Formazione 9 Maggio 2017

Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»

Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»

«Dietro l’obbligo ECM per i medici c’è tanta confusione: molti credono che non ci saranno controlli, altri che la formazione continua debba essere gratuita, quasi come se fosse dovuta. Per questo sono ancora pochi quelli in regola con i nuovi termini stabiliti dalla proroga». Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa all’Università Gabriele D’Annunzio di Rieti e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, spiega ai nostri microfoni perché, nonostante il rinvio dei termini di chiusura del triennio formativo ECM 2014-2016, ancora pochi camici bianchi si siano messi al passo con i colleghi che hanno rispettato l’obbligo entro il 31 dicembre scorso.

Tutto ciò nonostante l’esistenza della FAD, ovvero della Formazione a Distanza, che la professoressa conosce bene: «Possibilità come questa sono molto vantaggiose perché ci permettono di entrare nelle case di tutti i sanitari come fisioterapisti, medici fisiatri, ovvero professionisti che spesso hanno poco tempo per gestire questo genere di impegni. Fermo restando – aggiunge – che ovviamente molti aspetti vanno poi approfonditi sul campo».

Dottoressa, quant’è importante la formazione per un medico e per un riabilitatore?

«La mia prima missione è proprio quella di essere un docente universitario della Gabriele D’Annunzio di Chieti e non posso prescindere dalla formazione. Devo dire che è una fortuna essere professionisti universitari perché riesci a tenerti sempre aggiornato, in quanto sei costretto a rapportarti con chi è più giovane di te. La formazione per me è chiaramente fondamentale e penso che lo sia per chiunque si voglia occupare di sanità. Non c’è possibilità di fare oggi, per fare l’esempio del nostro caso, il riabilitatore se non si è aggiornati, in quanto vengono continuamente immessi sul mercato macchinari e strumenti nuovi, nuove tecnologie e sistemi più evoluti. È impossibile pensare che quello che abbiamo studiato anni fa sia rimasto identico a se stesso. Insomma, bisogna assolutamente aggiornarsi, e quindi faccio di nuovo un invito a tutti i miei colleghi ad aggiornarsi non soltanto perché è un dovere del sanitario, ma anche perché si tratta di una forma di rispetto verso la persona di cui andiamo a prenderci cura».

Sono parole molto chiare e anche molto esplicite. A proposito di questo, a breve scadrà anche la proroga al triennio formativo che si è chiuso lo scorso 31 dicembre. Com’è la situazione tra i colleghi, quanti sono in regola con l’obbligo?

«Assolutamente pochissimi. C’è molta confusione e in molti ritengono che poi, alla fine di tutto, non ci saranno controlli, e dunque sottovalutano il problema. Le dirò di più: ritengono che tutto sia dovuto, che debba essere gratuito e che debba essere concesso a tutti a piene mani. Purtroppo ho notato, in generale, una mancanza di etica e di rispetto per il proprio lavoro, nonché per le persone».

Articoli correlati
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Dialisi peritoneale a domicilio, l’Aou Sassari forma i pazienti
Un incontro educativo dedicato ai pazienti che svolgono la dialisi peritoneale a domicilio e ai familiari che ne condividono l’esperienza, mirato ad una migliore conoscenza della malattia renale cronica avanzata e alla gestione del trattamento. È stato questo il tema centrale della riunione organizzata nei giorni scorsi dalla struttura complessa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto […]
Formazione ECM, Consulcesi: «Solo pochi in regola, rischio danno per tutta la categoria»
Dopo la presa di posizione dell’associazione CODICI che punta il dito sul mancato aggiornamento professionale dei medici, interviene il Presidente del network legale Massimo Tortorella: «Emblematico che si arrivi a pensarlo, così si mina la credibilità di un’intera categoria votata all’eccellenza. Forte attenzione mediatica dopo il servizio-denuncia di Striscia, gli impegni assunti dal presidente FNOMCeO Anelli sui controlli spazzeranno via dubbi e critiche»
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano