Formazione 18 gennaio 2019

Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»

In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

È Stefano de Lillo, ex senatore e cardiologo, il nuovo presidente ad interim di Agenas. In qualità di membro più anziano del Cda dell’Agenzia, De Lillo subentra al dimissionario Luca Coletto nominato Sottosegretario alla Salute. Il nuovo presidente ad interim rimarrà in carica fino all’elezione del nuovo presidente e Sanità Informazione lo ha intervistato per tracciare un bilancio del passato e discutere le prospettive del futuro formativo dei professionisti sanitari.

Lei è diventato presidente ad interim di Agenas, come si sente in questa veste e quale pensa possa essere, in questa finestra di tempo, il suo apporto all’Agenzia?

«Si tratta di una carica che acquisisco in quanto consigliere anziano di Agenas in seguito alle dimissioni del presidente Luca Coletto che ha assunto l’incarico di Sottosegretario alla Salute. Innanzitutto faccio un grande in bocca al lupo al presidente, ora sottosegretario, per il suo nuovo e importante incarico. Sono contento di aver avuto la possibilità di completare il mio percorso all’interno di Agenas con questa presidenza e ho intenzione di continuare l’ottimo lavoro che il presidente Coletto e il direttore generale Bevere stanno portando avanti da tempo per rendere sempre più operativa ed efficace la funzione dell’Agenzia. L’Agenas sta lavorando intensamente per rendere i livelli della nostra assistenza sanitaria sempre più alti e ho intenzione di proseguire questo cammino».

LEGGI ANCHE: SOTTOSEGRETARIO SALUTE, GOVERNO: «SARA’ LUCA COLETTO». IL PRESIDENTE AGENAS E ASSESSORE SANITA’ DEL VENETO SOSTITUIRA’ FUGATTI

Che importanza attribuisce alla formazione continua per i professionisti sanitari?

«La formazione continua è fondamentale soprattutto per i professionisti della sanità, i medici e le altre professioni sanitarie e Agenas sta svolgendo un ruolo importantissimo affinché i nostri medici forniscano prestazioni di sempre maggior livello. Per riuscire in questo obiettivo rendere la formazione sempre più avanzata è strategico per i nostri sanitari al livello di nuove conoscenze scientifiche».

In questo panorama la formazione a distanza dovrebbe avere un posto in prima fila?

«La formazione a distanza è un mezzo moderno e va sfruttata perché permette di ottimizzare i tempi per un aggiornamento completo. Inoltre la formazione a distanza offre la possibilità di riapprofondire gli argomenti di studio e fornire una formazione sempre più specialistica che già rappresenta un livello di altissima professionalità del panorama dei medici a livello internazionale».

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
La frequenza di un evento all’estero non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...