Formazione 18 Gennaio 2019 11:23

Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»

In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»

È Stefano de Lillo, ex senatore e cardiologo, il nuovo presidente ad interim di Agenas. In qualità di membro più anziano del Cda dell’Agenzia, De Lillo subentra al dimissionario Luca Coletto nominato Sottosegretario alla Salute. Il nuovo presidente ad interim rimarrà in carica fino all’elezione del nuovo presidente e Sanità Informazione lo ha intervistato per tracciare un bilancio del passato e discutere le prospettive del futuro formativo dei professionisti sanitari.

Lei è diventato presidente ad interim di Agenas, come si sente in questa veste e quale pensa possa essere, in questa finestra di tempo, il suo apporto all’Agenzia?

«Si tratta di una carica che acquisisco in quanto consigliere anziano di Agenas in seguito alle dimissioni del presidente Luca Coletto che ha assunto l’incarico di Sottosegretario alla Salute. Innanzitutto faccio un grande in bocca al lupo al presidente, ora sottosegretario, per il suo nuovo e importante incarico. Sono contento di aver avuto la possibilità di completare il mio percorso all’interno di Agenas con questa presidenza e ho intenzione di continuare l’ottimo lavoro che il presidente Coletto e il direttore generale Bevere stanno portando avanti da tempo per rendere sempre più operativa ed efficace la funzione dell’Agenzia. L’Agenas sta lavorando intensamente per rendere i livelli della nostra assistenza sanitaria sempre più alti e ho intenzione di proseguire questo cammino».

LEGGI ANCHE: SOTTOSEGRETARIO SALUTE, GOVERNO: «SARA’ LUCA COLETTO». IL PRESIDENTE AGENAS E ASSESSORE SANITA’ DEL VENETO SOSTITUIRA’ FUGATTI

Che importanza attribuisce alla formazione continua per i professionisti sanitari?

«La formazione continua è fondamentale soprattutto per i professionisti della sanità, i medici e le altre professioni sanitarie e Agenas sta svolgendo un ruolo importantissimo affinché i nostri medici forniscano prestazioni di sempre maggior livello. Per riuscire in questo obiettivo rendere la formazione sempre più avanzata è strategico per i nostri sanitari al livello di nuove conoscenze scientifiche».

In questo panorama la formazione a distanza dovrebbe avere un posto in prima fila?

«La formazione a distanza è un mezzo moderno e va sfruttata perché permette di ottimizzare i tempi per un aggiornamento completo. Inoltre la formazione a distanza offre la possibilità di riapprofondire gli argomenti di studio e fornire una formazione sempre più specialistica che già rappresenta un livello di altissima professionalità del panorama dei medici a livello internazionale».

Articoli correlati
Assistenza domiciliare integrata, Enrichens (Agenas): «Pon Gov Cronicità 2018-2023 precursore di Pnrr e Dm77»
Il Project Manager del Pon Gov Cronicità, Francesco Enrichens di Agenas: «Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell'informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali»
Insediato CTS dell’Osservatorio buone pratice di integrazione socio sanitaria
Si è insediato ieri in Anci, presso la Sala della Presidenza, il Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio delle buone pratiche di integrazione socio sanitaria (OISS) promosso da Federsanità Anci in convenzione con Agenas
Aggressioni ai sanitari in aumento, Osservatorio Nazionale: «Potenziare personale e formazione»
Campagne di comunicazione, formazione (ECM e non solo) e strategie di de-escalation sono tra le indicazioni emerse nel rapporto trasmesso al Parlamento. Ad acuire il fenomeno anche la carenza di personale. Lavoro di équipe può essere strumento di dissuasione
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...