Contributi e Opinioni 21 Settembre 2020 12:00

Tutti i benefici della laparoscopia monoforo gas-less

di Nicola Gasbarro, Direttore scientifico e tutor del centro di simulazione Lorenzatto di Venaria

di Nicola Gasbarro, Direttore scientifico e tutor del centro di simulazione Lorenzatto di Venaria
Tutti i benefici della laparoscopia monoforo gas-less

La laparoscopia monoforo gas-less si avvale del sospensore Gas-Lup col quale eseguiamo tutti gli interventi laparoscopici eliminando il pneumoperitoneo, da oltre venti anni. Dal 2001 abbiamo approntato un accesso monoforo per operare i cistomi giganti, avvalendoci del sospensore per gas-less esclusivamente per il controllo dell’emostasi a fine intervento demolitore o conservativo.

Il razionale dell’intervento è che l’approccio chirurgico è quello tradizionale avvalendoci solo come supporto della laparoscopia gas-less. Da circa dieci anni abbiamo voluto estendere l’approccio monoforo anche ad altre patologie, in accordo con la strategia che il monoforo debba servire a confermare ed affinare la diagnosi, ad evidenziare laparoscopicamente l’organo da trattare, quindi esteriorizzare l’organo per intervenire con tecnica chirurgica tradizionale e quindi, riposto l’organo in addome, effettuare il controllo finale in laparoscopia gas-less.

I vantaggi di tale metodica sono i seguenti:

  1. La tecnica chirurgica è tradizionale quindi facilmente eseguibile anche da operatori che non abbiano particolare esperienza in laparoscopia operativa
  2. La invasività è ulteriormente ridotta rispetto alla laparoscopia tradizionale
  3. L’invasività è ridotta anche rispetto al monoforo proposto recentemente (l’incisione è più ridotta)
  4. Non si è obbligati ad introdurre lo strumentario laparoscopico in fori predeterminati, ma nelle posizioni più utili all’intervento.

Abbiamo utilizzato come unica via di accesso non quella trans ombelicale, come nel cistoma gigante, ma la sovra-pubica mediana trasversale, praticando una incisione di 1,5 cm. In tale incisione è stato posizionato il sospensore meccanico Gas-Lup per visionare l’organo da trattare.

Le patologie trattate sono le seguenti:

  • Cisti dermoide
  • Cistomi ovarici di dimensioni non così grandi da poter intervenire attraverso l’incisione trans ombelicale
  • Mioma uterino
  • Sterilizzazione tubarica
  • Gravidanza tubarica
  • Fibrotecoma ovarico
  • Appendicectomia

TECNICA CHIRURGICA

Individuata la formazione cistica si provvede ad aspirare parzialmente il contenuto, quindi dopo averla pinzata sotto controllo laparoscopico, si esteriorizza attraverso la breccia cutanea sovra- pubica previa rimozione del sospensore. Viene quindi eseguito l’intervento demolitore o conservativo. Riposizionato il sospensore per gas-less si esegue il controllo laparoscopico finale.

In caso di sterilizzazione e di gravidanza tubarica, individuata la tuba è stata esteriorizzata per eseguire l’intervento e quindi riposizionata in addome è stato eseguito il controllo laparoscopico gas-less.

In caso di fibrotecoma ovarico e di mioma, individuati in laparoscopia sono stati pinzati e si è proceduto quindi al morcellement.

In caso di appendicectomia, visualizzata l’appendice, è stata esteriorizzata per eseguire l’intervento con tecnica tradizionale, si è provveduto quindi al controllo laparoscopico gas-less.

CONCLUSIONI

I risultati sono particolarmente soddisfacenti sia per la minore invasività, sia per la significativa riduzione del dolore post-operatorio che abbrevia ulteriormente la degenza. Un ulteriore vantaggio estensibile a tutti gli interventi gas-less è rappresentato dalla possibilità di eseguire tutti gli interventi in anestesia spinale non essendoci la compressione sottodiaframmatica dovuta al pneumoperitoneo.

Questa procedura insieme a manovre per rendere eseguibile facilmente qualsiasi olpoisterectomia ed alla TALA suspension (alternativa alla sospensione al sacrospinoso, non gravata da possibile lesività), vengono presentate su simulatori dedicati, su modellini vascolarizzati e bacino predisposto.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
Università UniCamillus: +34,2% di iscrizioni al Test di ammissione a Medicina
L’Università UniCamillus sarà la prima Università del Lazio ad effettuare i test di ammissione ai propri Corsi di Laurea attraverso procedura on line
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
Dall’incidente alla rinascita: la storia di Marco Dolfin, il chirurgo paraplegico diventato campione di nuoto
Nel 2011 un terribile incidente lo ha costretto sulla sedia a rotelle. Oggi Marco Dolfin è un plurimedagliato campione di nuoto e continua ad operare al San Giovanni Bosco di Torino. Cruciale l’incontro con il chirurgo Paolo Anibaldi, paraplegico dall’età di 17 anni. La storia raccontata dal fratello Alberto nel libro “Iron Mark”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...