Formazione 29 Maggio 2020 15:04

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell’Associazione Liberi Specializzandi

di Tommaso Caldarelli
Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

I giovani medici scappano dagli ospedali e tornano sul territorio. Un’immagine che spesso viene evocata, ma che ora un’analisi dell’Associazione Liberi Specializzandi (ALS) basa sui numeri. Leggendo con attenzione le statistiche a disposizione, infatti, è emerso che su 10mila partecipanti, nel 2018 oltre 500 medici con un titolo specialistico hanno partecipato al concorso per l’accesso ai corsi di formazione in Medicina Generale. Di questi, oltre il 10% attualmente è un corsista MMG.

LEGGI LO STUDIO

«Inevitabilmente questi medici specialisti iscritti al corso MMG avranno tolto un posto a un medico neolaureato, ad un camice grigio e quindi ad un medico nell’imbuto formativo, andando quindi ad alimentare anche la carenza di medici specialisti che è ad oggi nelle pagine di tutti i giornali», spiega Claudio Cappelli di ALS.

La domanda appare evidente: «Cosa spinge a fuggire questi medici dagli ospedali e cosa cercano nel territorio, ovvero nella medicina di famiglia?»; e ancora: «Quanto una eventuale specializzazione universitaria della Medicina Generale, con relative equipollenze, può incidere sulla carenza di medici specialisti e sulla “competizione fra titoli” nei giovani medici che hanno investito la loro formazione nella Medicina Generale?». Dai dati elaborati dall’Associazione, appare che il 51,5% dei medici specialisti che ha tentato il concorso in Medicina Generale ha meno di 40 anni. Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori, e fra questi coloro che ci sono riusciti sono in prevalenza medici di Medicina Interna e geriatri, seguiti con distacco dagli endocrinologi.

LEGGI ANCHE: SPALLE AL PALAZZO E VIA IL CAMICE, LA PROTESTA DEGLI SPECIALIZZANDI A MONTECITORIO: «TROPPO POCHE BORSE, SI RISCHIA UN ESERCITO DI CAMICI GRIGI»

Per ora, avverte l’associazione promotrice dello studio, si tratta di numeri di esigua entità; ma, avverte l’ALS, si tratta di «un fenomeno che andremo ad approfondire nel prossimo futuro, nei prossimi concorsi». La stragrande maggioranza degli specializzandi che ha scelto la Medicina Generale è rimasta nel proprio territorio di riferimento, con Lazio e Lombardia ad accogliere oltre il 50% di questi “convertiti”: «Colpisce il Veneto con solo quei 3 medici specialisti in formazione a fronte anche qui di carenze importanti». Cosa sta succedendo, dunque? È questa la domanda con cui ALS conclude la sua ricerca.

«Se da un lato gli specialisti negli ospedali cominciano a mancare, dall’altro lato centinaia di specialisti cercano di fuggire dall’ospedale per entrare nella medicina del territorio andando quindi ad aggravare, al pari del fenomeno delle borse perdute, la carenza di medici SSN e di medici nell’imbuto formativo – spiega l’associazione di specializzandi -. In questa transizione non si salva nessuno, dal chirurgo plastico al medico internista al radioterapista».

Fa ancora più stupore la vicenda se si pensa che chi sceglie di passare dalla medicina specialistica a quella generalista sta «rinunciando di fatto a un probabile stipendio da dirigente di prima fascia, per ricominciare una formazione nella Medicina Generale a meno di 1000 euro lordi al mese». La palla, come spesso accade, passa allora ai policy maker: «Se le carenze in Medicina Generale incentivano questo passaggio, cosa sta facendo il Ministero per incentivare gli ospedalieri a rimanervi all’interno? Quando una eventuale specializzazione in Medicina Generale, con relative equipollenze, può ancora più drammaticamente influire sulla carenza di medici specialisti nel SSN?».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
Entro il 2023 38mila nuovi specialisti. Di Silverio (Anaao): «Regioni chiariscano criteri per fabbisogno o rischiamo disoccupati di lusso»
La Conferenza Stato-Regioni ha stanziato quasi 39mila borse di specializzazione in tre anni. Supereremo così l'imbuto formativo? Di Silverio (Anaao Giovani) si rallegra ma esprime i suoi dubbi: «Come sono stati calcolati?»
Più di 10mila aspiranti medici di famiglia “bocciati”. Cresce l’allarme carenza di camici bianchi
Ai test d'ingresso al Corso di formazione specifica in Medicina Generale, 1 su 10 non ce l'ha fatta. Consulcesi attiva task force legale per aumentare gli accessi. «Presto moltissimi italiani si ritroveranno senza medico di famiglia», denuncia Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM