Formazione 27 settembre 2018

ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»

«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie

Immagine articolo

«La prima regola è conoscere le regole del gioco». Sergio Bovenga, Presidente Nazionale CoGeAPS, si riferisce alla consapevolezza, da parte dei medici, della normativa alla base del percorso formativo che devono obbligatoriamente fare tutti i professionisti e operatori sanitari dopo la laurea e durante l’esercizio della professione. Ma quali sono le ‘regole’ che bisogna conoscere? Esistono meccanismi premiali per chi svolge il proprio debito formativo? L’esperienza sul campo quanto conta nella certificazione dell’esperienza maturata? A queste domande ha risposto il presidente dell’organismo che riunisce le Federazioni Nazionali degli Ordini, dei Collegi e delle Associazioni dei professionisti della salute.

LEGGI ANCHE: ECM E VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE MEDICHE: PIÙ SPAZIO ALLA PROFESSIONE. LAVALLE (AGENAS): «ECCO COME FUNZIONERÀ»

Dai numeri del CoGeAPS emerge una situazione formativa dei professionisti sanitari piuttosto chiaroscurale. Alcune proposte, come quella della rivalidazione delle competenze, potrebbero aggiustare il tiro?

«In realtà quella della rivalidazione dei titoli è una necessità sempre più sentita dalle professioni. Si tratta di un percorso che i medici stanno iniziando ad intraprendere in maniera sperimentale e volontaria. È bene sottolineare tuttavia che una parte assolutamente importante del processo di rivalidazione delle competenze è il completo assolvimento dell’obbligo ECM che, in qualche maniera, è una condizione prioritaria».

Per stimolare i professionisti quale potrebbero essere gli strumenti premiali in termini formativi? Per esempio nella scorsa regolamentazione sono stati attivati sconti sul numero di crediti, ci possono essere altri meccanismi premiali utili alla professione e alla carriera?

«Allora intanto la prima regola è conoscere le regole del gioco, fuor di metafora il sistema formativo offre molte opportunità e spesso gli stessi professionisti non conoscono la normativa e finiscono per non sfruttare le opportunità a disposizione. Per esempio, sapere che è possibile auto-formarsi e auto-certificarsi per lo studio di riviste tecniche, può essere utile al medico che in questo modo può incrementare le sue conoscenze e ottenere 10 crediti, è un’opportunità mancata se non lo fa. Non sapendolo il professionista studia le riviste e non dichiara di farlo, quindi questo si traduce in un danno, in un vulnus del percorso formativo che in realtà è ‘apparente’ perché non produce dei crediti ma aggiornamento. Un altro esempio è il dossier formativo: partecipare alla programmazione della propria formazione comporta già in partenza 10 crediti formativi, questo non tutti lo sanno e dunque si perde un ulteriore opportunità. Dunque io – prima di parlare di sanzioni o eventuali premialità – direi che bisogna conoscere le regole del gioco e utilizzarle nel miglior modo possibile, solo così vedremo crescere in maniera significativa il numero di colleghi in regola con i percorsi formativi».

Per concludere dai dati del CoGeAPS risulta che i medici si aggiornano su argomento attinenti alla loro specializzazione, questo elemento va in conflitto con la tesi per cui ci si aggiorna solo per rimanere in regola con l’ECM e non per interesse professionale?

«Si tratta di uno dei luoghi comuni del passato che oggi dati più completi stanno sfatando. Infatti in passato si diceva che i professionisti pur di far crediti andavano a formarsi su qualsiasi cosa, i dati che abbiamo dicono l’esatto contrario: i professionisti essenzialmente si aggiornano nelle discipline che esercitano quindi ‘manutengono’ le proprie competenze».

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Formazione: apre a Milano il CeFAeS su iniziativa di AIPO
Apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a Milano, il Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS) destinato a mutare radicalmente lo scenario della formazione basato sulla simulazione in ambito medico. Il Centro infatti darà l’opportunità a chi opera nell’ambito di questa […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...