Lavoro 20 Gennaio 2020

Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli

Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C’è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa

Immagine articolo

Nuovo weekend di aggressioni ai danni di medici e operatori sanitari. Tre le violenze registrate negli ultimi due giorni in diverse città italiane del Centro e del Sud Italia.

La prima è avvenuta a Roma, nel pomeriggio di sabato 18 gennaio. Due infermieri sono stati malmenati da un paziente del pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni Addolorata. L’uomo, 37 anni, era stato trasportato dal servizio 118 per disturbi del comportamento riconducibili all’uso di sostanze da abuso e che risultava avrebbero determinato un tentato defenestramento (evento ancora da verificare). In attesa di essere visitato, il paziente ha aggredito con un pugno sul braccio un infermiere e spinto contro il muro un’infermiera. I due operatori sanitari hanno riportato rispettivamente un’ecchimosi al braccio e un trauma distrattivo del collo e contusione spalla/testa. L’individuo si è successivamente impossessato di un coltello da cucina sottratto dall’area ristoro del personale e ha cominciato a minacciare gli antistanti. L’aggressione si è conclusa con l’intervento delle guardie giurate del servizio interno del Pronto Soccorso che lo hanno disarmato e contenuto fino all’arrivo dei carabinieri.

LEGGI: AGGRESSIONI, DE LUCA: «VIDEOSORVEGLIANZA SULLE AMBULANZE». LA FIMMG TORNA A CHIEDERE LO STATUS DI PUBBLICO UFFICIALE

Sempre nella giornata di sabato a Siracusa la vittima è stata una guardia medica. La dottoressa, 35 anni, in servizio nell’ospedale Muscatello di Augusta è a casa con un occhio nero e un’abrasione corneale per i pugni al volto e diversi ematomi per i calci ricevuti da una paziente. La donna è andata in escandescenza dopo essersi vista rifiutare dalla dottoressa l’esenzione al pagamento della terapia, in assenza dei documenti che la certificavano. «C’è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa di Augusta. Il direttore generale dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra, ha espresso “indignazione” per l’aggressione subita da una guardia medica di Augusta, nel Siracusano. «Confido nell’operato dell’autorità giudiziaria, e ci costituiremo parte civile affinché atti così vili e vergognosi, siano puniti con condanne esemplari».

Ancora, a Napoli un medico è stato aggredito mentre era in servizio al Pronto Soccorso dell’Ospedale del Mare. Come riportato dall’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate, anche questa volta l’aggressore è stato un paziente in attesa di essere visitato. L’uomo, in barella con tavola spinale e collare, si è alzato e ha letteralmente gettato la scrivania addosso al chirurgo in turno. Secondo le segnalazioni raccolte dall’associazione, si tratta della tredicesima aggressione registrata nella regione Campania dall’inizio dell’anno.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dottoressa aggredita con mozzarelle, Fnomceo: «La legge non è sufficiente»
Familiare di un paziente lamentava attesa lunga e ha scagliato contenitore di mozzarelle contro il medico, solidarietà dal presidente Anelli. Scotti (presidente OdM Napoli): «Temo per ottobre, pandemia e crisi sociale potrebbero fare del medico un capro espiatorio»
Sia riconosciuto e valorizzato il ruolo dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie
Di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
Presidente Casellati incontra Fnopi: «Infermieri fondamentali per diritto alla salute, grazie»
La presidente del Senato ha incontrato i vertici Fnopi, Barbara Mangiacavalli e Tonino Aceti e ascoltato le istanze. Ha assicurato il suo impegno nelle sedi istituzionali per sottolineare il ruolo degli infermieri durante la pandemia e dopo
Covid-19, De Palma (Nursing Up): «Report Inail mette a nudo l’amara realtà. Noi infermieri come soldati allo sbaraglio»
«L’83 per cento dei casi denunciati di avvenuto contagio erano infermieri. Il 63 per cento delle vittime nel mondo sanitario erano infermieri. I dati non lasciano spazio a dubbi» così il presidente del Sindacato Infermieri Italiani
Dati Inail, Regimenti (Lega): «Infermieri più colpiti dal virus, Governo li tuteli»
«Rivolgo un appello accorato al Governo: non dimentichi gli operatori della sanità, che tanto hanno dato nel momento più virulento della pandemia, sacrificando se stessi e la propria famiglia» sottolinea l'eurodeputato della Lega commentando i dati Inail dal 15 al 30 giugno sui contagi dal Covid-19 al lavoro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»