Ecm 5 aprile 2016

Medici competenti: scatta la corsa per recuperare i crediti. Burtone (Pd): «Su ECM maggior rigore e regole più precise»

Ancora tre mesi per mettersi in regola ed essere riammessi al lavoro. Un nuovo corso Fad dedicato: “La sindrome del disadattamento”. L’onorevole Burtone: «Il web grande alleato dei camici bianchi che vogliono completare formazione»

Immagine articolo

Nessuna sanatoria, ma ancora tre mesi per mettersi in regola. I medici competenti che sono risultati non in regola con i crediti ECM del triennio formativo 2011-2013, e che dunque sono stati cancellati dal relativo elenco, hanno la possibilità di rientrare a farne parte già da luglio, ma solo nel caso in cui riescano a mettersi in regola entro giugno.

È quanto spiegato dalla FNOMCeO(Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) sulla base del decreto con cui il Ministero della Salute ha concesso, lo scorso novembre, la possibilità dirientrare nell’elenco dei medici competenti ad oltre 6.500 operatori sanitari.

I camici bianchi che, invece, avevano acquisito meno della metà dei crediti relativi al triennio passato, per reiscriversi nell’elenco dovranno necessariamente portare a termine il programma di aggiornamento 2014-2016, con il conseguimento del 70% dei crediti previsti nella disciplina della “medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro”. E proprio in questo ambito, uno dei principali provider italiani Sanità in-Formazione con il partner Consulcesi ha appena pubblicato il nuovo corso FAD “La sindrome del disadattamento” che fornisce 9 crediti ECM ed è disponibile gratuitamente online.

La sanzione per i medici competenti che non riusciranno ad adeguarsi è la cancellazione dall’elenco nazionale. Ma la prorogarappresenta una mano tesa ai professionisti che per qualche motivo non hanno potuto (o voluto) onorare l’obbligo formativo triennale. La linea del Ministero, però, resta chiara: mettere tra le priorità di ogni singolo medico che opera nel Ssn la formazione continua. Sanità informazione ha parlato con l’onorevole Giovanni Burtone (PD), medico e membro della XII Commissione (Affari Sociali).

«Senza dubbio le sanatorie creano sempre qualche problema e qualche polemica. In verità, nel caso dei medici competenti, c’era la necessità di dare una risposta concreta in un campo delicatissimo come quello della tutela e della prevenzione della salute dei lavoratori. Per questo il Ministero della Salute ha deciso di dare una nuova possibilità e dunque riammettere solo quei professionisti che riusciranno a mettersi di nuovo in linea con i protocolli stabiliti per la formazione e l’aggiornamento. Per quanto riguarda il futuro, è necessario tornare ad una politica di rigore, così come è necessario che i medici riprendano ad affrontare continuamente la loro formazione. Serve un aggiornamento adeguato ed è per questo che si deve lavorare, per una regolamentazione ancora più precisa, utilizzando lo strumento legislativo. Dovremo dunque discutere, in maniera ferma e seria, su quali dovranno essere i criteri su cui lavorare per avere una formazione continua in medicina di qualità. Vedremo nelle prossime settimane».

Un appello dunque alle istituzioni e, in particolare, al Parlamento, affinché regolamenti al meglio la materia per dare ai medici una formazione regolare e di qualità. Altrimenti, sanzioni o incentivi possono essere una soluzione, magari proposta attraverso un Disegno di legge ad hoc.
«È assolutamente necessario intraprendere un’iniziativa del genere. Perché è indubbio che il medico deve essere messo davanti alle proprie responsabilità con rigore, ma è altrettanto fuori discussione che il professionista deve anche essere incentivato ad impiegare tempo e forze per la formazione continua. Ecco perché lo strumento legislativo può essere la chiave di volta per rispondere seriamente a queste problematiche».

Grazie alle nuove tecnologie, che hanno dato nuova vita alla Formazione a Distanza, il medico è comunque molto aiutato in termini di spazio e tempo da impiegare per formarsi. Per questo la FAD, se di qualità, può rappresentare il mezzo giusto per adempiere all’obbligo ECM.
«Le nuove tecnologie permettono ai professionisti sanitari, e non solo, di svolgere fino in fondo il processo formativo. Questa possibilità deve però essere inserita, ripeto, in un quadro di grande rigore, perché la formazione continua rappresenta uno degli strumenti più importanti per dare ai nostri cittadini la garanzia di ricevere cure di qualità».

Articoli correlati
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...