Formazione 29 Maggio 2020

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell’Associazione Liberi Specializzandi

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

I giovani medici scappano dagli ospedali e tornano sul territorio. Un’immagine che spesso viene evocata, ma che ora un’analisi dell’Associazione Liberi Specializzandi (ALS) basa sui numeri. Leggendo con attenzione le statistiche a disposizione, infatti, è emerso che su 10mila partecipanti, nel 2018 oltre 500 medici con un titolo specialistico hanno partecipato al concorso per l’accesso ai corsi di formazione in Medicina Generale. Di questi, oltre il 10% attualmente è un corsista MMG.

LEGGI LO STUDIO

«Inevitabilmente questi medici specialisti iscritti al corso MMG avranno tolto un posto a un medico neolaureato, ad un camice grigio e quindi ad un medico nell’imbuto formativo, andando quindi ad alimentare anche la carenza di medici specialisti che è ad oggi nelle pagine di tutti i giornali», spiega Claudio Cappelli di ALS.

La domanda appare evidente: «Cosa spinge a fuggire questi medici dagli ospedali e cosa cercano nel territorio, ovvero nella medicina di famiglia?»; e ancora: «Quanto una eventuale specializzazione universitaria della Medicina Generale, con relative equipollenze, può incidere sulla carenza di medici specialisti e sulla “competizione fra titoli” nei giovani medici che hanno investito la loro formazione nella Medicina Generale?». Dai dati elaborati dall’Associazione, appare che il 51,5% dei medici specialisti che ha tentato il concorso in Medicina Generale ha meno di 40 anni. Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori, e fra questi coloro che ci sono riusciti sono in prevalenza medici di Medicina Interna e geriatri, seguiti con distacco dagli endocrinologi.

LEGGI ANCHE: SPALLE AL PALAZZO E VIA IL CAMICE, LA PROTESTA DEGLI SPECIALIZZANDI A MONTECITORIO: «TROPPO POCHE BORSE, SI RISCHIA UN ESERCITO DI CAMICI GRIGI»

Per ora, avverte l’associazione promotrice dello studio, si tratta di numeri di esigua entità; ma, avverte l’ALS, si tratta di «un fenomeno che andremo ad approfondire nel prossimo futuro, nei prossimi concorsi». La stragrande maggioranza degli specializzandi che ha scelto la Medicina Generale è rimasta nel proprio territorio di riferimento, con Lazio e Lombardia ad accogliere oltre il 50% di questi “convertiti”: «Colpisce il Veneto con solo quei 3 medici specialisti in formazione a fronte anche qui di carenze importanti». Cosa sta succedendo, dunque? È questa la domanda con cui ALS conclude la sua ricerca.

«Se da un lato gli specialisti negli ospedali cominciano a mancare, dall’altro lato centinaia di specialisti cercano di fuggire dall’ospedale per entrare nella medicina del territorio andando quindi ad aggravare, al pari del fenomeno delle borse perdute, la carenza di medici SSN e di medici nell’imbuto formativo – spiega l’associazione di specializzandi -. In questa transizione non si salva nessuno, dal chirurgo plastico al medico internista al radioterapista».

Fa ancora più stupore la vicenda se si pensa che chi sceglie di passare dalla medicina specialistica a quella generalista sta «rinunciando di fatto a un probabile stipendio da dirigente di prima fascia, per ricominciare una formazione nella Medicina Generale a meno di 1000 euro lordi al mese». La palla, come spesso accade, passa allora ai policy maker: «Se le carenze in Medicina Generale incentivano questo passaggio, cosa sta facendo il Ministero per incentivare gli ospedalieri a rimanervi all’interno? Quando una eventuale specializzazione in Medicina Generale, con relative equipollenze, può ancora più drammaticamente influire sulla carenza di medici specialisti nel SSN?».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Borse di specializzazione, medici delusi dal Dl Rilancio. Le reazioni della categoria e le proposte di Lega e M5S
Secondo gli specializzandi, mille borse in più dal 2022 non risolvono il problema dell'imbuto formativo. Anaao Giovani è pronta a tornare in piazza, mentre Cinque Stelle e Lega propongono una riforma strutturale della specializzazione medica
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
La ricetta di Fabiola Bologna (Misto) per la sanità: «Ripartire da personale e reti territoriali. A luglio pdl su malattie rare in Aula»
La neurologa e deputata, recentemente passata dal M5S al Gruppo Misto, continua il suo impegno per la sanità. Ricorda i colleghi in prima linea a Bergamo contro il Covid-19 e annuncia emendamenti al Dl Rilancio su RSA e sostegno alla ricerca
Decreto Rilancio e medicina generale, Scotti (FIMMG): «I decessi per Covid non ci hanno insegnato nulla, pronti a scendere in piazza»
Gli emendamenti sulla medicina generale e sulle cure primarie del Decreto Rilancio indignano Fimmg. Il segretario Scotti: «Se questi emendamenti avessero successo i cittadini perderebbero la loro vera unica possibilità di esercitare il diritto a scegliere il medico di famiglia»
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)