Formazione 9 febbraio 2016

Ex specializzandi, il Parlamento fissa i tempi dei rimborsi

È sprint di ricorsi per i medici. Aiello (Ncd): «Sulla spinta della mozione a firma di 21 senatori calendarizzato un testo di legge unificato per l’accordo transattivo». Lala (OMCeO Roma): «Pochi i colleghi che non si sono ancora mossi»

Immagine articolo

La svolta è arrivata. Lo Stato è pronto a sbloccare i rimborsi per gli ex specializzandi. In arrivo un Ddl unificato, dopo la mozione presentata da 21 senatori che impegnava il governo a garantire un congruo indennizzo a tutti i medici che hanno fatto ricorso, facendo risparmiare allo Stato oltre 5 miliardi di euro. La notizia è stata data dal senatore Ncd Piero Aiello, primo firmatario della mozione.


Perché per risolvere finalmente il contenzioso tra Stato e tutti quei medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006, non basta la volontà dei diretti interessati. Serve un interesse politico. E dopo il documento redatto da 21 senatori, depositato alcuni giorni fa, arriva un Disegno di Legge unico – che nel giro di pochi mesi sarà già in Aula – per dare maggior peso ai tre già in discussione in Parlamento. A testimonianza di una volontà politica trasversale di mettere un punto definitivo ad una diatriba che si tira avanti da decenni e che è già costata molto cara alle casse dello Stato. Dopo anni di battaglie in tribunale e in Parlamento, si avvicina dunque la transazione richiesta a gran voce dai medici, quale migliore soluzione del problema: «Quella relativa alle borse di studio per gli ex specializzandi – spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Roberto Lala – è una legge che per anni è stata disattesa dal nostro Paese. Per questo è chiaro che tutti i professionisti danneggiati abbiano dato corso ad un’azione giudiziaria per vedersi riconosciuto un diritto. I giudici – aggiunge Lala – hanno ovviamente continuato a dar ragione ai ricorrenti man mano che la vicenda diventava sempre più chiara». Andando avanti così, però, il rischio di esborso totale da parte dello Stato «diventerebbe enorme», e allora «ben venga una soluzione, chiesta da lungo tempo, che vada incontro ai diritti di chi ha subito l’ingiustizia a suo tempo e che chiuda la vicenda anche se con una parziale remissione economica, comunque compensata dal non dover intraprendere un’azione giudiziaria». Una soluzione che, secondo il presidente Lala, rappresenta un’ottima opportunità anche dal punto di vista dello Stato, che con una transazione non sarebbe più costretto a pagare cifre altissime: «Un conto – spiega – è versare la quota dovuta, più spese legali, rivalutazioni e tutto ciò che ne consegue, un conto è versarla in parte. Credo che rappresenti un tale vantaggio per lo Stato e i 21 parlamentari», autori della mozione, «meritano di essere ascoltati». Ma tutto ciò deve avvenire «nell’interesse generale» e non «in quello dei singoli», perché tanto «i singoli vincono un ricorso dietro l’altro».

Tra le principali realtà di tutela della classe medica, Consulcesi, da sempre in prima linea nella lotta giudiziaria che vede contrapporsi Stato ed ex specializzandi, ricorda l’importanza di formalizzare i ricorsi prima della trasformazione in legge, come specificato nella mozione. Il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella, è felice che la politica abbia finalmente capito la portata del problema: «In questi anni – commenta Tortorella – abbiamo lavorato bene: abbiamo assunto correttamente il mandato che ci è stato dato dal mondo medico-sanitario, che voleva vedersi riconosciuto il diritto alle borse di studio, erogate in tutta la Comunità europea tranne che in Italia. Ci sono state infrazioni da parte dello Stato italiano, e dei governi italiani, che noi abbiamo sanato, perché la presidenza del Consiglio in questi ultimi due anni ha pagato centinaia di milioni di euro ai nostri medici, grazie alle cause che abbiamo vinto. Di questo siamo molto contenti. La giurisprudenza ormai è consolidata – conclude il presidente Massimo Tortorella – e totalmente favorevole ai camici bianchi, che vincono e ricevono i rimborsi in tempi sempre più veloci. Dopo questa accelerata, ora i medici devono affrettarsi a formalizzare i ricorsi per assicurarsi il rimborso previsto dall’accordo transattivo, perché il tempo per farlo stringe. E difatti già tanti OMCeO, Enti, Associazioni, Sindacati e Società Scientifiche hanno provveduto a convenzionare tutti i loro iscritti per prendere parte alle prossime e imminenti azioni collettive. A disposizione di chiunque voglia ricevere più informazioni e capire meglio cosa fare per agire e vedersi riconosciuto un diritto certo, ci sono i nostri avvocati e consulenti legali contattabili al numero verde 800.122.777 e sul sito internet www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...