Contributi e Opinioni 14 Aprile 2020

Le maschere fai-da-te possono proteggerci dal coronavirus?

Contro un rischio come il coronavirus sono naturalmente indispensabili misure di protezione collettive e personali, ed in ambito occupazionale spetta al datore di lavoro, con l’indispensabile ausilio del RSPP e del Medico Competente, individuare nel Documento di Valutazione dei Rischi i Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) destinati a proteggere i lavoratori. Le norme UNI e […]

di Dr. Maurizio Martinelli, Segretario Regionale UNPISI Lazio

Contro un rischio come il coronavirus sono naturalmente indispensabili misure di protezione collettive e personali, ed in ambito occupazionale spetta al datore di lavoro, con l’indispensabile ausilio del RSPP e del Medico Competente, individuare nel Documento di Valutazione dei Rischi i Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) destinati a proteggere i lavoratori.

Le norme UNI e l’OMS offrono un valido riferimento per la corretta scelta dei D.P.I. ed anche a livello nazionale le associazioni tecnico-scientifiche come UNPISI ha elaborato una guida rivolta ai professionisti sanitari Tecnici della Prevenzione, impegnati in prima linea nella tutela della salute

Ma se in tempi ordinari i riferimenti sono chiari, come possiamo sopperire a tale richiesta di dispositivi e fronteggiare il fabbisogno dei lavoratori (di tutti i settori) e ancor più della popolazione (di ogni fascia di età) durante una emergenza pandemica?

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, COSA SUCCEDERÀ NEI PROSSIMI 150 GIORNI? LE PROIEZIONI DI IQVIA

Le maschere fai-da-te per proteggersi dai virus sembrano un’idea folle, visto che le maschere chirurgiche funzionano bene, sono anche economiche (malgrado la speculazione commerciale in atto) e sono in grado di filtrare l’80% delle particelle fino a 0,007 micron, molto inferiori a quelle del coronavirus.

Tuttavia, l’epidemia di SARS-Cov-2 ha comportato un nuovo problema: le maschere chirurgiche sono esaurite e gli approvvigionamenti e la distribuzione a cura della Protezione Civile (800 854 854 e 0667109200) in questa fase risulta ancora complessa.

La diffusione capillare e l’entità di tale fenomeno ha indotto molti cittadini ad arrampicarsi nel creare maschere improvvisate, ma le maschere fai-da-te possono davvero proteggerci dal coronavirus?

I ricercatori dell’Università di Cambridge*, già nel 2009 si sono posti questa domanda all’indomani della pandemia di influenza A/H1N1, la c.d. influenza suina che colpì circa un miliardo di persone nei primi sei mesi, causando 600.000 morti. Pensavano che in uno scenario di pandemia globale, potessero rimanere senza maschere N95 (equivalenti ai Facciali Filtranti FFP 2), e le loro previsioni si sono avverate durante l’epidemia.

I ricercatori hanno chiesto ai volontari di realizzare le proprie maschere utilizzando magliette di cotone e una macchina da cucire, usando un protocollo semplice che avevano escogitato.Quindi i ricercatori hanno sparato minuscoli batteri della dimensione di 1 micron (chiamati “Bacillus atrophaeus”) alle maschere e misurato la percentuale che le maschere fatte in casa potevano catturare. Queste particelle hanno all’incirca le dimensioni delle particelle dell’antrace.

I test eseguiti hanno dimostrato che le maschere fai-da-te hanno catturato meno particelle della maschera chirurgica, ma sono comunque riuscite a catturare il 69% di particelle da 1 micron.

Ma le maschere fatte in casa sono in grado di catturare le particelle più piccole? I ricercatori hanno fatto un passo in avanti sparando particelle “Bacteriophage MS2” da 0,02 micron sulle maschere.Questi sono anche più piccoli delle particelle di coronavirus SARS-Cov-2.

Ancora una volta, la maschera chirurgica ha catturato più particelle, ma la maschera di stoffa fatta in casa ha catturato il 51% di queste nanoparticelle.

A questo punto, i lettori scettici probabilmente penseranno: “Certo, il tessuto può catturare particelle, ma probabilmente non si sigillano intorno al viso, quindi sono inefficaci”.

Fortunatamente i ricercatori hanno testato anche le maschere fai-da-te. Nei test di adattamento, gli scienziati hanno misurato il numero di particelle all’interno della maschera rispetto all’esterno della maschera, mentre qualcuno effettivamente indossa la maschera.

