Federfarma 14 Maggio 2020 10:21

Siglato l’accordo con Arcuri, le mascherine tornano in farmacia. Federfarma: «Aver agito in maniera fattiva e lontani da qualsiasi provocazione, ci ha ripagati»

È stato siglato ieri dopo svariate riunioni tenute negli ultimi giorni, l’accordo tra il Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, Federfarma e le associazioni dei distributori di prodotti medicali, per far fronte alla carenza di mascherine chirurgiche sul mercato. Come riportato da Filo Diretto, l’accordo, che va ad implementare quello raggiunto precedentemente tra le parti, prevede […]

È stato siglato ieri dopo svariate riunioni tenute negli ultimi giorni, l’accordo tra il Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, Federfarma e le associazioni dei distributori di prodotti medicali, per far fronte alla carenza di mascherine chirurgiche sul mercato.

Come riportato da Filo Diretto, l’accordo, che va ad implementare quello raggiunto precedentemente tra le parti, prevede che per le attività di ristoro e liquidazione, il Commissario straordinario si impegna a corrispondere a favore delle farmacie e parafarmacie, il differenziale tra i costi sostenuti da queste ultime per approvvigionarsi di mascherine chirurgiche monouso – dalla mezzanotte del 13 maggio 2020 e fino alle ore 23.59 del 30 giugno 2020 – e il prezzo di € 0,40 per singola unità, in modo da assicurare la cessione al pubblico, verso il corrispettivo di € 0,50 + IVA.

L’accordo , stabilisce poi che le associazioni dei distributori si impegnano ad assicurare, in attuazione del presente addendum al protocollo, al prezzo di 0,46 €, una quantità di mascherine chirurgiche (delle quali è stata già avviata la verifica delle certificazioni strumentali alla loro immissione in commercio sul territorio nazionale) che perverranno nelle farmacie e parafarmacie, per il tramite dei relativi distributori, secondo il seguente calendario:

4 milioni nella settimana 18 – 24 maggio
5 milioni nella settimana 25 – 31 maggio
20 milioni nella settimana 1 – 7 giugno
20 milioni con cadenza settimanale a partire dall’8 giugno.

È poi previstoche il Commissario straordinario si impegni ad integrare gli approvvigionamenti, con ulteriori mascherine chirurgiche, al prezzo di 0,38 €, che perverranno nelle farmacie nella misura di 5 milioni sia la settimana dall’11 al 17 maggio sia per quella dal 18 al 24 maggio. «Il risultato ottenuto ieri – scrive il sindacato dei titolari di farmacia – è il frutto di una costante attività svolta da Federfarma allo scopo di tutelare integralmente la categoria e di rendere nuovamente disponibili ai cittadini le mascherine chirurgiche in quantità sufficiente ad affrontare la Fase 2 dell’emergenza epidemiologica. A tal proposito, vale la pena rammentare che questa Federazione, già dal 4 maggio ha prontamente segnalato alle Amministrazioni competenti la carenze dei dispositivi, evidenziando la totale estraneità delle farmacie rispetto ai mancati approvvigionamenti e respingendo fermamente ogni illazione riguardante fenomeni speculativi da parte delle stesse farmacie», si legge ancora nella circolare Federfarma.

«Le polemiche sorte all’indomani delle rappresentazioni fornite da Federfarma (che ha sempre tenuto a sottolineare il corretto agire della categoria) – continua – non hanno impedito ai vertici della Federazione di continuare nell’interazione con le Istituzioni per risolvere un grave problema che rischiava di mettere a repentaglio la salute dei cittadini e la ripresa delle attività economiche stabilita per la così detta “Fase 2” dell’emergenza».

Poi, qualche precisazione sulla querelle degli ultimi giorni. «Anche a fronte di false rappresentazioni della realtà – evidentemente tese ad attribuire alle farmacie delle responsabilità di cui erano palesemente prive – e nonostante le illazioni provenienti da più parti, Federfarma – si legge sempre nella circolare – ha continuato ad agire in maniera fattiva, tenendosi ben distante da qualsiasi provocazione (anche quelle generate, spiace dirlo, da taluni rappresentanti territoriali della categoria).  Tale atteggiamento è stato sicuramente pagante, atteso che sia l’intero arco parlamentare sia fonti governative, con il profilo istituzionale proprio del ruolo, si sono schierati – pur nella tensione del momento – a difesa del prestigio, della professionalità e della dedizione al servizio delle farmacie, tanto che lo stesso Commissario di Governo ha dovuto ribadire, a più riprese, nel corso della conferenza stampa del 12 maggio, l’assenza di qualsiasi responsabilità riconducibile alla Federazione e alle farmacie (in allegato le dichiarazioni rese dagli esponenti politici)».

«L’accordo di ieri – continua ancora Federfarma – è frutto, dunque, di un’azione silenziosa e di grande senso istituzionale dimostrata dalla Federazione, che, con grande pragmatismo, si è adoperata affinché venissero nuovamente attivati i necessari canali di approvvigionamento, anche grazie alla collaborazione con partner internazionali, in piena sinergia e comunione d’intenti con i rappresentanti della distribuzione. I ringraziamenti formulati da tutte le Istituzioni ripagano senz’altro degli sforzi compiuti e attestano, ancora una volta, come la linea intrapresa dai vertici della Federazione sia senz’altro quella maggiormente idonea a fronteggiare anche un contesto emergenziale come quello che sta affliggendo il Paese: solo la lucidità dimostrata in tale frangente, più che il rincorrere sterili e improduttive polemiche, ha portato ad ottenere risultati concreti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM