Formazione 30 Gennaio 2020

ECM e cinema, Almini (OMCeO Bergamo): «Modalità accattivante per mantenere attenzione su obbligo»

A Torino la formazione fatta con l’ausilio delle scene di film conquista medici e operatori sanitari. D’Agostino (OMCeO Torino): «L’aggiornamento continuo va salvaguardato con la tecnologia, senza atteggiamento persecutorio»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Qualità, innovazione, nuove tecnologie e multidisciplinarità. La riforma degli ECM ha un chiaro obiettivo: elevare la qualità degli eventi formativi per migliorare le competenze e le abilità degli operatori sanitari.  Un cambio di passo che, a Torino, durante il corso ECM, “Come dove quando e perché”, si è respirato tra gli addetti ai lavori. «L’aggiornamento più che d’obbligo è doveroso – ammette Patrizia Biancucci, responsabile scientifico del corso e componente del CAO di Torino –. È stato per primo Ippocrate a parlare di questo. Non è una novità, ma mi auguro che il sistema sia organizzato in modo da consentire a tutti di formarsi e quindi raggiungere quel numero (150 crediti in un triennio) che poi vale per tutta l’Europa con modi diversi anche per le altre professioni».

LEGGI ANCHE: DA IPPOCRATE AD OGGI, LA FORMAZIONE CAMBIA MA RESTA FONDAMENTALE. ALMINI (CAO BERGAMO): «ECCO PERCHÉ CONVIENE ADEMPIERE ALL’OBBLIGO ECM»

Sul palco Stefano Almini, presidente del CAO di Bergamo, che ha voluto, attraverso immagini  prese a prestito dal cinema, far comprendere il valore di una formazione continua che è garanzia di salute del cittadino e di qualità del sistema di cure, andando in questo modo ad intercettare i fabbisogni di formazione di tutte le componenti delle professioni. «Abbiamo creato una modalità più accattivante per mantenere attenzione sulla legge, perché parlarne per cinque ore non è facile, e allora è meglio un’immagine che crea emozione, empatia e aiuta a capire il significato in profondità – spiega Stefano Almini -.  Credo che la platea abbia dimostrato con eleganza, serietà e silenzio che sono i contenuti a fare la differenza, più delle immagini».

LEGGI ANCHE: ECM, NASCE L’ASSOCIAZIONE DEI PROVIDER: «PRONTI A CONTRIBUIRE ALLA RIFORMA»

«Credo che il principio dell’aggiornamento continuo vada salvaguardato – rimarca Gianluigi D’Agostino, presidente del CAO di Torino -. Il discorso di riforma deve essere  sempre legato al codice deontologico che è molto chiaro su questi  termini».«Condivido – riprende Almini – la riscoperta non di un valore formazione, ma di un principio formazione. Possiamo dire che questo ECM ha perso valore? Può essere. Ha avuto una implementazione di numeri tali per cui la piattaforma su cui si lavorava è andata in saturazione? Sì, ma la formazione rimane un principio».

«Fondamentalmente, a margine dell’aspetto tecnologico – sottolinea D’Agostino – credo ci debbano essere regole etiche e deontologiche. La riscoperta dell’autorevolezza della professione non può che passare attraverso la cultura». «E la strutturazione, come il dossier formativo – aggiunge Almini –, che è l’unico strumento presente in Europa e che, spesso non lo ricordiamo, arriva dall’Italia. Tenendo conto, come ha detto il presidente D’Agostino, che la regola è già scritta nel codice. ECM è una procedura che aiuta fortemente un obbligo, ma è già contenuta nel codice».

«E non c’è un atteggiamento persecutorio – conclude D’Agostino –. Noi stiamo lavorando per il cittadino. Questo è il punto di partenza: la salute del cittadino di cui parla anche la Costituzione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
Covid-19, è siciliano il primo progetto di biocontenimento: online corsi su vestizione e svestizione
Nato in collaborazione con il ministero della Salute e dalla sinergia fra assessorato della Salute della Regione siciliana, Ordine dei medici di Palermo, Asp di Trapani e Asp di Ragusa, “Health Biosafety Training” è rivolto a tutti i soggetti coinvolti nella gestione di un’emergenza sanitaria
Anelli (Fnomceo): «Le mascherine arrivate agli Ordini non sono per uso sanitario»
«Abbiamo contattato la Protezione Civile, ci ha confermato che il materiale non era conforme a quello ordinato – precisa Anelli -. Ho avvisato i Presidenti degli Ordini affinché fermassero le procedure. Ci attendiamo che a breve si possa rimediare e che i medici possano contare finalmente su dispositivi idonei e adeguati all’esposizione professionale»
Emergenza Coronavirus, picco della Formazione a Distanza: + 40%. Burnout il corso più seguito
La metodologia interattiva più utilizzata quella del “Paziente Virtuale”: le simulazioni e la realtà immersiva superano Film Formazione ed Ebook. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Il messaggio degli operatori sanitari è chiaro: anche in emergenza la formazione resta un valore. Continueremo ad investire nella tecnologia, la Fad non è più un’alternativa, ma l’unica soluzione»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...