Contributi e Opinioni 20 Gennaio 2020

«Le Aziende si costituiscano parte civile contro chi aggredisce il personale sanitario»

di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  

di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

è lunedì e registriamo altri due infermieri picchiati all’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, una aggressione ad una guardia medica in Sicilia e magari c’è dell’altro che non ha avuto l’onore della cronaca.

Nel Lazio il nostro Assessore alla Sanità ha giustamente ribadito che il tema delle aggressioni al personale sanitario deve rappresentare una priorità per lo Stato.

Già la scorsa estate l’Assessore aveva ipotizzato l’applicazione di un daspo urbano per chi compie atti reiterati di violenza ai danni degli operatori sanitari.

Non se ne è fatto nulla, le aggressioni sono continuate e non si vede la luce neanche per il ripristino dei posti di pubblica sicurezza all’interno degli ospedali. Come Cisl Medici Lazio chiediamo all’Assessore, del quale conosciamo bene la piena operatività ogni volta che si impegna in un progetto, di rappresentare quale è il suo pensiero su una nostra ipotesi ovvero la costituzione parte civile delle Aziende contro gli aggressori.

La Cisl Medici è convinta che la costituzione di  parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori oltre a tutelare maggiormente gli operatori darebbe forza a quel senso di appartenenza aziendale che ormai è da ritenersi nullo.

Chiediamo dunque, alla luce di quanto ormai noto all’opinione pubblica sulle aggressioni ai medici ed agli infermieri, un autorevole intervento dell’Assessore sulle iniziative intraprese nel Lazio.

Siamo convinti che le recentissime iniziative volute dal governatore della Campania aumenteranno le condizioni di sicurezza almeno dei lavoratori addetti all’emergenza ed auspichiamo che anche nel Lazio si possa passare alla concretezza delle azioni.

Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  

Articoli correlati
Aggressioni, De Palma (Nursing Up: ): «Subiamo comportamenti umilianti e mortificanti, il Ddl non è sufficiente»
«Sono tremila i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati». Così il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma nel nuovo videomessaggio della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri, online da oggi
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
Aggressioni in corsia, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Fondamentale che le Aziende si costituiscano parte civile al fianco dei medici»
Il Segretario del sindacato spiega quanto fatto fino ad ora per contrastare un fenomeno pericoloso e in aumento. E aggiunge: «Un bene che non ci venga riconosciuto lo status di pubblico ufficiale»
Ddl aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Possiamo ritenerci soddisfatti, accolte le nostre proposte»
«Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà» scrivono in una nota Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.248 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.768 mentre i morti sono 2.704. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...