Formazione 29 Maggio 2020

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell’Associazione Liberi Specializzandi

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

I giovani medici scappano dagli ospedali e tornano sul territorio. Un’immagine che spesso viene evocata, ma che ora un’analisi dell’Associazione Liberi Specializzandi (ALS) basa sui numeri. Leggendo con attenzione le statistiche a disposizione, infatti, è emerso che su 10mila partecipanti, nel 2018 oltre 500 medici con un titolo specialistico hanno partecipato al concorso per l’accesso ai corsi di formazione in Medicina Generale. Di questi, oltre il 10% attualmente è un corsista MMG.

LEGGI LO STUDIO

«Inevitabilmente questi medici specialisti iscritti al corso MMG avranno tolto un posto a un medico neolaureato, ad un camice grigio e quindi ad un medico nell’imbuto formativo, andando quindi ad alimentare anche la carenza di medici specialisti che è ad oggi nelle pagine di tutti i giornali», spiega Claudio Cappelli di ALS.

La domanda appare evidente: «Cosa spinge a fuggire questi medici dagli ospedali e cosa cercano nel territorio, ovvero nella medicina di famiglia?»; e ancora: «Quanto una eventuale specializzazione universitaria della Medicina Generale, con relative equipollenze, può incidere sulla carenza di medici specialisti e sulla “competizione fra titoli” nei giovani medici che hanno investito la loro formazione nella Medicina Generale?». Dai dati elaborati dall’Associazione, appare che il 51,5% dei medici specialisti che ha tentato il concorso in Medicina Generale ha meno di 40 anni. Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori, e fra questi coloro che ci sono riusciti sono in prevalenza medici di Medicina Interna e geriatri, seguiti con distacco dagli endocrinologi.

LEGGI ANCHE: SPALLE AL PALAZZO E VIA IL CAMICE, LA PROTESTA DEGLI SPECIALIZZANDI A MONTECITORIO: «TROPPO POCHE BORSE, SI RISCHIA UN ESERCITO DI CAMICI GRIGI»

Per ora, avverte l’associazione promotrice dello studio, si tratta di numeri di esigua entità; ma, avverte l’ALS, si tratta di «un fenomeno che andremo ad approfondire nel prossimo futuro, nei prossimi concorsi». La stragrande maggioranza degli specializzandi che ha scelto la Medicina Generale è rimasta nel proprio territorio di riferimento, con Lazio e Lombardia ad accogliere oltre il 50% di questi “convertiti”: «Colpisce il Veneto con solo quei 3 medici specialisti in formazione a fronte anche qui di carenze importanti». Cosa sta succedendo, dunque? È questa la domanda con cui ALS conclude la sua ricerca.

«Se da un lato gli specialisti negli ospedali cominciano a mancare, dall’altro lato centinaia di specialisti cercano di fuggire dall’ospedale per entrare nella medicina del territorio andando quindi ad aggravare, al pari del fenomeno delle borse perdute, la carenza di medici SSN e di medici nell’imbuto formativo – spiega l’associazione di specializzandi -. In questa transizione non si salva nessuno, dal chirurgo plastico al medico internista al radioterapista».

Fa ancora più stupore la vicenda se si pensa che chi sceglie di passare dalla medicina specialistica a quella generalista sta «rinunciando di fatto a un probabile stipendio da dirigente di prima fascia, per ricominciare una formazione nella Medicina Generale a meno di 1000 euro lordi al mese». La palla, come spesso accade, passa allora ai policy maker: «Se le carenze in Medicina Generale incentivano questo passaggio, cosa sta facendo il Ministero per incentivare gli ospedalieri a rimanervi all’interno? Quando una eventuale specializzazione in Medicina Generale, con relative equipollenze, può ancora più drammaticamente influire sulla carenza di medici specialisti nel SSN?».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i sindacati: «Disponibili, ma in strutture idonee e sicure»
Si è svolto questa mattina l’incontro sull’atto di indirizzo che si occupa anche dei tamponi rapidi e dei macchinari per la diagnostica di primo livello. Domani la riunione con Sisac sull’Acn
«Superare la frammentazione verticale tra Medicina del territorio e specialistica: una proposta»
di Zairo Ferrante (Medico Radiologo Arcispedale Sant'Anna Ferrara), Elisa Mandolesi (Medico di Medicina Generale ASL Ferrara), Martino Ardigó (Universidade federale de Mato Grosso do Sul), Agostino Panajia (Campagna “2018 PHC Now or Never” e MMG ASL Ferrara)
di Zairo Ferrante, Elisa Mandolesi, Martino Ardigó, Agostino Panajia
Specializzazioni, Anaao Giovani: «Sulle graduatorie bloccate pronti ad azioni legali»
La denuncia di Anaao Giovani e Associazione Liberi Specializzandi: «Insoddisfacente l'incontro al Mur e ministro era assente. Tuteleremo 24 mila colleghi»
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Speranza al Congresso Fimmg: «Sbloccare i 235 milioni per diagnostica primo livello, anche con poteri straordinari»
«I contagi crescono, alzare il livello di attenzione. Considerato lo scenario europeo, sarebbe un’illusione pensare che siamo fuori pericolo». E sui tamponi rapidi dai medici di famiglia: «Se c’è questa disponibilità Governo e Regioni lavorino subito per dar loro gli strumenti necessari e garantire sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare