Formazione 14 Giugno 2019

Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»

Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all’assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l’aumento strutturale»

Immagine articolo

Laureati in Medicina che non riescono ad accedere alle specializzazioni, specializzandi impiegati come forza lavoro negli ospedali per sopperire alla carenza di personale ma in assenza di ferie, orario di lavoro, maternità. Questo il quadro fotografato dall’assemblea Anaao Giovani Als (Associazione liberi specializzandi) sulla formazione post laurea in Medicina. Ad intervenire al tavolo insieme al segretario Anaao-Assomed, Carlo Palermo, il responsabile Anaao Giovani, Pierino di Silverio e Massimo Minerva, presidente ALS, oltre al ministro della Salute Giulia Grillo.

«È un momento particolare per il Servizio sanitario nazionale, – ha sottolineato il ministro della Salute, Giulia Grillo – soprattutto per la carenza dei medici specialisti che sta mettendo in ginocchio il Paese da Nord a Sud. Abbiamo fatto salti mortali per non chiudere reparti in Molise. Alcune Regioni hanno pensato di far rientrare i medici dalla pensione, altre di richiamare quelli militari, piano piano rischiamo di arrivare a pensare di farli resuscitare».

LEGGI: AL VIA LA COMMISSIONE ECM, TORTORELLA: «GIUSTO PREMIARE CHI SI FORMA. PUNTIAMO SUI CORSI A DISTANZA»

«Ci sono ostacoli – ha aggiunto – non legati all’acquisizione delle competenze ma burocratici e amministrativi. Dobbiamo portare a casa una riforma che abbrevi o annulli tutti i tempi morti, con una laurea abilitante e l’ingresso immediato nella specialità durante tutto l’anno. Questo si fa in tutta Europa e lo dobbiamo fare anche noi.

«Il sistema della formazione è anacronistico ed è un danno per chi vuole fare questa professione e per il Servizio sanitario nazionale. Abbiamo medici – ha ribadito – a spasso che magari vanno all’estero e contemporaneamente abbiamo difficoltà a trovare chi possa lavorare. È un paradosso assurdo. Fino a questo momento abbiamo fatto norme emergenziali che non sono perfette, ma è il massimo che possiamo fare con le leggi attuali. Non abbiamo risolto il problema, ma cercato di decomprimere la situazione. Se superiamo indenni il dl Calabria, di corsa – ha concluso – dobbiamo portare a casa la riforma e raggiungere l’obiettivo del cambiamento che so già non farà contenti tutti».

Sulla proposta di portare le borse a 2090 l’anno il ministro della Salute Giulia Grillo specifica però, a margine dell’evento, che le borse sono state aumentate di 1800 per l’anno accademico 2018-2019, «le Regioni metteranno anche le loro, si possono aumentare, ma non arriveremo al totale. Il fatto importante è rendere l’aumento strutturale».

A margine dell’assemblea, sempre Grillo è intervenuta riguardo la prima riunione della Commissione per la formazione continua. «Ci stiamo lavorando», ha commentato riguardo l’indirizzo dato dal Ministero che si propone di incentivare l’aggiornamento professionale attraverso dei premi alle aziende sanitarie, mettendo da parte per il momento le sanzioni.

Articoli correlati
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali