Contributi e Opinioni 7 maggio 2018

Medicina generale: finanziamenti certi e tradizione

Angelo Testa, Presidente Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani: «Concentrarsi sulla reale informatizzazione di tutto il sistema con presa in carico dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità»

Immagine articolo

Informatizzazione del sistema sanitario, un efficiente governo clinico territoriale con presa in carico dei bisogni dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità. Queste tra le priorità del Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani secondo il Presidente Angelo Testa.

Lo stato dell’arte delle Cure Territoriali ?

«C’è uno stallo istituzionale dovuto all’incertezza politica del momento ma comunque anche prima si avvertiva la mancanza di una vera strategia di riordino delle cure primarie di tipo culturale prima ancora che tecnico-amministrativo».

Lo Snami vorrebbe mantenere lo status quo ?

«No, perché il nostro comparto presenta tante criticità e l’evoluzione dei tempi necessita assolutamente un tavolo permanente di lavoro per costruire ed affrontare le sfide per il futuro della sanità territoriale. Se invece qualcuno pensa che il rinnovamento o presunto tale sia il pretesto per effettuare tagli di posti di lavoro ed ore lavorative allora, paradossalmente, è meglio tenere il cosiddetto status quo».

Si spieghi meglio…

«Il pericolo concreto sono le regioni che, con vorticosi buchi di bilancio per il malgoverno che hanno attuato in Sanità, si “inventano” modelli straordinari di stravolgimento dell’assistenza territoriale ,volti di fatto a tagli mascherati da innovazione».

Esempi concreti…

«Il piano di riorganizzazione delle cure territoriali presentato in Sardegna dalla parte pubblica ai sindacati sembra proprio un esercizio ragionieristico di tagli oppure l’esperienza in essere in Lombardia in cui attraverso i “gestori” è stato di fatto entrare il privato a pieno titolo nell’assistenza sanitaria ai pazienti cronici».

Le priorità ?

«Concentrarsi sulla reale informatizzazione di tutto il sistema sanitario, il governo clinico territoriale con presa in carico dei bisogni dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità, finanziamento certo del comparto, accesso subito di giovani medici nel sistema per tappare le falle di assistenza in essere alcuni territori, soprattutto del nord Italia e formarne degli altri per le prossime carenze dovute ai prepensionamenti ed ai pensionamenti».

Quali le strategie dello Snami in attesa del nuovo governo ?

«Continuano le nostre interlocuzioni interne con un incontro del comitato centrale in questo fine settimana ed un altro appuntamento di comitato centrale e consiglio nazionale a Giugno. Altrettanto non hanno mai subito interruzioni i nostri rapporti di collaborazione con tutte le parti politiche per condividere la costruzione di una forte medicina territoriale, quella metropolitana e quella rurale differenti fra loro, esaltando il rapporto medico paziente e non paziente struttura. Il tutto frenando i “laboratori sperimentali improvvisati” delle regioni e con i giusti finanziamenti dedicati, nella ferma convinzione che non può esistere un sistema sanitario pubblico senza una Medicina Generale rinnovata ed adeguata ai tempi che viviamo, che però non rinnega e mantiene ancor di più la tradizione della Medicina della famiglia».

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
FIMMG, Scotti fa bilancio del Congresso: «Dignità per MMG. Formazione sia centralizzata. Leghiamo redditività medici a salute pazienti»
Il segretario della Federazione dei medici di Famiglia continua a invocare risorse per il settore «o i cittadini rischiano di dover pagare servizio sanitario». Rapporto tra spesa sanitaria e Pil «non scenda sotto il 6,5% come dice l’OMS»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila