è la Giornata Mondiale dell’udito. Consulcesi lancia un corso per migliorare il dialogo in caso di necessità, con l'Associazione Emergenza Sordi. Sono 7 milioni le persone con difficoltà di comunicazione medico-paziente
Da sedentarietà a disturbi del sonno, occhio agli “effetti collaterali” della Dad
Maria Cristina Gori, neurologa psicologa e docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”, realizzato da Consulcesi: «Gli effetti psicologici della Dad non sono ancora del tutto chiari. È necessario rimodulare le strategie e le tecniche di insegnamento»
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...