Formazione 1 Aprile 2020 10:38

Emergenza Coronavirus, picco della Formazione a Distanza: + 40%. Burnout il corso più seguito

La metodologia interattiva più utilizzata quella del “Paziente Virtuale”: le simulazioni e la realtà immersiva superano Film Formazione ed Ebook. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Il messaggio degli operatori sanitari è chiaro: anche in emergenza la formazione resta un valore. Continueremo ad investire nella tecnologia, la Fad non è più un’alternativa, ma l’unica soluzione»

Emergenza Coronavirus, picco della Formazione a Distanza: + 40%. Burnout il corso più seguito

In prima linea per affrontare l’emergenza coronavirus e on line per tenere aggiornate le loro competenze e conoscenze. Nel mese appena concluso, in particolare a partire dai primi Decreti restrittivi dell’11 marzo, Consulcesi Club ha registrato un aumento del 40% di fruizione dei corsi Ecm con la modalità Fad (Formazione a Distanza).

«La prima considerazione è che anche in una delicata fase emergenziale il valore della formazione mantiene una grande importanza per gli operatori sanitari ,– commenta il Presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella. In questo particolare contesto, inoltre, abbiamo conferma di come la tecnologia possa concretamente rappresentare un plus determinante e che la Formazione a Distanza da alternativa sia diventata la soluzione, in realtà l’unica soluzione».

Analizzando il “comportamento digitale” degli operatori sanitari sul provider Sanità in-Formazione, la piattaforma riservata agli oltre 120mila utenti di Consulcesi Club, emergono due elementi interessanti. Tra le modalità interattive, tra quelle proposte, quella del “Paziente Virtuale” è la più scelta davanti agli e-book, i film formazione e le video lezioni online. La tendenza è dunque quella di mettersi alla prova scegliendo simulazioni, che prevedono anche tecnologie avanzate come la realtà immersiva.

LEGGI ANCHE: PONTE ITALIA-ALBANIA, IL CORONAVIRUS NON FERMA LA SOLIDARIETÀ: EDUCAZIONE E SUPPORTO PSICOLOGICO CONTINUANO A DISTANZA

Il corso più seguito a marzo è stato l’ebook sul Burnout. Scelta non certo sorprendente visti i carichi di lavoro causati dall’emergenza Coronavirus che hanno anche riacceso l’attenzione sulla necessità di individuare soluzioni e percorsi di supporto terapeutico per lo stress da lavoro correlato, classificato come sindrome dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Oltre al burnout, completano la top 5 dei corsi più seguiti di marzo “Paziente virtuale: cosa si nasconde dietro l’ipertensione in gravidanza?”, “Il latte vaccino per la salute umana”, “Sessualità maschile nel diabete mellito di tipo 2”, e “BLSD – PBLSD e manovre di disostruzione – Cardiopathos”.

Riguardo sempre il valore tecnologico della Formazione a Distanza, Consulcesi Club, tra le novità 2020, permette agli operatori sanitari di certificare in blockchain il conseguimento dei crediti Ecm obbligatori attraverso la fruizione dei corsi. L’attestato consente infatti di generare un QR code attraverso cui ogni professionista può dimostrare di aver completato ogni singolo corso, creando un percorso virtuoso e trasparente anche con il paziente.

«La Fad rappresenta la metodologia più diffusa tra gli operatori sanitari per aggiornare le proprie conoscenze, rispondendo all’obbligo Ecm, ma anche per creare dei protocolli sanitari a livello nazionale ed internazionale. In questa direzione – ricorda Tortorella – va il nostro Docufilm formativo “Covid-19 – il virus della Paura” che, avvalendosi della forza comunicativa del cinema e delle più avanzate tecnologie, oltre che del supporto scientifico dei principali esperti mondiali e delle più importanti istituzioni sanitarie, analizzerà anche il fenomeno delle psicosi alimentato anche da teorie complottiste e fake news».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...