Formazione 9 maggio 2017

Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»

Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»

«Dietro l’obbligo ECM per i medici c’è tanta confusione: molti credono che non ci saranno controlli, altri che la formazione continua debba essere gratuita, quasi come se fosse dovuta. Per questo sono ancora pochi quelli in regola con i nuovi termini stabiliti dalla proroga». Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa all’Università Gabriele D’Annunzio di Rieti e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, spiega ai nostri microfoni perché, nonostante il rinvio dei termini di chiusura del triennio formativo ECM 2014-2016, ancora pochi camici bianchi si siano messi al passo con i colleghi che hanno rispettato l’obbligo entro il 31 dicembre scorso.

Tutto ciò nonostante l’esistenza della FAD, ovvero della Formazione a Distanza, che la professoressa conosce bene: «Possibilità come questa sono molto vantaggiose perché ci permettono di entrare nelle case di tutti i sanitari come fisioterapisti, medici fisiatri, ovvero professionisti che spesso hanno poco tempo per gestire questo genere di impegni. Fermo restando – aggiunge – che ovviamente molti aspetti vanno poi approfonditi sul campo».

Dottoressa, quant’è importante la formazione per un medico e per un riabilitatore?

«La mia prima missione è proprio quella di essere un docente universitario della Gabriele D’Annunzio di Chieti e non posso prescindere dalla formazione. Devo dire che è una fortuna essere professionisti universitari perché riesci a tenerti sempre aggiornato, in quanto sei costretto a rapportarti con chi è più giovane di te. La formazione per me è chiaramente fondamentale e penso che lo sia per chiunque si voglia occupare di sanità. Non c’è possibilità di fare oggi, per fare l’esempio del nostro caso, il riabilitatore se non si è aggiornati, in quanto vengono continuamente immessi sul mercato macchinari e strumenti nuovi, nuove tecnologie e sistemi più evoluti. È impossibile pensare che quello che abbiamo studiato anni fa sia rimasto identico a se stesso. Insomma, bisogna assolutamente aggiornarsi, e quindi faccio di nuovo un invito a tutti i miei colleghi ad aggiornarsi non soltanto perché è un dovere del sanitario, ma anche perché si tratta di una forma di rispetto verso la persona di cui andiamo a prenderci cura».

Sono parole molto chiare e anche molto esplicite. A proposito di questo, a breve scadrà anche la proroga al triennio formativo che si è chiuso lo scorso 31 dicembre. Com’è la situazione tra i colleghi, quanti sono in regola con l’obbligo?

«Assolutamente pochissimi. C’è molta confusione e in molti ritengono che poi, alla fine di tutto, non ci saranno controlli, e dunque sottovalutano il problema. Le dirò di più: ritengono che tutto sia dovuto, che debba essere gratuito e che debba essere concesso a tutti a piene mani. Purtroppo ho notato, in generale, una mancanza di etica e di rispetto per il proprio lavoro, nonché per le persone».

Articoli correlati
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...