Formazione 29 Maggio 2020 15:04

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell’Associazione Liberi Specializzandi

di Tommaso Caldarelli
Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

I giovani medici scappano dagli ospedali e tornano sul territorio. Un’immagine che spesso viene evocata, ma che ora un’analisi dell’Associazione Liberi Specializzandi (ALS) basa sui numeri. Leggendo con attenzione le statistiche a disposizione, infatti, è emerso che su 10mila partecipanti, nel 2018 oltre 500 medici con un titolo specialistico hanno partecipato al concorso per l’accesso ai corsi di formazione in Medicina Generale. Di questi, oltre il 10% attualmente è un corsista MMG.

LEGGI LO STUDIO

«Inevitabilmente questi medici specialisti iscritti al corso MMG avranno tolto un posto a un medico neolaureato, ad un camice grigio e quindi ad un medico nell’imbuto formativo, andando quindi ad alimentare anche la carenza di medici specialisti che è ad oggi nelle pagine di tutti i giornali», spiega Claudio Cappelli di ALS.

La domanda appare evidente: «Cosa spinge a fuggire questi medici dagli ospedali e cosa cercano nel territorio, ovvero nella medicina di famiglia?»; e ancora: «Quanto una eventuale specializzazione universitaria della Medicina Generale, con relative equipollenze, può incidere sulla carenza di medici specialisti e sulla “competizione fra titoli” nei giovani medici che hanno investito la loro formazione nella Medicina Generale?». Dai dati elaborati dall’Associazione, appare che il 51,5% dei medici specialisti che ha tentato il concorso in Medicina Generale ha meno di 40 anni. Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori, e fra questi coloro che ci sono riusciti sono in prevalenza medici di Medicina Interna e geriatri, seguiti con distacco dagli endocrinologi.

LEGGI ANCHE: SPALLE AL PALAZZO E VIA IL CAMICE, LA PROTESTA DEGLI SPECIALIZZANDI A MONTECITORIO: «TROPPO POCHE BORSE, SI RISCHIA UN ESERCITO DI CAMICI GRIGI»

Per ora, avverte l’associazione promotrice dello studio, si tratta di numeri di esigua entità; ma, avverte l’ALS, si tratta di «un fenomeno che andremo ad approfondire nel prossimo futuro, nei prossimi concorsi». La stragrande maggioranza degli specializzandi che ha scelto la Medicina Generale è rimasta nel proprio territorio di riferimento, con Lazio e Lombardia ad accogliere oltre il 50% di questi “convertiti”: «Colpisce il Veneto con solo quei 3 medici specialisti in formazione a fronte anche qui di carenze importanti». Cosa sta succedendo, dunque? È questa la domanda con cui ALS conclude la sua ricerca.

«Se da un lato gli specialisti negli ospedali cominciano a mancare, dall’altro lato centinaia di specialisti cercano di fuggire dall’ospedale per entrare nella medicina del territorio andando quindi ad aggravare, al pari del fenomeno delle borse perdute, la carenza di medici SSN e di medici nell’imbuto formativo – spiega l’associazione di specializzandi -. In questa transizione non si salva nessuno, dal chirurgo plastico al medico internista al radioterapista».

Fa ancora più stupore la vicenda se si pensa che chi sceglie di passare dalla medicina specialistica a quella generalista sta «rinunciando di fatto a un probabile stipendio da dirigente di prima fascia, per ricominciare una formazione nella Medicina Generale a meno di 1000 euro lordi al mese». La palla, come spesso accade, passa allora ai policy maker: «Se le carenze in Medicina Generale incentivano questo passaggio, cosa sta facendo il Ministero per incentivare gli ospedalieri a rimanervi all’interno? Quando una eventuale specializzazione in Medicina Generale, con relative equipollenze, può ancora più drammaticamente influire sulla carenza di medici specialisti nel SSN?».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Per la Medicina Generale 900 borse in più. Anelli (Fnomceo): «Aiuta a svuotare imbuto formativo»
«Esprimiamo la nostra soddisfazione – commenta Filippo Anelli – per questo intervento. Dimostra un’attenzione da parte del Governo alle cure primarie e alla figura del Medico di Medicina Generale»
Medicina generale “svalutata”. Scotti (Fimmg): «Mmg vicini al burnout, affogati dalla burocrazia»
Silvestro Scotti, Segretario nazionale Fimmg, nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione lancia l’allarme. «Medicina generale svalutata. La prima domanda che ci fanno è sul Green pass, su come rientrare a scuola e al lavoro. Per un medico è avvilente»
Riforma MMG, Rossi (OMCeO Milano): «Fondi Pnrr per Case di Comunità? No, subito piano Marshall per territorio»
Il Presidente dell'OMCeO Milano: «Dibattito anacronistico con 21 sistemi regionali differenti e con le emergenze acuite dalla pandemia». La proposta: «Investire su medicina del lavoro e scolastica e restituire dignità alla medicina generale»
Medici di famiglia, Onotri (Smi): «Chiediamo tutele, diritti e sicurezza sul lavoro»
Fp Cgil medici e dirigenti SSN, Smi, Simet, Fed. C.i.pe-S.i.s.pe-S.i.n.s.pe proclamano lo stato di agitazione per la medicina generale. Onotri: «La medicina territoriale versa in condizioni disastrose. A noi medici di famiglia affidata l’intera gestione del Covid, clinica e amministrativa. Lavoriamo 12 ore al giorno sette giorni su sette»
«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...