Contributi e Opinioni 5 Maggio 2020

«Sanità privata ai tempi del Covid-19»

di Carmela De Rango Segretario Nazionale della CIMOP

di Carmela De Rango, Segretario Nazionale CIMOP

Sanità privata ai tempi del Covid19, se i complimenti fossero denari, la questione contrattuale con le parti datoriali di Aris e Aiop sarebbe risolta. E invece, in una logica assurda da figli e figliastri, questo comparto, che si è rivelato strategico nella lotta alla pandemia, soffre ancora per una mancata equiparazione diventata ormai insostenibile.

Personale in prima linea, a diretto contatto con il virus, che ha svolto e svolge le medesime funzioni dei colleghi nel pubblico, spesso sottopagato e con il rischio di perdere il posto di lavoro per via di una decisione che ha dell’incredibile: mentre si assiste ad una ricerca di medici da parte della protezione civile, ben 45 aziende private mettono i medici a riposo in FIS o cassa integrazione, medici con un contratto scaduto da 11 anni e con una retribuzione troppo bassa. Una primizia italiana amarissima.

LEGGI ANCHE: SANITÀ PRIVATA, DE RANGO (CIMOP): «SCIOPERO SE NON RICONOSCIUTA PARITÀ TRA MEDICI»

Il bilancio della sanità privata in questi mesi di emergenza Coronavirus parla di uno status di reale parificazione delle attività svolte rispetto a quella esercitata dai medici dell’ospedalità pubblica. Perché dunque non rivedere la posizione dei medici che operano nella ospedalità privata e riconoscere la parificazione dei titoli di carriera a parità di condizioni di accesso? Per quale ragione incensarli pubblicamente con una mano, ma sottraendo loro con l’altra la possibilità di un giusto e onesto riconoscimento economico?

L’eccesso di retorica a cui stiamo assistendo in questi frangenti, a metà strada tra la drammaticità della Fase 1 e la tanto auspicata Fase 2 di cui però sono ancora ignoti i frutti, è francamente deleteria e a tratti offensiva. Molti di coloro che stanno esercitando un’opera di ammirazione per il tenore del lavoro svolto dalla professione medica, forse non ne conoscono a sufficienza le criticità: questa la ragione per cui servirebbero meno parole e meno prese di posizione al miele ma che, un attimo dopo, si tramutano in gocce di veleno.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, AIOP: «DA OSPEDALI PRIVATI 1.300 POSTI LETTO DI TERAPIA INTENSIVA»

I medici della sanità privata attendono un rinnovo contrattuale da 15 anni, dopo che lo scorso dicembre si era giunti ad un passo dall’accordo con Aris e Aiop. Il capitale umano incarnato dai professionisti della medicina deve essere tenuto al riparo dai continui tentativi di screditamento contrattuale e anche morale.

Dott.ssa Carmela De Rango, Segretario Nazionale CIMOP (Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata)

 

Articoli correlati
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Contratto Sanità privata, Cimop sciopera il 2 luglio. De Rango: «Aiop inaffidabile, ora ci rivolgeremo a Ue»
Il segretario nazionale Cimop: «Ci opponiamo a questo modus operandi e scioperiamo con una grande manifestazione sul web, alla presenza di esponenti del mondo politico, istituzionale e medico, nel rispetto delle prescrizioni Covid»
Contratto Sanità privata. Cimop: «Aiop non firma preintesa concordata 24 ore prima, bene Aris. Scioperiamo»
Da Cimop arriva l'accusa ad Aiop per la mancata firma della preintesa. De Rango: «Chiederò intervento a Speranza e Bonaccini, Sanitò privata può voltare pagina»
Contratto Sanità privata, UGL: «Bene preintesa. Dopo 14 anni di lotte riconosciuto il ruolo di questi lavoratori»
La UGL Sanità ha oggi firmato con Aiop e Aris la preintesa contrattuale per ottenere i dovuti adeguamenti di natura economica e di diritti che restituiscono loro pari dignità rispetto ai colleghi del pubblico
Contratto sanità privata, Cimop: «Degradante teatrino di Aris e Aiop. Prendono tempo e ingannano i lavoratori»
«Contratto sanità privata, degradante il teatrino di Aris e Aiop: prendono altro tempo e ingannano i lavoratori. Mi chiedo se Ministero e Conferenza Stato-Regioni ne siano al corrente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)