Salute 6 Ottobre 2021 18:24

Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes

Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza

di Federica Bosco
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes

Riconoscere i sintomi dell’ictus per salvare i nonni. Con questo obiettivo parte oggi in Italia la campagna didattica internazionale Fast Heroes rivolta alle scuole primarie per educare i più piccoli alla consapevolezza dell’importanza di un’azione rapida quando si manifestano i sintomi della malattia che oggi è la terza causa di morte e la prima di invalidità. «In Italia ogni anno sono 200mila i casi di ictus, ovvero un’alterazione delle arterie che portano sangue al cervello, e circa un milione le persone che sopravvivono alla malattia, ma con invalidità importanti – spiega Maria Vittoria Calloni, neurologa, Presidente di A.L.I.Ce. Legnano (associazione lotta contro l’ictus) -. Da uno studio italiano è emerso che solo il 23 per cento delle persone colpite da ictus però si rende conto di cosa stia succedendo e solo l’11 per cento è in grado di chiamare un’ambulanza. La tempestività, dunque, è fondamentale e la persona con sospetto attacco cerebrovascolare deve ricevere immediatamente diagnosi, cura e assistenza adatta e mirata. Per questo è necessario chiamare subito il 112 per trasportare la persona con urgenza in ospedale, possibilmente nei centri organizzati per l’emergenza ictus, cioè le Unità neuro vascolari detti Centri Ictus o Stroke Unit. È stato dimostrato che, con questa modalità gestionale, si riduce sia la mortalità sia il grado di invalidità di chi ha subito un ictus, indipendentemente dalla gravità e dall’età».

Riconoscere i sintomi per salvare il nonno

Già attivo in 14 Paesi del mondo, il progetto, messo a punto dall’Università di Salonicco con la partecipazione di Angels Initiative e sostenuto dall’Organizzazione Mondiale sull’Ictus cerebrale, ha coinvolto oltre 72mila studenti e 5700 insegnanti di 1860 scuole in 14 Paesi. «Questa modalità di didattica diventa importante perché rappresenta una vera e propria formazione sul campo – riprende Calloni -. Le associazioni interessate possono perciò divulgare nelle scuole primarie e secondarie con campagne dedicate il messaggio e d’altro canto i ragazzini si sentono coinvolti in una risposta che potrebbe essere fondamentale per la sopravvivenza di una persona».

Informazione prima di tutto

Una paresi improvvisa ad un braccio o ad una gamba, la deviazione della bocca, l’impossibilità di parlare e comprendere, vedere immagini sdoppiate, avere ostruito il campo laterale o denunciare un grave disturbo dell’equilibrio sono i sintomi che richiedono un tempestivo intervento. È importante, perciò, preparare anche i più giovani a riconoscerli.  Per Franco Groppali, Presidente A.L.I.Ce. Lombardia ODV, «si tratta di una corsa contro il tempo. Per ogni minuto che passa dall’insorgenza dell’ictus muoiono due milioni di neuroni, perciò, l’essere tempestivi è fondamentale – rimarca -: le prime quattro ore dall’insorgenza dell’ictus sono decisive. Si può agire con un farmaco o con la trombectomia meccanica che permette di entrare nell’arteria dal polso o dall’inguine e sbloccare l’arteria con un catetere. Il grosso vantaggio di questo progetto è l’informazione che è il punto di partenza per battere l’ictus. Sapere cos’è, come riconoscerlo e come batterlo. Questo è l’obiettivo, mentre sono altrettanto importanti gli effetti a medio e lungo termine di una conoscenza della malattia, perché i bambini di oggi saranno gli adulti di domani e saranno più preparati».

Matteo il supereroe che sconfigge il trombo malefico

Dopo una fase pilota avviata la scorsa primavera che ha coinvolto 300 bambini delle classi quarte e quinte di due istituti milanesi, la campagna parte ufficialmente quest’anno nelle scuole primarie della città metropolitana di Milano in collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale, il Ministero dell’istruzione e l’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, A.L.I.Ce. Lombardia ODV.  «L’idea della campagna Fast Heroes nasce dall’esigenza di fare leva sull’entusiasmo dei bambini nell’apprendere e nel saper affrontare con tempestività eventi avversi. In particolare, si è pensato ai bambini delle scuole primarie perché sono quelli che passano più tempo con i nonni – racconta Giuseppina Tiziana Aloisi, Dirigente scolastico Istituto Comprensivo Statale “Leonardo Da Vinci” di Cornaredo, istituto pilota nei mesi scorsi –. Per coinvolgere i più piccoli sono stati impiegati quattro supereroi ed utilizzato un linguaggio semplice e comprensibile».

Il protagonista Matteo si trasforma in un eroe Fast e impara a combattere contro il “Trombo malefico” per salvare la vita di Nonno Franco. «Distribuite nell’arco di 5 settimane, le diverse attività insegnano ai bambini i sintomi più comuni dell’ictus e, soprattutto, a chiamare subito il 112 – sottolinea Aloisi -. Dopo aver partecipato al progetto, dimostrano i dati internazionali, l’85 per cento dei bambini riesce a riconoscere i sintomi dell’ictus e il cento per cento impara il numero di emergenza da comporre».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
Viaggiare in sicurezza. Ad ogni bambino il suo seggiolino: come scegliere quello giusto
Altroconsumo ne ha testati 165, l’esperta: «Li abbiamo messi a dura prova, a velocità e decelerazioni più severe di quelle utilizzare durante i comuni test che verificano la presenza dei requisiti minimi di legge necessari all’omologazione». Ecco chi ha vinto la medaglia d’oro
Epatite misteriosa, virus solitamente «innocuo» all’origine dell’epidemia
Due studi britannici hanno individuato il virus adeno-associato 2 come possibile causa dell'epatite misteriosa che ha colpito oltre mille bambini in tutto il mondo. L'infezione Covid-19 viene scagionata
Badacare, arriva la piattaforma che permette di trovare la badante ideale
Una Startup torinese ha messo a punto un portale con oltre 7000 bandati qualificate per non commettere errori nella scelta delle figure professionali cui affidare la gestione dei propri parenti anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale