Formazione 9 maggio 2017

Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»

Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»

«Dietro l’obbligo ECM per i medici c’è tanta confusione: molti credono che non ci saranno controlli, altri che la formazione continua debba essere gratuita, quasi come se fosse dovuta. Per questo sono ancora pochi quelli in regola con i nuovi termini stabiliti dalla proroga». Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa all’Università Gabriele D’Annunzio di Rieti e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, spiega ai nostri microfoni perché, nonostante il rinvio dei termini di chiusura del triennio formativo ECM 2014-2016, ancora pochi camici bianchi si siano messi al passo con i colleghi che hanno rispettato l’obbligo entro il 31 dicembre scorso.

Tutto ciò nonostante l’esistenza della FAD, ovvero della Formazione a Distanza, che la professoressa conosce bene: «Possibilità come questa sono molto vantaggiose perché ci permettono di entrare nelle case di tutti i sanitari come fisioterapisti, medici fisiatri, ovvero professionisti che spesso hanno poco tempo per gestire questo genere di impegni. Fermo restando – aggiunge – che ovviamente molti aspetti vanno poi approfonditi sul campo».

Dottoressa, quant’è importante la formazione per un medico e per un riabilitatore?

«La mia prima missione è proprio quella di essere un docente universitario della Gabriele D’Annunzio di Chieti e non posso prescindere dalla formazione. Devo dire che è una fortuna essere professionisti universitari perché riesci a tenerti sempre aggiornato, in quanto sei costretto a rapportarti con chi è più giovane di te. La formazione per me è chiaramente fondamentale e penso che lo sia per chiunque si voglia occupare di sanità. Non c’è possibilità di fare oggi, per fare l’esempio del nostro caso, il riabilitatore se non si è aggiornati, in quanto vengono continuamente immessi sul mercato macchinari e strumenti nuovi, nuove tecnologie e sistemi più evoluti. È impossibile pensare che quello che abbiamo studiato anni fa sia rimasto identico a se stesso. Insomma, bisogna assolutamente aggiornarsi, e quindi faccio di nuovo un invito a tutti i miei colleghi ad aggiornarsi non soltanto perché è un dovere del sanitario, ma anche perché si tratta di una forma di rispetto verso la persona di cui andiamo a prenderci cura».

Sono parole molto chiare e anche molto esplicite. A proposito di questo, a breve scadrà anche la proroga al triennio formativo che si è chiuso lo scorso 31 dicembre. Com’è la situazione tra i colleghi, quanti sono in regola con l’obbligo?

«Assolutamente pochissimi. C’è molta confusione e in molti ritengono che poi, alla fine di tutto, non ci saranno controlli, e dunque sottovalutano il problema. Le dirò di più: ritengono che tutto sia dovuto, che debba essere gratuito e che debba essere concesso a tutti a piene mani. Purtroppo ho notato, in generale, una mancanza di etica e di rispetto per il proprio lavoro, nonché per le persone».

Articoli correlati
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...