Formazione 6 Novembre 2020 12:45

Disegno di legge sul numero chiuso a Medicina: «Ammesso con riserva chi ha fatto ricorso»

Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «In Italia mancano 56mila medici. Arriva in Parlamento il Ddl che consentirà l’accesso con riserva a chi ha presentato ricorso al Tar. Gli aspiranti camici bianchi hanno tempo fino all’11 dicembre per presentare ricorso»

Arriva in Parlamento un Disegno di legge che, se approvato, consentirà l’accesso alla Facoltà di Medicina con riserva a chi entro l’11 dicembre presenterà ricorso al Tar: «L’obiettivo è quello di tamponare la grave carenza di medici, causata in larga parte dal numero chiuso che impedisce l’ingresso a Medicina a migliaia di candidati ogni anno», spiega Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, network legale di riferimento per le professioni sanitarie.

Si stima che in Italia manchino all’appello 56mila camici bianchi. «Una carenza, questa, che da anni rappresenta un cruccio per il nostro Servizio sanitario nazionale e che ora sta creando gravi difficoltà nella gestione della pandemia», sottolinea il presidente di Consulcesi. «Basta pensare a quanto sta succedendo in Calabria, diventata ‘zona rossa’ per mancanza di personale sanitario e non per numero di contagi», aggiunge. Da qui la necessità di mettere una toppa: «Aprire le Facoltà di Medicina anche ai candidati esclusi è un tentativo per evitare che in futuro ci si debba ritrovare nuovamente in questa situazione di emergenza», evidenzia Tortorella. «Una sanatoria, insomma, per limitare i danni di un sistema di selezione che, come ormai è chiaro, è inadeguato allo scopo». La nota positiva di questo provvedimento, qualora venisse approvato, è che le Facoltà avranno tutto il tempo di adeguare gli spazi all’arrivo dei candidati riammessi. «La didattica a distanza, resa necessaria dalla pandemia, consentirà infatti di gestire le lezioni anche in presenza di un numero di studenti più grande», specifica Tortorella.

Consulcesi, tuttavia, invita i legislatori a cogliere questa opportunità per ripensare in maniera definitiva il sistema di selezione dei futuri medici. «Perché non è solo questione di numeri», dice Tortorella. Consulcesi, infatti, ha già evidenziato numerose “falle” al sistema del Numero Chiuso e della selezione con domande a crocette. «Ormai è chiaro che non è adatto a selezionare gli aspiranti medici più meritevoli e questo porta all’esclusione di migliaia di potenziali medici eccellenti», sottolinea Tortorella. A questo si aggiungono le centinaia di irregolarità segnalate in tutta Italia che, quest’anno, hanno portato a un aumento di circa il 10 per cento dei ricorsi.

Consulcesi mette a disposizione dei candidati lo sportello virtuale www.numerochiuso.info e i canali social dedicati, per raccogliere testimonianze e fornire informazioni su come tutelarsi in caso di scorrettezze durante la prova. A loro disposizione ci sono consulenti consultabili gratuitamente attraverso il numero verde 800.189091.

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Consulcesi cresce acquistando QS Edizioni, SICS Editore e PKE. Tortorella: «Ora protagonisti PNRR»
Il presidente Tortorella: “Creata la realtà di riferimento per sanità e farmaceutica. Ora saremo protagonisti nel Pnrr”. Nasce gruppo con oltre 650 dipendenti
Numero chiuso, come cambierà l’accesso all’università. La maggioranza chiede un aumento dei posti del 10%
Nella risoluzione approvata in commissione Cultura alla Camera, che farà da cornice alla riforma, i deputati chiedono di rendere disponibili corsi di preparazione preliminari gratuiti. E nel lungo periodo si punta a un rapporto di uno a uno tra gli accessi alla facoltà di medicina e gli ulteriori percorsi di formazione post lauream
di Francesco Torre
Cambia il test di Medicina ma resta il numero chiuso. La ministra Messa: addio a cultura generale e arriva il TOLC
In un'intervista al Corriere della Sera la ministra dell'Università ha parlato di un cambiamento nelle modalità del test di Medicina: si saluterà il "concorsone" in virtù di un esame TOLC, come succede a Ingegneria, con più risultati comparabili e più possibilità a partire già dal quarto anno di liceo
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...