Formazione 21 luglio 2015

«Fondamentale essere sempre preparati a gestire l’emergenza e saperla comunicare»

Maria Grazia Pompa (Direzione Generale del Ministero della Salute): «Risposta coordinata imprescindibile  per tutelare gli operatori sanitari in prima linea»

Immagine articolo

Una lezione importante, quella tenutasi nei giorni scorsi al Ministero della Salute in occasione della Tavola Rotonda “La lezione di e-bola”.


Per due motivi: per non ripetere gli errori del passato nella gestione delle epidemie e per avere un approccio innovativo e coordinato per fronteggiarle nel presente e nel futuro, con una parola d’ordine, anzi due: formazione e informazione. Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Maria Grazia Pompa, Direzione Generale Prevenzione Sanitaria Ministero della Salute, nonché Direttore Ufficio Malattie infettive, profilassi internazionale e bioterrorismo, che era tra i relatori della Tavola Rotonda.

Dottoressa, qual è la lezione che ha lasciato Ebola?
«La necessità fondamentale di una preparazione degli operatori sanitari sia nella gestione dell’emergenza sia nella comunicazione all’esterno di quello che sta accadendo. Sicuramente poi, di uno stretto contatto con tutte le organizzazioni internazionali per una risposta coordinata, in sintonia con le necessità dell’emergenza».

A tal proposito, si è avvertito un gap da colmare, qualcosa è andato storto nella gestione dell’emergenza tanto da richiedere un coordinamento a livello internazionale?
«Ogni emergenza rivela sempre delle criticità. E dopo ogni emergenza si fa sempre una sorta di riflessione, e  le “lezioni” apprese, come oggi a quest’evento, ci mostrano quanto altro c’è ancora da fare, sia a livello di comunicazione che di formazione immediata, e l’informazione per tutti coloro che sono in prima linea nell’affrontare l’emergenza, quindi gli operatori sanitari in primis. Questo è un punto fondamentale emerso anche in questa emergenza Ebola. D’altra parte però in Italia possiamo contare su una rete di risposta nei reparti di malattie infettive molto ben organizzata e distribuita sul territorio che risponde bene e che permette di avere qualche certezza. Ma comunque, mai abbassare la guardia».

Articoli correlati
È on-line Respiro.News, il nuovo spazio web pieno di notizie per star bene e servizi per il cittadino
«La tendenza del cittadino ad affidarsi al web nella ricerca di informazioni su sintomi, patologie e specialisti del settore è sempre più diffusa. Si tratta di un fenomeno dai toni allarmanti e va certamente arginato». Con queste parole, la Sintex lancia Respiro.News uno spazio web rivolto al cittadino volto a fornire un’informazione validata scientificamente riguardo le principali […]
Subiaco, Alessio D’Amato (Lazio): «Con elisoccorso e nuovo PS miglioriamo la rete dell’emergenza»
«Con il via libera alla realizzazione della nuova elisuperficie e l’adeguamento del Pronto Soccorso dell’Ospedale Angelucci a Subiaco manteniamo fede alle promesse, migliorando e potenziando la rete dell’emergenza anche nelle aree più interne. Ora l’auspicio è che i lavori vengano conclusi in tempi rapidi e che i nuovi servizi entrino in piena operatività per aumentare […]
Droghe, Cgil e Fp Cgil aderiscono a giornata contro overdose
“Mai più overdose, mai più stigma”. Con questo appello la Cgil e la Fp Cgil aderiscono alla giornata mondiale contro l’overdose, una iniziativa lanciata nel 2001 e che ha visto negli anni crescere l’adesione di molte associazioni e organizzazioni nel mondo, comprese amministrazioni e governi di vari paesi. La Cgil e la Funzione Pubblica Cgil […]
Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»
In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]
Vaccini, Assessore Saccardi (Sanità Toscana): «Verificheremo. Se si vuole rivedere l’obbligo lo si faccia in modo chiaro»
«Le famiglie da noi non portano nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata», spiega l'assessore intervenendo sulla circolare disposta in materia dal Ministro della Salute Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...