Formazione 29 novembre 2016

ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola

Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»

Novità per il nuovo triennio formativo 2017-2019, esenzioni e bonus per i virtuosi, ma cosa succede a chi non ha rispettato la formazione obbligatoria per legge? I professionisti che non hanno portato a termine l’aggiornamento rischiano complicazioni e non da poco. Blocco degli scatti contrattuali, difficoltà di ammissione alle selezioni per Direzione di Struttura Complessa, problemi per iscriversi all’Albo dei Medici Competenti, impedimenti per lavorare nel privato accreditato e anche in enti pubblici. A ribadirlo il CoGeAPS (Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie) durante l’incontro ‘Le professioni sanitarie ed il sistema ECM tra presente e futuro’ organizzato a Roma. In occasione dell’evento Roberto Stella, membro della Commissione Nazionale Formazione Continua e Presidente OMCeO Varese ha illustrato le novità in previsione del nuovo triennio ECM ai nostri microfoni.

Presidente, per il nuovo triennio ECM riduzioni e bonus. Può spiegarci come sarà il futuro per i professionisti?

«Sono due le grandi novità. La prima è una riduzione da 15 a 30 crediti per chi nel triennio precedente ha acquisito crediti di un certo rilievo. Ma c’è un problema, è evidente che esiste un debito formativo molto alto tra i professionisti dunque non tutti potranno accedere a questi vantaggi. In ogni caso i virtuosi potranno avere una riduzione di 15 crediti per il triennio 2017-2019 se hanno acquisito 80 crediti, dunque ne dovranno acquisire altri 135. Chi invece ne ha acquisiti oltre 120 potrà avere una riduzione di 30 punti. Quindi dei 150 crediti previsti del triennio i medici “virtuosi” che ne hanno acquisiti da 80 a 120 o da 120 a 150 usufruiranno di queste riduzioni. L’altra novità è quella che abbiamo definito come ‘flessibilità del sistema formativo’, il professionista potrà costruirsi il proprio percorso formativo scegliendo le tipologie di corsi e con una maggiore elasticità».

Per quanto riguarda le stime, sebbene sia troppo presto, per questo triennio abbiamo qualche dato per analizzare la formazione degli operatori sanitari?

«Il dato più significativo riguarda i corsi di Formazione a Distanza (Fad), aumentati sensibilmente . È da considerare che i corsi Fad sono un percorso che si è implementato nell’arco di 2-3 anni ed è uno strumento a cui si rivolgono con sempre più attenzione e interesse i professionisti sanitari. Prevediamo già per il 2016 un aumento del 23%. Questo è collegato ad un aspetto di appeal della Fad perché garantisce una maggiore fruibilità, evita spostamenti, permette diminuzione dei costi di accesso alla formazione, ma soprattutto si può fare da casa propria quindi si può scegliere quando farlo proprio perché il fattore tempo è una delle principali criticità segnalate nelle schede di soddisfazione».

Ci sono medici più virtuosi rispetto ad altri?

«Diciamo di sì, c’è una situazione a macchia di leopardo, ma noi abbiamo constatato e sono dati pubblicati, che solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso. Sapere che ci sono molti professionisti, medici di medicina generale in prima linea che hanno acquisito un numero di crediti addirittura superiore a quelli previsti, è soddisfacente, ma ci sono anche altre fasce e questo ci fa capire che bisogna lavorare di più per rendere la formazione più fruibile, cercando di ampliare l’offerta soprattutto di quei percorsi che non sono faticosi da seguire. Quindi motivazione e possibilità di agevolazioni in termini di flessibilità del progetto sia di possibilità di accesso ad una formazione più facile».

Ha partecipato al convegno ECM anche Nausicaa Orlandi , Presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici che dalla parte dei fruitori dei corsi di formazione ha fornito il suo punto di vista.

In qualità di presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici che cosa pensa dei professionisti che non si aggiornano o che non concludono la formazione?

«Personalmente ritengo che un professionista abbia per scienza e coscienza la necessità di aggiornarsi professionalmente. Ciascuno di noi dopo il proprio percorso universitario deve aggiornarsi per quanto riguarda la normativa e per quanto riguarda il cambiamento tecnologico e le metodiche della professione. Dunque ritengo che ogni professionista voglia garantire il miglior servizio possibile, a prescindere dagli ECM, ancora prima degli ECM, parliamo di persone interessate a garantire la salute della collettività».

Ritiene che nella formazione ci siano delle lacune e che non ci sia un efficace colloquio tra le necessità del professionista e chi organizza l’educazione continua?

«Io penso, almeno per quanto riguarda la nostra categoria professionale, che non si riesca a tenere conto di tutte quelle che sono le esigenze dei nostri professionisti dal punto di vista della formazione. Dunque penso che i corsi proposti sul mercato, non coprano effettivamente tutte le necessità formative dei professionisti proprio per la tipologia di attività che svolgiamo».

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano