Formazione 14 Giugno 2019 10:56

Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»

Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all’assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l’aumento strutturale»

Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»

Laureati in Medicina che non riescono ad accedere alle specializzazioni, specializzandi impiegati come forza lavoro negli ospedali per sopperire alla carenza di personale ma in assenza di ferie, orario di lavoro, maternità. Questo il quadro fotografato dall’assemblea Anaao Giovani Als (Associazione liberi specializzandi) sulla formazione post laurea in Medicina. Ad intervenire al tavolo insieme al segretario Anaao-Assomed, Carlo Palermo, il responsabile Anaao Giovani, Pierino di Silverio e Massimo Minerva, presidente ALS, oltre al ministro della Salute Giulia Grillo.

«È un momento particolare per il Servizio sanitario nazionale, – ha sottolineato il ministro della Salute, Giulia Grillo – soprattutto per la carenza dei medici specialisti che sta mettendo in ginocchio il Paese da Nord a Sud. Abbiamo fatto salti mortali per non chiudere reparti in Molise. Alcune Regioni hanno pensato di far rientrare i medici dalla pensione, altre di richiamare quelli militari, piano piano rischiamo di arrivare a pensare di farli resuscitare».

LEGGI: AL VIA LA COMMISSIONE ECM, TORTORELLA: «GIUSTO PREMIARE CHI SI FORMA. PUNTIAMO SUI CORSI A DISTANZA»

«Ci sono ostacoli – ha aggiunto – non legati all’acquisizione delle competenze ma burocratici e amministrativi. Dobbiamo portare a casa una riforma che abbrevi o annulli tutti i tempi morti, con una laurea abilitante e l’ingresso immediato nella specialità durante tutto l’anno. Questo si fa in tutta Europa e lo dobbiamo fare anche noi.

«Il sistema della formazione è anacronistico ed è un danno per chi vuole fare questa professione e per il Servizio sanitario nazionale. Abbiamo medici – ha ribadito – a spasso che magari vanno all’estero e contemporaneamente abbiamo difficoltà a trovare chi possa lavorare. È un paradosso assurdo. Fino a questo momento abbiamo fatto norme emergenziali che non sono perfette, ma è il massimo che possiamo fare con le leggi attuali. Non abbiamo risolto il problema, ma cercato di decomprimere la situazione. Se superiamo indenni il dl Calabria, di corsa – ha concluso – dobbiamo portare a casa la riforma e raggiungere l’obiettivo del cambiamento che so già non farà contenti tutti».

Sulla proposta di portare le borse a 2090 l’anno il ministro della Salute Giulia Grillo specifica però, a margine dell’evento, che le borse sono state aumentate di 1800 per l’anno accademico 2018-2019, «le Regioni metteranno anche le loro, si possono aumentare, ma non arriveremo al totale. Il fatto importante è rendere l’aumento strutturale».

A margine dell’assemblea, sempre Grillo è intervenuta riguardo la prima riunione della Commissione per la formazione continua. «Ci stiamo lavorando», ha commentato riguardo l’indirizzo dato dal Ministero che si propone di incentivare l’aggiornamento professionale attraverso dei premi alle aziende sanitarie, mettendo da parte per il momento le sanzioni.

Articoli correlati
Obbligo ECM, partite le lettere del Cogeaps. Monaco: «Ora tocca agli Ordini prendere provvedimenti»
Intervista al presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie. Rischio sanzioni e mancata copertura assicurativa per chi non è in regola
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi