Formazione 1 Aprile 2022 11:25

Formazione continua, Consiglio di Stato ribadisce: «Obbligo ECM vale anche per psicologi liberi professionisti»

Il commento del presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi David Lazzari: «Sentenza conferma indirizzo della commissione ECM. E ribadisce che il tema della formazione è di competenza del Consiglio nazionale e non degli ordini locali». E il CNOP di attrezza con un programma ad hoc per gli iscritti

di Francesco Torre
Formazione continua, Consiglio di Stato ribadisce: «Obbligo ECM vale anche per psicologi liberi professionisti»

Gli psicologi, sia quelli che operano nel Servizio sanitario nazionale che i liberi professionisti, sono assoggettati all’obbligo di Educazione Continua in Medicina. Lo ha ribadito una sentenza del Consiglio di Stato che, in realtà, si è limitata a confermare quanto statuito dal TAR del Lazio che ha bocciato il ricorso del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

Una sentenza che in realtà non entra nel merito ma ribadisce che spetta al Consiglio nazionale deliberare sulla Formazione continua: «La delimitazione del perimetro della formazione professionale obbligatoria degli psicologi – si legge nella sentenza – che costituisce l’oggetto del ricorso in esame, non ha evidentemente una rilevanza circoscritta all’ambito territoriale del Consiglio dell’ordine degli psicologi della Regione Lazio, con la conseguenza che essa deve ritenersi devoluta alla competenza del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi».

Un indirizzo inatteso

Per il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, David Lazzari, un indirizzo atteso: «Il Consiglio di Stato ha confermato quanto stabilito dal TAR affermando che solo la rappresentanza nazionale della professione può pronunciarsi su quelle normative che riguardano la professione nel suo complesso – spiega a Sanità Informazione Lazzari -. Mentre i singoli ordini territoriali possono solo occuparsi delle questioni che hanno una rilevanza locale».

Dunque, per i giudici di Palazzo Spada il soggetto ricorrente non aveva i requisiti per potersi esprimere su un tema di rilevanza nazionale. «Diversamente opinando – spiegano i giudici – si dovrebbe arrivare all’inammissibile conclusione di ritenere che gli obblighi formativi degli iscritti all’albo degli psicologi possano essere diversamente configurati a seconda dell’ordine territoriale di appartenenza».

«La questione – spiega Lazzari – non è se gli psicologi debbano o meno adempiere agli obblighi formativi, ma se tutti debbano essere assoggettati al regime ECM o se debba esserci un doppio registro per dipendenti pubblici e liberi professionisti. La tesi della commissione nazionale della formazione continua è che essendo gli psicologi professione sanitaria, tutti, al di là di dove lavorano, devono stare nel sistema ECM».

Come si gestirà il CNOP

Il CNOP, tuttavia, si è attrezzato per aiutare gli iscritti ad adempiere all’obbligo formativo che resta un dovere per tutti i professionisti della sanità varando il programma “Cnop Formazione continua”.

«Abbiamo varato un programma – spiega Lazzari – che consentirà a tutti i nostri iscritti di avere nel 2022 almeno 60 crediti ECM. In più abbiamo fatto un dossier formativo di gruppo che può dare fino a 30 crediti. E stiamo chiedendo alla commissione formazione continua una serie di specificità per le attività degli psicologici. La risposta è attesa nei prossimi giorni».

Il CNOP ha inoltre chiesto e ottenuto nei mesi scorsi l’allargamento del bonus Covid, in prima istanza riconosciuto solo a medici, infermieri e farmacisti, a tutte le professioni sanitarie, comprese le psicologhe e gli psicologi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle
«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica
di Francesco Torre
Body shaming e magrezza patologica: formazione e consapevolezza per contrastare i nuovi fenomeni social
Consulcesi lancia il nuovo corso per camici bianchi sui Disturbi del comportamento alimentare
Medicina legale, Frati: «Settore in evoluzione, tra nuove problematiche e novità legislative»
La professoressa Paola frati presenta il convegno «Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione», che si terrà il prossimo 9 e 10 giugno. Si tratta di una due giorni di incontri e dibattiti attorno alle tematiche più innovative della medicina legale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali