Salute 13 Gennaio 2020

Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale

Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l’Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l’utenza

Immagine articolo

Le ambulanze si doteranno di un sistema di videosorveglianza. Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania all’indomani delle numerose aggressioni avvenute ai danni delle ambulanze 118 e del personale sanitario in generale. «Dal 15 gennaio sarà messa in strada con un pulsante rosso per avvertire delle aggressioni» fa sapere il governatore Vincenzo De Luca, a margine della presentazione del libro del direttore della Programmazione sanitaria del ministero del Salute, Andrea Urbani, presso palazzo Giustiniani a Roma.

Nel totale, sono dieci le aggressioni al personale sanitario registrate da inizio 2020 a Napoli dall’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”. Quasi una al giorno. Il problema però «non riguarda solo la Campania» e non dipende dalle liste d’attesa troppo lunghe, ma è dettato da «un senso di impunità da parte di chi compie questi atti: sono dei delinquenti», si affretta a ribadire De Luca.

Intanto la FIMMG parla di un incontro «proficuo» avvenuto con il ministro della Salute, Roberto Speranza e il Viceministro Pierpaolo Sileri. Un segnale di «grande attenzione alle istanze di una categoria chiamata oggi a lavorare in condizioni di estremo rischio», lo ha definito Tommasa Maio, segretario nazionale FIMMG Continuità Assistenziale. Secondo la nota della Federazione dei Medici di Medicina Generale, ai rappresentanti del Governo è stata chiesta una rapida conclusione dell’iter parlamentare per la legge che tutela la sicurezza di tutti gli operatori sanitari con il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

«Non ci sono dati» denuncia ancora il segretario generale FIMMG, Silvestro Scotti. «Da molte parti sentiamo parlare di “osservatori” e di riunioni nelle prefetture, ma oggi il paradosso che abbiamo è che troviamo dati sui social network che però sono denunce emotive. Non ho dati di dove, come, quali sono le caratteristiche, qual è la relazione fatta dal professionista. Dobbiamo fare in modo che questi diventino casi “sentinella”, perché è l’unico modo per operare soluzione ove sono possibili». Proprio il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l’Osservatorio permanente per la garanzia della sicurezza e per la prevenzione degli episodi di violenza ai danni di tutti gli operatori sanitari.

Nel frattempo la FNOMCeO ha promosso la realizzazione di docufilm di sensibilizzazione sulle violenze in corsia. «Il 5 febbraio, alla Camera dei Deputati, presenteremo, alla Stampa e alle Istituzioni, “Notturno” – annunciato il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli -. Un film – denuncia sulla violenza contro i medici, ma soprattutto sulla solitudine, su una organizzazione che lascia i professionisti da soli». A partecipare al progetto volti noti come l’attrice Maria Grazia Cucinotta, Massimo Giletti e il giornalista Gerardo D’Amico, ma al centro del docufilm, ci saranno le voci di medici che hanno subito direttamente violenza durante un turno di lavoro. Il dott. Giovanni Bergantin, medico di Medicina Generale, preso a calci e pugni da un paziente; la dott.ssa Ombretta Silecchia, minacciata con una pistola durante l’attività di guardia medica; il dott. Vito Calabrese, marito della dott.ssa Paola Labriola, psichiatra, uccisa da un suo paziente.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG
La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
App per la salute e soluzioni digitali, per i Medici di Famiglia «vanno “prescritte” come qualsiasi altra iniziativa di diagnosi e cura»
Al Congresso FIMMG il Centro Studi presenta una iniziativa condotta con metodo scientifico per condividere gli orientamenti della categoria in prospettiva della definizione di una position paper sull’argomento
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare