Contributi e Opinioni 16 Marzo 2021 13:07

Vaccinazioni, Smi-Lazio firma Accordo sui medici di Continuità Assistenziale e Medicina dei servizi

di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio

di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio

In un momento di emergente difficoltà, di parole erranti che rischiano di non avere una voce, bisogna evitare che la sofferenza resti inespressa. “E’ tempo che la pietra accetti di fiorire, che l’affanno abbia un cuore che batte” diceva Paul Celan con le sue parole in cerca di luce. In questa pandemia, con tutte le sue vere priorità sociali, la parola che più d’ogni altra vuole risplendere è senza dubbio “partecipazione”, una univoca manifestazione di dialogo tra cittadini, operatori sanitari e politici.

Venerdì 12 marzo si è riunito il Comitato Regionale del Lazio per la Medicina generale: all’ordine del giorno l’auspicata proposta di Accordo per “la partecipazione dei medici di Continuità Assistenziale (CA) e della Medicina dei Servizi (MdS) alla campagna di vaccinazione anti SARS-COV-2”. Dopo le criticità che lo SMI aveva segnalato, a livello nazionale e regionale, questi due settori fondamentali della Medicina generale hanno ora la possibilità di offrire il proprio impegno nella campagna vaccinale anti-covid. La tenacia dello SMI Lazio è stata ripagata dalla rinverdita capacità di ascolto della parte pubblica e dal solerte sostegno di sigle sindacali che condividono il ruolo inclusivo di ogni singolo medico afferente all’area della Medicina generale, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi riconosciuti al SSN. Le proposte organizzative, funzionali e contrattuali che lo SMI Lazio ha suggerito sono state pienamente accolte e ciò ha consentito la sottoscrizione dell’Accordo.

I medici di CA e della MdS, nell’ambito di attività inerenti l’emergenza pandemica, possono lavorare fianco a fianco con gli stessi compiti, gli stessi strumenti organizzativi e i medesimi profili contrattuali nei centri vaccinali che le ASL dovranno implementare. Diamo qualche dettaglio tecnico. Ricordando che i compensi di CA e MdS sono assimilati a lavoro dipendente, dal punto di vista fiscale, le relative attività non possono essere remunerate a prestazione (secondo l’analogo Accordo con i medici di Assistenza primaria) e sono invece quantificate in quota oraria. In base alle norme europee, i medici interessati avranno un monte orario settimanale di 48 ore, stabilito come somma degli incarichi professionali compatibili. Il compenso orario è di 32 euro/ora (definito dai vigenti ACN e AIR) per le attività svolte nei centri aziendali, a cui si aggiungono i compensi per i vaccini somministrati a domicilio (18,90 euro per singolo accesso).

L’adesione dei medici è su base volontaria. E’ importante sottolineare come lo SMI abbia colto l’occasione di esortare la Regione Lazio a migliorare e garantire le condizioni professionali di tutti i medici di Assistenza primaria che hanno già dato, o daranno in seguito, disponibilità a svolgere le attività vaccinali presso sedi aziendali piuttosto che nei propri studi o sedi associative (UCP). Questo ulteriore traguardo, con tutto l’impegno che lo SMI Lazio ha profuso in queste ultime settimane, è un successo dal punto di vista umano prima ancora che professionale: questo Accordo non modifica il mondo della Medicina generale, pur sottraendolo al “buio poetico” di taluni autori, ma cambia il modo di essere-medico in questo prezioso ambito professionale. Voglio rivolgere un personale saluto ai Dirigenti regionali che hanno saputo fare sintesi delle diverse richieste pervenute dalle OO.SS. nella fase preliminare: Chi dispone di parole e non si nega al dialogo troverà sempre le parole più appropriate per farsi comprendere.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...