Contributi e Opinioni 10 Febbraio 2020

Riscatto agevolato, focus sulla circolare n.6/2020 INPS

Il riscatto dei periodi di studio può essere richiesto dal soggetto che vanti almeno un contributo nelle gestioni che risultavano già essere istituite durante il percorso di studi dell’assicurato. Il vecchio D.Lgs. 184/1997 (ancora opzionabile) prevede due metodi di calcolo a seconda degli anni di studio universitario, quello della riserva matematica per coloro che hanno […]

di Francesco Russo – Con.Ser.Imp (società partner di C&P)

Il riscatto dei periodi di studio può essere richiesto dal soggetto che vanti almeno un contributo nelle gestioni che risultavano già essere istituite durante il percorso di studi dell’assicurato. Il vecchio D.Lgs. 184/1997 (ancora opzionabile) prevede due metodi di calcolo a seconda degli anni di studio universitario, quello della riserva matematica per coloro che hanno studiato quando era in vigore il metodo retributivo “periodi ante 01.01.1996” e quello del calcolo contributivo per coloro che hanno studiato successivamente. E’ utile a questo punto fare una suddivisione tra vecchi iscritti e nuovi iscritti:

VECCHI ISCRITTI

  • COLORO CHE HANNO CONTRIBUTI VERSATI PRIMA DEL 1996
  • CON MENO DI 18 ANNI DI CONTRIBUZIONE AL 31.12.1995 SI CONSIDERANO PERIODI RETRIBUTIVI FINO AL 31.12.1995 E PERIODI CONTRIBUTIVI DAL 1.1.1996.
  • CON ALMENO 18 ANNI DI CONTRIBUZIONE VERSATA AL 31.12.1995 SI CONSIDERANO PERIODI RETRIBUTIVI FINO AL 31.12.2011 E PERIODI CONTRIBUTIVI DAL 1.1.2012.

NUOVI ISCRITTI

  • COLORO CHE HANNO CONTRIBUTI VERSATI DAL 1996
  • POSSONO RISCATTARE CORSI DI LAUREA ANTECEDENTI AL 1996 MA AUTOMATICAMENTE DIVENANO VECCHI ISCRITTI CON PERIODI RETRIBUTIVI FINO AL 31.12.1995 E PERIODI CONTRIBUTIVI DAL 1.1.1996.

L’art. 20 del decreto di riforma del Welfare ha introdotto un nuovo metodo di calcolo del riscatto di Laurea, detto a prezzo bloccato. Consiste nell’applicazione dell’aliquota del 33% al minimale retributivo della gestione Commercianti, che per l’anno 2020 è pari a 15.942,00 euro. Pertanto, il costo di riscatto annuo sarà pari a 5.260,00 euro, completamente deducibile dall’imponibile fiscale. Tale riscatto è utile sia come anzianità contributiva sia come incremento “moderato” della pensione, calcolabile intorno ai 20 euro lordi annui, salvo ulteriori rivalutazioni del montante contributivo. Con la circolare 6/2020 l’INPS chiarisce che: coloro che abbiano studiato prima del 1996 potranno richiedere il riscatto agevolato a patto che optino per il metodo di calcolo contributivo. Tale interpretazione fornita dall’ INPS consentirà un avvicinamento all’età pensionabile a fronte di una riduzione dell’assegno pensionistico frutto del passaggio al calcolo contributivo della pensione. Il consiglio è senz’altro quello di proporre un’analisi di convenienza tra il reale anticipo pensionistico, frutto della richiesta di riscatto agevolato, ed il taglio del futuro assegno pensionistico. La scelta del riscatto agevolato converrà a chi non ha maturato molti anni di contributi prima del 1996. Sarà utile anche a chi, valutando l’uscita con opzione donna, necessita di periodi contributivi utili a raggiungere la quota dei 35 anni richiesti, nonché per coloro che compiono 62 anni entro il 31.12.2021 pur non maturando 38 anni di contributi entro la fine del prossimo anno. Infine, sarà da valutare ogni singolo caso per coloro che si avvicinano al traguardo della pensione anticipata (42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne).

 

Articoli correlati
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno
Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
I rischi della telemedicina ai tempi del Covid. L’esperto: «Possibili sanzioni, problemi deontologici e richieste di risarcimento»
Un non corretto trattamento dei dati personali dei pazienti potrebbe costare caro ai camici bianchi. L’intervista all’avvocato Ciro Galiano, dello studio legale “De Berardinis e Mozzi” (affiliato alla rete di Consulcesi & Partners)
Covid-19, boom telemedicina ma privacy a rischio. Gli esperti: «Possibili maxi multe per i medici»
L'allarme di Consulcesi & Partners: «Pericolo sanzioni fino a 20 milioni di euro». I consigli per tutelare la privacy dei pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...