Formazione 30 Gennaio 2020 10:40

ECM e cinema, Almini (OMCeO Bergamo): «Modalità accattivante per mantenere attenzione su obbligo»

A Torino la formazione fatta con l’ausilio delle scene di film conquista medici e operatori sanitari. D’Agostino (OMCeO Torino): «L’aggiornamento continuo va salvaguardato con la tecnologia, senza atteggiamento persecutorio»

di Federica Bosco
ECM e cinema, Almini (OMCeO Bergamo): «Modalità accattivante per mantenere attenzione su obbligo»

Qualità, innovazione, nuove tecnologie e multidisciplinarità. La riforma degli ECM ha un chiaro obiettivo: elevare la qualità degli eventi formativi per migliorare le competenze e le abilità degli operatori sanitari.  Un cambio di passo che, a Torino, durante il corso ECM, “Come dove quando e perché”, si è respirato tra gli addetti ai lavori. «L’aggiornamento più che d’obbligo è doveroso – ammette Patrizia Biancucci, responsabile scientifico del corso e componente del CAO di Torino –. È stato per primo Ippocrate a parlare di questo. Non è una novità, ma mi auguro che il sistema sia organizzato in modo da consentire a tutti di formarsi e quindi raggiungere quel numero (150 crediti in un triennio) che poi vale per tutta l’Europa con modi diversi anche per le altre professioni».

LEGGI ANCHE: DA IPPOCRATE AD OGGI, LA FORMAZIONE CAMBIA MA RESTA FONDAMENTALE. ALMINI (CAO BERGAMO): «ECCO PERCHÉ CONVIENE ADEMPIERE ALL’OBBLIGO ECM»

Sul palco Stefano Almini, presidente del CAO di Bergamo, che ha voluto, attraverso immagini  prese a prestito dal cinema, far comprendere il valore di una formazione continua che è garanzia di salute del cittadino e di qualità del sistema di cure, andando in questo modo ad intercettare i fabbisogni di formazione di tutte le componenti delle professioni. «Abbiamo creato una modalità più accattivante per mantenere attenzione sulla legge, perché parlarne per cinque ore non è facile, e allora è meglio un’immagine che crea emozione, empatia e aiuta a capire il significato in profondità – spiega Stefano Almini -.  Credo che la platea abbia dimostrato con eleganza, serietà e silenzio che sono i contenuti a fare la differenza, più delle immagini».

LEGGI ANCHE: ECM, NASCE L’ASSOCIAZIONE DEI PROVIDER: «PRONTI A CONTRIBUIRE ALLA RIFORMA»

«Credo che il principio dell’aggiornamento continuo vada salvaguardato – rimarca Gianluigi D’Agostino, presidente del CAO di Torino -. Il discorso di riforma deve essere  sempre legato al codice deontologico che è molto chiaro su questi  termini».«Condivido – riprende Almini – la riscoperta non di un valore formazione, ma di un principio formazione. Possiamo dire che questo ECM ha perso valore? Può essere. Ha avuto una implementazione di numeri tali per cui la piattaforma su cui si lavorava è andata in saturazione? Sì, ma la formazione rimane un principio».

«Fondamentalmente, a margine dell’aspetto tecnologico – sottolinea D’Agostino – credo ci debbano essere regole etiche e deontologiche. La riscoperta dell’autorevolezza della professione non può che passare attraverso la cultura». «E la strutturazione, come il dossier formativo – aggiunge Almini –, che è l’unico strumento presente in Europa e che, spesso non lo ricordiamo, arriva dall’Italia. Tenendo conto, come ha detto il presidente D’Agostino, che la regola è già scritta nel codice. ECM è una procedura che aiuta fortemente un obbligo, ma è già contenuta nel codice».

«E non c’è un atteggiamento persecutorio – conclude D’Agostino –. Noi stiamo lavorando per il cittadino. Questo è il punto di partenza: la salute del cittadino di cui parla anche la Costituzione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»
In vista della scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ferie non godute: c’è chi ha “regalato” all’Azienda sanitaria 450 giorni (e potrebbe ricevere 117mila euro di indennizzo)

A causa della carenza di personale sono tantissimi i medici che non riescono ad andare in ferie anche se ne fanno esplicita richiesta. Ma cosa dice la giurisprudenza e cosa può fare un professi...
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...