Formazione 25 gennaio 2018

Formazione continua, turni di lavoro e turnover: quando gestire un ospedale diventa un gioco…

Milioni di persone in tutto il mondo vestono ogni giorno per divertimento i panni del Direttore di una struttura sanitaria. Fun Hospital è il gioco della Orange Games che presenta una sanità leggera e piacevole, ma che affronta problemi reali

Immagine articolo

Cosa significa avere la completa responsabilità della gestione di un ospedale? Chiunque diriga – o abbia diretto, in particolar modo in Italia – una struttura ospedaliera, sa bene che avere a che fare ogni giorno con centinaia di pazienti bisognosi di cure e costante attenzione, decine di operatori sanitari, infermieri e chiunque lavori a vario titolo nel complesso, con tutte le dinamiche che si vengono a creare al suo interno, può rivelarsi un compito di difficoltà estrema. Certo, i lavori più difficili sono spesso anche quelli più appassionanti. Ma è possibile vedere anche il lato puramente ludico di questo tipo di impegno? La risposta è: sì, è possibile.

Fun Hospital è un gioco della Oranges Games per Mobile e Desktop che cala il gamer nei panni di un Direttore di ospedale che nelle sue mani ha non solo il futuro della struttura, ma anche la vita delle persone. Il gioco è il classico gestionale in cui l’utente deve costruire, gestire ed ampliare un ospedale comprensivo di reparti, personale e attrezzature. Si parte da zero, con quattro mura e stanze vuote. Con il budget iniziale a disposizione (molto risicato) deve pian piano realizzare i vari reparti, assumere e formare il personale, acquistare l’attrezzatura necessaria a far fronte alle più disparate (e improbabili) patologie che i pazienti manifestano.

Lo scopo, ovviamente, è quello di curare al meglio i pazienti, ricevendo in cambio soldi e gemme che possono essere impiegati per aumentare la qualità del servizio e la capienza della struttura. Andando avanti nel gioco è infatti possibile ampliare a dismisura la capienza dell’ospedale grazie alla creazione di diverse tipologie di stanze.

Prima di tutto, però, nelle sale vanno aggiunti macchinari e medici. L’assunzione del personale è un momento fondamentale. Il giocatore ha a disposizione un catalogo in cui appaiono medici e infermieri, ognuno con le sue caratteristiche, come abilità, efficienza ed energia massima. Andando avanti nel gioco si capisce quanto sia importante non sottovalutare il momento della valutazione dei nuovi assunti, perché se il personale non si dimostra in grado di stare dietro a tutte le esigenze della struttura, va sostituito con forze fresche o a rimetterci saranno i pazienti e il bilancio.

I medici migliorano le proprie caratteristiche sia operando che frequentando corsi di formazione. Esistono infatti le sale studio in cui il personale può aggiornarsi per migliorare le proprie caratteristiche e quindi diventare più efficiente. Con attività di formazione continue il responsabile della struttura può dunque assicurarsi dipendenti sempre all’altezza delle crescenti difficoltà e criticità che possono presentarsi in ogni momento. Capacità che poi possono essere impiegate per utilizzare al meglio le nuove tecnologie che vengono messe mano a mano a disposizione del giocatore.

Altro aspetto da non sottovalutare è poi il rispetto dei turni di lavoro del personale. Se un medico o un infermiere viene spremuto troppo, non lavora bene e può licenziarsi. E se questo è un problema di difficile risoluzione per il nostro Servizio sanitario nazionale (quello vero, non virtuale), in Fun Hospital può essere aggirato grazie allo staff “Elite”: si tratta di medici e infermieri che si acquistano con le gemme ed hanno una caratteristica unica: non riposano mai. Averli nei propri reparti significa ottenere un vantaggio enorme rispetto agli altri giocatori e poter superare sfide e missioni più remunerative.

Certo, un ospedale che si finanzia con gemme, rispetta gli orari di lavoro del personale e che ha in servizio medici che non riposano mai (oltre che un macchinario speciale che riporta in vita chi è deceduto) sarebbe il sogno di ogni Servizio sanitario. Peccato, appunto, che sia solo un gioco.

LEGGI ANCHE: REALTA’ VIRTUALE, SIMULATORI, VIDEOGAME E MANICHINI: ECCO LA FORMAZIONE 4.0

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...