Contributi e Opinioni 7 maggio 2018

Medicina generale: finanziamenti certi e tradizione

Angelo Testa, Presidente Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani: «Concentrarsi sulla reale informatizzazione di tutto il sistema con presa in carico dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità»

Immagine articolo

Informatizzazione del sistema sanitario, un efficiente governo clinico territoriale con presa in carico dei bisogni dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità. Queste tra le priorità del Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani secondo il Presidente Angelo Testa.

Lo stato dell’arte delle Cure Territoriali ?

«C’è uno stallo istituzionale dovuto all’incertezza politica del momento ma comunque anche prima si avvertiva la mancanza di una vera strategia di riordino delle cure primarie di tipo culturale prima ancora che tecnico-amministrativo».

Lo Snami vorrebbe mantenere lo status quo ?

«No, perché il nostro comparto presenta tante criticità e l’evoluzione dei tempi necessita assolutamente un tavolo permanente di lavoro per costruire ed affrontare le sfide per il futuro della sanità territoriale. Se invece qualcuno pensa che il rinnovamento o presunto tale sia il pretesto per effettuare tagli di posti di lavoro ed ore lavorative allora, paradossalmente, è meglio tenere il cosiddetto status quo».

Si spieghi meglio…

«Il pericolo concreto sono le regioni che, con vorticosi buchi di bilancio per il malgoverno che hanno attuato in Sanità, si “inventano” modelli straordinari di stravolgimento dell’assistenza territoriale ,volti di fatto a tagli mascherati da innovazione».

Esempi concreti…

«Il piano di riorganizzazione delle cure territoriali presentato in Sardegna dalla parte pubblica ai sindacati sembra proprio un esercizio ragionieristico di tagli oppure l’esperienza in essere in Lombardia in cui attraverso i “gestori” è stato di fatto entrare il privato a pieno titolo nell’assistenza sanitaria ai pazienti cronici».

Le priorità ?

«Concentrarsi sulla reale informatizzazione di tutto il sistema sanitario, il governo clinico territoriale con presa in carico dei bisogni dei pazienti con particolare riferimento alla cronicità, finanziamento certo del comparto, accesso subito di giovani medici nel sistema per tappare le falle di assistenza in essere alcuni territori, soprattutto del nord Italia e formarne degli altri per le prossime carenze dovute ai prepensionamenti ed ai pensionamenti».

Quali le strategie dello Snami in attesa del nuovo governo ?

«Continuano le nostre interlocuzioni interne con un incontro del comitato centrale in questo fine settimana ed un altro appuntamento di comitato centrale e consiglio nazionale a Giugno. Altrettanto non hanno mai subito interruzioni i nostri rapporti di collaborazione con tutte le parti politiche per condividere la costruzione di una forte medicina territoriale, quella metropolitana e quella rurale differenti fra loro, esaltando il rapporto medico paziente e non paziente struttura. Il tutto frenando i “laboratori sperimentali improvvisati” delle regioni e con i giusti finanziamenti dedicati, nella ferma convinzione che non può esistere un sistema sanitario pubblico senza una Medicina Generale rinnovata ed adeguata ai tempi che viviamo, che però non rinnega e mantiene ancor di più la tradizione della Medicina della famiglia».

Articoli correlati
Quasi 6 miliardi la spesa delle strutture sanitarie pubbliche nel 2017 per i dispositivi medici
L’aumento rispetto all’anno precedente è del 2,6%. Oltre un milione gli apparecchi censiti
Spot risarcimenti, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Azione sistematica contro i medici allontana i migliori professionisti e danneggia SSN»
L’assessore lombardo parla anche del grande tema dell’autonomia: «Serve a responsabilizzare i territori e a dare una premialità a coloro che sanno gestire al meglio le risorse e fare efficienza». Sulle risorse: «SSN in questi anni ha avuto finanziamenti non adeguati rispetto alle attività che si svolgono. 114 miliardi corrispondono al 6,6 percento del Pil, mentre la media europea è del 8,5%»
di Federica Bosco
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano