Formazione 8 Marzo 2016

«Su obbligo ECM necessarie sanzioni»

Il senatore Liuzzi (CoR): «Formazione fondamentale, si deve intervenire su chi non è in regola»

Immagine articolo

Un obbligo senza sanzioni rischia di diventare inutile. Quindi, «ben vengano le sanzioni per i medici che non si adeguano all’obbligo formativo». Pietro Liuzzi, Senatore di CoR (Conservatori e Riformisti) ai microfoni di Sanità informazione si dice sicuro che la formazione continua in medicina svolga una duplice funzione: migliorare l’aspetto professionale del camice bianco e fornire ai cittadini un servizio migliore.


Affinché avvenga questo, però, è necessario dare nuovo senso al sistema ECM, attraverso una politica di sanzioni («assolutamente necessarie») e «una assunzione di responsabilità da parte degli OMCeO e dei singoli associati».

«La qualità della formazione è un aspetto dirimente. Farla soltanto per assolvere un dovere non ha senso: non produce effetti, e anzi è deleteria. Ritengo dunque che la formazione recepita come un qualcosa che è in grado di arricchire l’aspetto professionale di ognuno sia un vantaggio per i pazienti, per l’intera organizzazione sanitaria e per la società. Occorre assolutamente lavorare in questo senso. È necessario che il governo metta gli operatori sanitari nelle condizioni di ottenere i crediti necessari per assolvere l’obbligo. Le scuole di formazione sono importanti: devono essere accreditate, dotate di quelle risorse umane in grado di trasferire competenze e sapere. Sono anche dell’opinione che sul livello territoriale i medici e tutti i professionisti sanitari abbiano il dovere di essere sempre aggiornati. Ne vale la pena: non soltanto per loro, ma anche e soprattutto per l’intera società, che è composta dai veri beneficiari finali di questa formazione, ovvero i cittadini».

La formazione ECM come attenzione verso i pazienti. In questo senso potrebbe essere il caso di prevedere un sistema di sanzioni per chi non si mette in regola.
«Sì, le sanzioni sono necessarie. Occorre assolutamente dare un senso a quello che, alla fine, è un obbligo. E se un obbligo non prevede sanzioni è un obbligo vago, che non mette nessuno nelle condizioni di comprendere, di fare ricorso alla propria responsabilità. Per questo, ben vengano le sanzioni, ben venga un’assunzione di responsabilità da parte degli ordini e da parte dei singoli associati».

Anche perché oggi il medico, con l’avvento delle nuove tecnologie, ha a disposizione tanti mezzi per completare la sua formazione. Si pensi ad esempio alla Formazione a Distanza e a quella via web che taglia spazi e tempi, permettendo a chiunque di formarsi in maniera estremamente precisa e qualitativamente importante con i provider migliori.
«Certo, non è detto che la formazione migliore, al giorno d’oggi, sia quella “classica”, ovvero quella cosiddetta frontale. Ci sono le nuove tecnologie della comunicazione che vanno usate, vanno messe in campo. Penso che la via del web e, ovviamente, della Fad, possa sopperire a questa carenza e dare le giuste opportunità ai medici per potersi mettere in regola con l’obbligo».

Articoli correlati
Ludopatia: oltre 1,3 milioni di malati, solo 12 mila in cura. Ecco cosa possono fare i medici per guarire i giocatori
Consulcesi Club e il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta specializzato nel trattamento delle tossicodipendenze e delle nuove dipendenze, lanciano il corso ECM FAD “Ludopatia: strategie ed interventi per il trattamento”
ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità
Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento
“Attenzione alle sanzioni”, la rivista In Formazione del Bambino Gesù lancia l’allarme sui mancati crediti ECM
Dal 2020 il nuovo triennio formativo richiederà 150 crediti. A ribadirlo anche una lettera scritta dal presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli
Formazione ECM, Vicario (FNOPO): «L’aggiornamento per noi è un punto vitale»
Con il rinnovo del codice deontologico degli infermieri, anche le ostetriche sono al lavoro per adeguare il proprio corpus. Tra i punti di maggiore interesse emerge quello dell’Educazione Continua in Medicina
«Non siamo un bancomat». Toti Amato (OMCeO Palermo) contro contenziosi temerari: «Premiare chi fa aggiornamento ECM»
Nuovo appuntamento degli Stati Generali FNOMCeO il 4 e 5 luglio. Ai microfoni di Sanità Informazione, Toti Amato, presidente Omceo Palermo e membro del Comitato Centrale FNOMCeO fa il punto della situazione e risponde agli attacchi contro i camici bianchi che arrivano dalle associazioni dei pazienti: «Con FNOMCeO siamo al lavoro per rafforzare il rapporto medico-paziente anche attraverso incentivi per chi adempie all’aggiornamento professionale, una garanzia per i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...