La macchina per prove di misura particelle da 0,02 a 1 micron, che include le dimensioni del coronavirus.

Attraverso 21 volontari, le maschere di cotone fatte in casa hanno catturato il 50% di particelle da 0,02-1 micron, rispetto all’80% per la maschera chirurgica.Pertanto, le maschere fai-da-te sono ancora riuscite a catturare particelle mentre le persone le indossavano effettivamente.Sulla base di questi dati, i ricercatori hanno concluso che le maschere fatte in casa sarebbero state meglio di niente.

È l’unico test su maschere fai-da-te?

I dati di Cambridge mostrano che le maschere fatte in casa realizzate con magliette di cotone possono filtrare alcune particelle della dimensione di 0,02-1 micron.È abbastanza buono, ma per quanto riguarda gli altri materiali?Un gruppo di ricercatori olandesi ha testato maschere fatte in casa con i “canovacci” da cucina.

Hanno anche usato una macchina di adattamento per testare le maschere mentre le persone le indossavano.La maschera realizzata con canovacci catturò il 60% delle particelle .02 – 1 micron.Non sorprende che la maschera chirurgica e la maschera N95 catturassero più particelle, ma i dati mostrano che la maschera fatta in casa era tutt’altro che inutile nel catturare particelle di dimensioni virali.

Per quanto tempo puoi indossare maschere fai-da-te?

Successivamente, hanno testato l’efficacia delle maschere fai-da-te dopo che le persone le avevano indossate per 3 ore.Le maschere diventano meno efficaci dopo essere state bagnate e umide?

I risultati hanno mostrato che l’umidità e il tempo hanno avuto un impatto minimo sull’efficacia di una qualsiasi delle maschere.In effetti, le maschere fatte in casa hanno effettivamente catturato il 5,8% in più di particelle di dimensioni virali dopo 3 ore.Pertanto, indossarli per diverse ore sembra avere un impatto limitato sulla loro efficacia.

Le maschere fatte in casa funzionano per i bambini?

Successivamente, hanno testato le maschere fatte in casa con 11 bambini dai 5 agli 11 anni. Quando i bambini indossavano le maschere fatte in casa, hanno rimosso solo il 52% delle particelle da 0,02 – 1 micron.Ciò significa che le maschere erano circa il 15% meno efficaci sui bambini che sugli adulti.

È interessante notare che anche le maschere chirurgiche e le maschere FFP 2 (N 95) hanno peggiorato la loro filtrazione nei bambini.I dati suggeriscono che è più difficile adattare le maschere sui volti dei bambini.

Conclusioni

I dati mostrano che le maschere fai-da-te realizzate con un singolo strato di indumenti di cotone o un canovaccio possono rimuovere circa il 50-60% delle particelle di dimensioni del virus. Ciò significa che hanno prestazioni peggiori rispetto alle maschere chirurgiche e alle maschere N 95. Indossare maschere fatte in casa per 3 ore non ha avuto effetti significativi sull’efficienza di filtrazione. Inoltre le maschere fai-da-te funzionano anche per i bambini, ma sono meno efficaci sui bambini che sugli adulti.

Concludendo, le maschere protettive fai-a-te possono ridurre la probabilità di infezione, ma non elimineranno il rischio, in particolare per contrastare il coronavirus, che è conosciuta come malattia che ha più di una via di trasmissione. Quindi qualsiasi maschera, indipendentemente da quanto sia elevata la filtrazione, se non utilizzata insieme ad altre misure preventive, come la corretta igienizzazione delle mani e le corrette modalità d’uso e smaltimento, non avrà efficacia.

Una maschera per il viso improvvisata non deve essere usata da coloro che potrebbero potenzialmente essere a rischio professionale e/o esposti a frequente contatto con pazienti paucisintomatici e sintomatici. Di conseguenza, non consigliamo l’uso di maschere per il viso fatte in casa come metodo per ridurre la trasmissione di infezione da aerosol.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 525.782 (21.273 in più rispetto a ieri). 161.880 i […]
Covid-19: Fondazione TLS individua l’anticorpo monoclonale più potente che sarà testato in clinica
Nuova pubblicazione su BioRxiv mostra la potenza di inattivazione del virus SARS-CoV-2 degli anticorpi monoclonali umani selezionati finora. Attesi per fine mese i risultati definitivi del modello in vivo
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare