Formazione 9 maggio 2017

Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»

Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»

«Dietro l’obbligo ECM per i medici c’è tanta confusione: molti credono che non ci saranno controlli, altri che la formazione continua debba essere gratuita, quasi come se fosse dovuta. Per questo sono ancora pochi quelli in regola con i nuovi termini stabiliti dalla proroga». Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa all’Università Gabriele D’Annunzio di Rieti e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, spiega ai nostri microfoni perché, nonostante il rinvio dei termini di chiusura del triennio formativo ECM 2014-2016, ancora pochi camici bianchi si siano messi al passo con i colleghi che hanno rispettato l’obbligo entro il 31 dicembre scorso.

Tutto ciò nonostante l’esistenza della FAD, ovvero della Formazione a Distanza, che la professoressa conosce bene: «Possibilità come questa sono molto vantaggiose perché ci permettono di entrare nelle case di tutti i sanitari come fisioterapisti, medici fisiatri, ovvero professionisti che spesso hanno poco tempo per gestire questo genere di impegni. Fermo restando – aggiunge – che ovviamente molti aspetti vanno poi approfonditi sul campo».

Dottoressa, quant’è importante la formazione per un medico e per un riabilitatore?

«La mia prima missione è proprio quella di essere un docente universitario della Gabriele D’Annunzio di Chieti e non posso prescindere dalla formazione. Devo dire che è una fortuna essere professionisti universitari perché riesci a tenerti sempre aggiornato, in quanto sei costretto a rapportarti con chi è più giovane di te. La formazione per me è chiaramente fondamentale e penso che lo sia per chiunque si voglia occupare di sanità. Non c’è possibilità di fare oggi, per fare l’esempio del nostro caso, il riabilitatore se non si è aggiornati, in quanto vengono continuamente immessi sul mercato macchinari e strumenti nuovi, nuove tecnologie e sistemi più evoluti. È impossibile pensare che quello che abbiamo studiato anni fa sia rimasto identico a se stesso. Insomma, bisogna assolutamente aggiornarsi, e quindi faccio di nuovo un invito a tutti i miei colleghi ad aggiornarsi non soltanto perché è un dovere del sanitario, ma anche perché si tratta di una forma di rispetto verso la persona di cui andiamo a prenderci cura».

Sono parole molto chiare e anche molto esplicite. A proposito di questo, a breve scadrà anche la proroga al triennio formativo che si è chiuso lo scorso 31 dicembre. Com’è la situazione tra i colleghi, quanti sono in regola con l’obbligo?

«Assolutamente pochissimi. C’è molta confusione e in molti ritengono che poi, alla fine di tutto, non ci saranno controlli, e dunque sottovalutano il problema. Le dirò di più: ritengono che tutto sia dovuto, che debba essere gratuito e che debba essere concesso a tutti a piene mani. Purtroppo ho notato, in generale, una mancanza di etica e di rispetto per il proprio lavoro, nonché per le persone».

Articoli correlati
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»
Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...