Federfarma 3 maggio 2017

«Farmacie rurali, è ora che lo Stato faccia la sua parte»

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie […]

di Silvia Pagliacci - Presidente Federfarma Perugia

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie ricevono una indennità di residenza e, in alcuni casigli viene corrisposto un contributo di solidarietà da parte dell’associazione di categoriaNoi di Federfarma Perugia, ad esempio, corrispondiamo annualmente un contributo alle 9  farmacie rurali con fatturato più basso. Perché questo trattamento? Perché le farmacie rurali operano in situazioni molto, molto difficili. In quei piccoli centri, dove spesso è complicato perfino trovare un carabiniere o un parroco, talvolta manca anche il medico, attratto dalle opportunità lavorative della città. 

Ma se chi abita in quel paesino ha un’esigenza o un dubbio relativo al suo stato di salute, a chi può rivolgersi? Ovviamente al farmacista. Il quale, però, può fare conto quasi esclusivamente esclusivamente sui farmaci per remunerare la sua attività Non può, come accade in altri luoghi, aumentare il proprio fatturato con il parafarmaco ovvero con tutti quei prodotti che, ahimè, in quelle zone hanno una domanda più bassa risotto alla città. 

In più, in Italia, a parte alcune eccezioni, l’indennità di residenza non viene rivalutata dal 1969!!

Ci sono titolari rurali che ricevono meno di 500 euro mensili di indennità mentre ne dovrebbero prendere 8.500, se, come giusto, si volesse considerare l’aumento del costo della vita.

Insomma, molti esercizi sono in estrema difficoltà, eppure provano a diventare quella “farmacia di servizi” di cui tanto si parla. Così, quando manca il medico, il paziente si rivolge con fiducia e speranza al farmacista. È per questo che spesso superiamo le 48 ore settimanali di lavoro e forniamo un servizio notturno che non viene neanche pagato dallo Stato! 

 E Il paradosso è che mentre l’Europa investe nelle aree interne, sostenendo che rappresentano una ricchezza per il Paese, l’Italia va nella direzione diametralmente opposta, tagliando le risorse destinate a farmacie e piccole e medie imprese. Tutto ciò è folle e a nostro avviso lo Stato italiano dovrebbe tutelare le farmacie ed in modo particolare quelle rurali.

Federfarma Nazionale già 50 anni fa ha voluto la creazione del Sunifar (il Sindacato Unitario Farmacisti Rurali), inserendola nell’articolo 7 dello Statuto, proprio per tutelare e supportare chi apre e gestisce una farmacia in posti spesso estremamente piccoli e difficili da raggiungere. Ora però è lo Stato a dover fare la sua parte e sostenere le farmacie rurali, perché con il tempo sono diventate dei veri e propri presidi di salute che forniscono un servizio assolutamente necessario alla popolazione. 

Articoli correlati
Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno
“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare […]
Farmacie e Nuova Remunerazione: riaperto il confronto nella filiera; obiettivo sostenibilità ed efficienza
Le parole d’ordine sono Sostenibilità ed Efficienza, sostenibilità per il SSN e la filiera distributiva del farmaco ed efficienza per il cittadino. Queste le conclusioni a cui è arrivato il Tavolo della filiera distributiva, al suo primo incontro dopo la mancata proroga alla legge 135/2012 in materia di remunerazione. L’incontro tenutosi nella sede di Assofarm, […]
Farmacia dei servizi, si va avanti. Toschi (Federfarma): «Stanziati 36 milioni: Lazio, Piemonte e Puglia i primi a partire»
Il presidente di Federfarma Emilia-Romagna e componente del Consiglio di Presidenza spiega a Federfarma Channel: «Nell’ultimo consiglio elaborate le linee guida da presentare al Ministero per renderla effettiva». E sugli imminenti Stati Generali: «Si farà il punto su convenzione, remunerazione e normativa sui capitali in farmacia»
Farmacisti e falsari, Nas smantellano stamperia di fustelle false: «Ecco come padre e figlio guadagnavano 5 milioni l’anno»
Undici persone arrestate nell’operazione “Partenope”. Ma una seconda organizzazione operava su Milano e in Emilia Romagna: rubavano farmaci e li rivendevano
Cittadinanzattiva e SIFO lanciano il progetto di monitoraggio civico delle farmacie ospedaliere
Un’osservazione sul campo delle attività delle farmacie ospedaliere, con il fine di misurare dal punto di vista dei cittadini l’accessibilità e la qualità dei servizi offerti, la loro capacità di garantire i diritti del malato, nonché individuare possibili azioni di miglioramento per una organizzazione più a misura di cittadino, valorizzandone al contempo il ruolo fondamentale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...