Formazione 19 settembre 2017

Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»

Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente

I medici vogliono fare i medici: su questo non c’è dubbio e a confermarlo un sondaggio curato da Cimo che ha interpellato 3.313 medici dipendenti che hanno risposto a 10 domande sul sentimento di appartenenza alla categoria. Ecco le risposte più rilevanti:

  • Alla domanda ‘Quanto la burocrazia vincola l’esercizio della professione?‘, l’80% degli intervistati risponde che la burocrazia rappresenta un ostacolo vero e proprio e talvolta insormontabile per gestire nel migliore dei modi l’attività;
  • Alla domanda ‘Lo stato giuridico del medico è soddisfacente?‘ il 93% dei camici bianchi ammette di essere insoddisfatto dell’attuale stato giuridico che mal rappresenta la professione ed il 70% si pone sulla difensiva sia nel rapporto con i pazienti che in quello con la direzione amministrativa con la quale ha spesso contrasti;
  • Alla domanda ‘Cambieresti professione?‘ tuttavia solo il 15% risponde affermativamente. Tutti gli altri, sceglierebbero ancora di fare i medici.

Questo è ciò che emerge dal sondaggio che sarà argomento di discussione in occasione del XXXI Congresso elettivo in cui si voterà per l’elezione del nuovo Presidente Nazionale che subentrerà all’uscente Riccardo Cassi.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

«Abbiamo voluto chiedere ai nostri colleghi dipendenti del Ssn cosa pensano del loro lavoro – ha spiegato Cassi -. Dai risultati emerge una categoria che vuole essere riconosciuta per la propria professionalità, che chiede con forza un’autonomia giuridica e contrattuale e riconosce come interlocutore privilegiato, tra le istituzioni, il Ministero della Salute».

Inoltre, dall’indagine emerge anche una forte preoccupazione per l’attuale contesto socio economico: il 61,4% immagina perfino un’involuzione della professione. La soluzione proposta dai camici bianchi intervistati è quella di avere come interlocutore privilegiato il Ministero della Salute (68,7%) ed avere un’area contrattuale autonoma, richiesta dal 90% di quelli che hanno risposto al questionario.

«Questi dati confortano l’azione che CIMO ha seguito in questi anni nei riguardi della professione medica – commenta ancora il Presidente uscente –, azione che sarà rilanciata dalla dirigenza che uscirà dal congresso elettivo dei prossimi giorni e che porterà ad una nuova presidenza del sindacato. La battaglia in difesa della professione e nel riconoscimento di uno stato giuridico che metta l’atto medico al centro delle cure, è nel Dna di Cimo. I medici scelgono questa professione per curare le persone e, nonostante la demotivazione derivante dalle riforme fallimentari degli anni 90, il 70% dei medici intervistati sceglierebbe ancora questa professione. È compito del sindacato ricreare le condizioni perché possano farlo nelle migliori condizioni possibili» conclude.

Tanti i seminari e i meeting incentrati sugli argomenti inerenti la professione medica al congresso di Firenze: alla conferenza Formazione, sistema di valutazione e carriera professionale del medico dipendente del SSN parteciperanno, tra gli altri, Valerio Alberti, Direttore Generale ASL Città di Torino, Renzo Alessi, Direttore Amministrativo CRO Aviano, Rossana Ugenti, Direttore Generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del SSN del Ministero della Salute. Interessante anche il confronto su Welfare e Sanità, quale futuro per il SSN, incontro a cui interverranno, tra tutti, Sergio Bovenga, Segretario Generale FNOMCeO, e l’Onorevole Federico Gelli, Responsabile Sanità del Partito Democratico. Disponibile anche il Corso di Formazione ECM per i delegati: Patto per la salute, Lea e standard ospedalieri: la centralità del medico a garanzia dei bisogni di salute dei cittadini.

 

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...