Formazione 9 Settembre 2021 13:25

Domande sbagliate al test di Medicina, sui social la rabbia dei candidati

Annullare le domande sbagliate non è la soluzione più corretta secondo i candidati: la disparità verrebbe a crearsi comunque

Domande sbagliate al test di Medicina, sui social la rabbia dei candidati

Annullare le domande sbagliate, dare punti a tutti, rifare il test o fare ricorso? C’è tanto malcontento nei gruppi social dei candidati al test di Medicina 2021 e poca omogeneità nei pareri espressi. Quello che sembra sicuro è che sono tutti molto arrabbiati: i ragazzi, i genitori e le associazioni di studenti. Questa volta il Ministero ha fatto più di un errore e il ricalcolo potrebbe mettere a rischio l’equità della graduatoria.

La storia la sappiamo: ci sono almeno due domande sbagliate nel test di Medicina 2021, oltre ad altre domande ambigue. Quesiti in cui la risposta giusta era tra le opzioni ma veniva considerata scorretta. Se ne sono accorti in molti dopo la pubblicazione delle soluzioni e le segnalazioni sono arrivate in massa al Ministero. Da qui la comunicazione ufficiale della ministra Maria Cristina Messa che ha annunciato che quelle domande saranno annullate a tutti. Giusto? Secondo molti candidati no.

Il problema è che spesso non è una mera questione di punteggi, ma di opportunità perse: tanti ragazzi, ad esempio, scrivono di aver perso molto tempo a cercare la soluzione alle domande incriminate, magari lasciandone in bianco altre perché i fatidici 100 minuti erano finiti. Sapere che adesso alle prime non verrà riconosciuto un punteggio e alle seconde sì li fa, com’è immaginabile, infuriare.

Ammettere tutti

«Qualunque cosa decida il Ministero – scrive A.C. – sono certo che commette un grave errore, dando un grosso contributo a tantissimi legali. Il rischio è che a quel punto gli Atenei si vedano costretti ad immatricolare decine di migliaia di studenti, se non tutti. La soluzione è annullare il test e permettere a tutti di entrare, magari con uno sbarramento al secondo anno».

Ammettere direttamente tutti, quindi, per livellare le ingiustizie che una graduatoria fallata provocherebbe. Un’ipotesi sicuramente poco realistica, ma che potrebbe verificarsi in via indiretta: la vittoria dei ricorrenti di fatto consentirebbe di raggiungere lo stesso risultato.

Dare 1,5 punti in più a tutti

Invece P. suggerisce: «Non è meglio se danno 1,5 a tutti?». Ma V. le risponde subito: «Poi chi aveva risposto bene avrà punti in meno rispetto a quelli che meriterebbe. A chi ha risposto male non saranno tolti 0,4, la graduatoria sarebbe falsata». «Meglio che diano zero come dice la Messa», si aggiunge un altro. «E poi chi non ha risposto per paura di sbagliare data l’ambiguità delle domande che deve fare?» chiede M. «Per le domande ambigue nessun provvedimento penso sia corretto, mi riferisco solo a quelle in cui la risposta corretta era diversa da quella data dal MUR», è la replica.

Insomma aggiungere punti o non darli a nessuno non sembra comunque la soluzione più corretta per i candidati. La disparità viene a crearsi comunque, denunciano, per chi voleva rispondere ma non l’ha fatto, per chi avrebbe sbagliato ma ha avuto la risposta esatta, per chi invece aveva ragione ma non l’aveva.

Rivedere le risposte una ad una, ma non si può fare

«La verità – dice C. – è che l’unica cosa giusta sarebbe rivedere uno per uno le risposte date e correggere il punteggio, ma non lo faranno mai nonostante l’errore sia loro. Io per esempio per queste domande errate del MUR non riesco ad entrare nella mia prima e seconda scelta». Un problema comune a molti: tre punti in meno non sono una passeggiata in un quiz composto da sole 60 domande.

Fare ricorso

Si torna quindi a convincere i colleghi a presentare ricorso anche per protestare contro la situazione attuale. Una misura, quella del ricorso al test di Medicina 2021, che sono in tanti ad ammettere di voler tentare se non riusciranno ad entrare. Specie perché quest’anno le motivazioni sono particolarmente evidenti e un errore del Ministero potrebbe aprire le porte a decisioni positive da parte del TAR.

Non far nulla?

Non mancano nemmeno quelli che chiedono di non annullare le domande e lasciare che il calcolo punteggi prosegua. E chi la pensa al contrario, e li accusa di egoismo e mancanza di visione d’insieme. «Sto sentendo un sacco di persone – osserva A. – parlare di domande che non dovrebbero essere annullate ma che venga dato il punto in base a come abbiano risposto loro pur di salire di posizione in graduatoria e far scendere gli altri. Molte persone inneggiano allo spirito di solidarietà per questo test e poi appena ne hanno l’occasione ti voltano le spalle. La coerenza è fondamentale, ricordatelo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Test di Medicina sbagliato, e adesso cosa racconto a mio figlio?»
di Calliope Tonus, Mamma di un candidato al test di Medicina
di Calliope Tonus, Mamma di un candidato al test di Medicina
Domande sbagliate al test di Medicina, presentata interrogazione parlamentare. Messa: «Le annulleremo»
Sarebbero più di una le domande errate presenti nel test di ingresso alle Facoltà di Medicina che si è svolto venerdì scorso. In arrivo una valanga di ricorsi
Test di Medicina, Consulcesi: «Tra Green pass e irregolarità la strada per diventare medico inizia in salita»
La denuncia del network legale: «Sono centinaia gli studenti che in tutta Italia non hanno potuto sottoporsi al Test di ingresso per problemi con il certificato verde»
Ecco com’è andato il test di Medicina 2021
Cronaca di una giornata significativa per il futuro di oltre 60mila ragazzi. Da Milano a Palermo, tra nervosismo, speranza e proteste contro il numero chiuso
Test Medicina: solo 1 su 5 ce la farà. Consulcesi: «Più facile svaligiare la zecca spagnola…»
Flash mob Consulcesi ispirato a La Casa di Carta per chiedere accesso più meritocratico e vigilare sulla regolarità dei test. Legali nelle sedi degli atenei di tutta Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...