Contributi e Opinioni 14 Settembre 2020 07:42

«Ricomincia la scuola, ricominciamo tutti»

Laura Parolin Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia

«Ricomincia la scuola, ricominciamo tutti»

«Oggi non è un giorno come gli altri: finalmente, dopo mesi, riaprono le scuole». Inizia così il messaggio di augurio per la ripresa della scuola di Laura Parolin, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia.

L’AUGURIO

«Voglio augurare a tutte le ragazze e ai ragazzi – prosegue – così come alle loro famiglie e agli insegnanti, un buon inizio. E mi piace ricordare che oggi rappresenta un giorno di opportunità. Nonostante le sfide, le preoccupazioni e le complessità di questi mesi, la Scuola torna a rappresentare quel luogo fondamentale dove studenti e studentesse imparano il senso di comunità e nella relazione con l’altro scoprono come diventare grandi».

UNA FASE NUOVA

«Il mio augurio – continua – è che la drammatica esperienza che abbiamo vissuto ci abbia lasciato in eredità una nuova consapevolezza: l’importanza di riconoscere i talenti e valorizzare le risorse, senza prescindere dall’ascolto attento e sensibile delle possibili difficoltà e fragilità. Oggi rappresenta allora la possibilità concreta per tutti gli attori in campo di dare vita a una Scuola che in questi mesi è cresciuta e che, con coraggio, si avvia a iniziare una fase nuova, in cui nessuno viene lasciato indietro, dove il diritto allo studio torna ad essere al centro delle politiche scolastiche così come, spero, del sentire comune. Diritto allo studio non significa solo uguali opportunità di istruzione, ma anche uguali possibilità di crescita come cittadine e cittadini: contrastando le disuguaglianze socioculturali, valorizzando il singolo come strumento di crescita civile ed economica dell’intera società».

LA SICUREZZA A SCUOLA

«Per questo – dichiara – sono certa che un sistema scuola che si faccia carico non solo di mettere in pratica le misure di sicurezza fisiche, ma anche quelle psicologiche, debba essere una priorità. Ad esempio, implementando azioni di sostegno psicologico per fronteggiare situazioni di insicurezza, stress e ansia dovute ad eccessiva responsabilità, così come al timore di contagio, al disagio nel rientro al lavoro in “presenza”, alle difficoltà di concentrazione (per il personale così come per gli studenti). Ancora, fornendo strumenti a supporto di quegli aspetti cruciali che riguardano la comunicazione efficace interna all’istituzione e con i propri collaboratori, così come un monitoraggio costante del benessere psicologico del sistema scolastico e dei suoi componenti».

«“A scuola si diventa cittadini”, dice giustamente Liliana Segre. Per questo anche per noi, che oggi gettiamo le basi della società di domani, investire nella Scuola è il modo per ricordarci cosa significano parole ormai svuotate di senso come comunità, dialogo, futuro» conclude.

Articoli correlati
Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia
La circolare sostituisce le linee guida di novembre. A casa paracetamolo e Fans; anticorpi monoclonali solo nella prima fase dell'infezione. No a cortisone, eparina e antibiotici. Se la saturazione scende sotto il 92% valutare ricovero o ossigenoterapia in casa
Covid-19 e scuole, Draghi: «Riaprire fino a prima media. In alcuni casi test a studenti»
Il Ministro alla Salute Speranza: «Scuola settore strategico. Riaprire con prudenza»
Riapertura scuole, Florida (Sottosegretario Istruzione): «Test salivari molecolari soluzione migliore per i bambini»
«Ritengo che i test salivari molecolari, essendo meno invasivi rispetto ai tamponi nasali, possano essere più adatti al mondo dei più piccoli, anche in vista di una somministrazione frequente».
di Peter D'Angelo
Draghi al Senato: «Riaperture cominceranno dalle scuole dopo Pasqua, se si potrà»
Il presidente del Consiglio è intervenuto in Senato parlando di vaccini e Unione Europea. Dopo Pasqua, se ci saranno le condizioni, le scuole almeno per i più piccoli dovrebbero riaprire. Intanto il certificato vaccinale diventa concreto
Ricciardi: «Riapertura scuole detonatore del contagio e forte rischio per la campagna vaccinale»
Il consigliere scientifico del ministro Speranza a Sanità Informazione: «Solo lockdown nazionale di un mese invertirebbe la curva epidemica». E sul Mes: «Sempre stato favorevole, l’ideale sarebbe stato attivarlo a giugno. Più soldi in sanità ci sono, meglio è»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco