Contributi e Opinioni 20 Gennaio 2020 14:01

«Le Aziende si costituiscano parte civile contro chi aggredisce il personale sanitario»

di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  

di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

è lunedì e registriamo altri due infermieri picchiati all’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, una aggressione ad una guardia medica in Sicilia e magari c’è dell’altro che non ha avuto l’onore della cronaca.

Nel Lazio il nostro Assessore alla Sanità ha giustamente ribadito che il tema delle aggressioni al personale sanitario deve rappresentare una priorità per lo Stato.

Già la scorsa estate l’Assessore aveva ipotizzato l’applicazione di un daspo urbano per chi compie atti reiterati di violenza ai danni degli operatori sanitari.

Non se ne è fatto nulla, le aggressioni sono continuate e non si vede la luce neanche per il ripristino dei posti di pubblica sicurezza all’interno degli ospedali. Come Cisl Medici Lazio chiediamo all’Assessore, del quale conosciamo bene la piena operatività ogni volta che si impegna in un progetto, di rappresentare quale è il suo pensiero su una nostra ipotesi ovvero la costituzione parte civile delle Aziende contro gli aggressori.

La Cisl Medici è convinta che la costituzione di  parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori oltre a tutelare maggiormente gli operatori darebbe forza a quel senso di appartenenza aziendale che ormai è da ritenersi nullo.

Chiediamo dunque, alla luce di quanto ormai noto all’opinione pubblica sulle aggressioni ai medici ed agli infermieri, un autorevole intervento dell’Assessore sulle iniziative intraprese nel Lazio.

Siamo convinti che le recentissime iniziative volute dal governatore della Campania aumenteranno le condizioni di sicurezza almeno dei lavoratori addetti all’emergenza ed auspichiamo che anche nel Lazio si possa passare alla concretezza delle azioni.

Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»
Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...