Contributi e Opinioni 21 Settembre 2020 12:00

Tutti i benefici della laparoscopia monoforo gas-less

di Nicola Gasbarro, Direttore scientifico e tutor del centro di simulazione Lorenzatto di Venaria

di Nicola Gasbarro, Direttore scientifico e tutor del centro di simulazione Lorenzatto di Venaria
Tutti i benefici della laparoscopia monoforo gas-less

La laparoscopia monoforo gas-less si avvale del sospensore Gas-Lup col quale eseguiamo tutti gli interventi laparoscopici eliminando il pneumoperitoneo, da oltre venti anni. Dal 2001 abbiamo approntato un accesso monoforo per operare i cistomi giganti, avvalendoci del sospensore per gas-less esclusivamente per il controllo dell’emostasi a fine intervento demolitore o conservativo.

Il razionale dell’intervento è che l’approccio chirurgico è quello tradizionale avvalendoci solo come supporto della laparoscopia gas-less. Da circa dieci anni abbiamo voluto estendere l’approccio monoforo anche ad altre patologie, in accordo con la strategia che il monoforo debba servire a confermare ed affinare la diagnosi, ad evidenziare laparoscopicamente l’organo da trattare, quindi esteriorizzare l’organo per intervenire con tecnica chirurgica tradizionale e quindi, riposto l’organo in addome, effettuare il controllo finale in laparoscopia gas-less.

I vantaggi di tale metodica sono i seguenti:

  1. La tecnica chirurgica è tradizionale quindi facilmente eseguibile anche da operatori che non abbiano particolare esperienza in laparoscopia operativa
  2. La invasività è ulteriormente ridotta rispetto alla laparoscopia tradizionale
  3. L’invasività è ridotta anche rispetto al monoforo proposto recentemente (l’incisione è più ridotta)
  4. Non si è obbligati ad introdurre lo strumentario laparoscopico in fori predeterminati, ma nelle posizioni più utili all’intervento.

Abbiamo utilizzato come unica via di accesso non quella trans ombelicale, come nel cistoma gigante, ma la sovra-pubica mediana trasversale, praticando una incisione di 1,5 cm. In tale incisione è stato posizionato il sospensore meccanico Gas-Lup per visionare l’organo da trattare.

Le patologie trattate sono le seguenti:

  • Cisti dermoide
  • Cistomi ovarici di dimensioni non così grandi da poter intervenire attraverso l’incisione trans ombelicale
  • Mioma uterino
  • Sterilizzazione tubarica
  • Gravidanza tubarica
  • Fibrotecoma ovarico
  • Appendicectomia

TECNICA CHIRURGICA

Individuata la formazione cistica si provvede ad aspirare parzialmente il contenuto, quindi dopo averla pinzata sotto controllo laparoscopico, si esteriorizza attraverso la breccia cutanea sovra- pubica previa rimozione del sospensore. Viene quindi eseguito l’intervento demolitore o conservativo. Riposizionato il sospensore per gas-less si esegue il controllo laparoscopico finale.

In caso di sterilizzazione e di gravidanza tubarica, individuata la tuba è stata esteriorizzata per eseguire l’intervento e quindi riposizionata in addome è stato eseguito il controllo laparoscopico gas-less.

In caso di fibrotecoma ovarico e di mioma, individuati in laparoscopia sono stati pinzati e si è proceduto quindi al morcellement.

In caso di appendicectomia, visualizzata l’appendice, è stata esteriorizzata per eseguire l’intervento con tecnica tradizionale, si è provveduto quindi al controllo laparoscopico gas-less.

CONCLUSIONI

I risultati sono particolarmente soddisfacenti sia per la minore invasività, sia per la significativa riduzione del dolore post-operatorio che abbrevia ulteriormente la degenza. Un ulteriore vantaggio estensibile a tutti gli interventi gas-less è rappresentato dalla possibilità di eseguire tutti gli interventi in anestesia spinale non essendoci la compressione sottodiaframmatica dovuta al pneumoperitoneo.

Questa procedura insieme a manovre per rendere eseguibile facilmente qualsiasi olpoisterectomia ed alla TALA suspension (alternativa alla sospensione al sacrospinoso, non gravata da possibile lesività), vengono presentate su simulatori dedicati, su modellini vascolarizzati e bacino predisposto.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Test Medicina, obbligo Green Pass e mascherine FFP2. Nuove regole per la prova di quest’anno
Consulcesi: «Ogni anno il 3% degli aspiranti medici escluso per sviste e piccole irregolarità»
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Facoltà di Medicina, FNOMCeO: «Oltre 14000 posti ma tra sei anni meno della metà riuscirà a specializzarsi»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli: «Far corrispondere, per legge, ogni laurea a una borsa»
Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»
A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco