Salute 13 Gennaio 2020

Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale

Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l’Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l’utenza

Immagine articolo

Le ambulanze si doteranno di un sistema di videosorveglianza. Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania all’indomani delle numerose aggressioni avvenute ai danni delle ambulanze 118 e del personale sanitario in generale. «Dal 15 gennaio sarà messa in strada con un pulsante rosso per avvertire delle aggressioni» fa sapere il governatore Vincenzo De Luca, a margine della presentazione del libro del direttore della Programmazione sanitaria del ministero del Salute, Andrea Urbani, presso palazzo Giustiniani a Roma.

Nel totale, sono dieci le aggressioni al personale sanitario registrate da inizio 2020 a Napoli dall’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”. Quasi una al giorno. Il problema però «non riguarda solo la Campania» e non dipende dalle liste d’attesa troppo lunghe, ma è dettato da «un senso di impunità da parte di chi compie questi atti: sono dei delinquenti», si affretta a ribadire De Luca.

Intanto la FIMMG parla di un incontro «proficuo» avvenuto con il ministro della Salute, Roberto Speranza e il Viceministro Pierpaolo Sileri. Un segnale di «grande attenzione alle istanze di una categoria chiamata oggi a lavorare in condizioni di estremo rischio», lo ha definito Tommasa Maio, segretario nazionale FIMMG Continuità Assistenziale. Secondo la nota della Federazione dei Medici di Medicina Generale, ai rappresentanti del Governo è stata chiesta una rapida conclusione dell’iter parlamentare per la legge che tutela la sicurezza di tutti gli operatori sanitari con il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

«Non ci sono dati» denuncia ancora il segretario generale FIMMG, Silvestro Scotti. «Da molte parti sentiamo parlare di “osservatori” e di riunioni nelle prefetture, ma oggi il paradosso che abbiamo è che troviamo dati sui social network che però sono denunce emotive. Non ho dati di dove, come, quali sono le caratteristiche, qual è la relazione fatta dal professionista. Dobbiamo fare in modo che questi diventino casi “sentinella”, perché è l’unico modo per operare soluzione ove sono possibili». Proprio il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l’Osservatorio permanente per la garanzia della sicurezza e per la prevenzione degli episodi di violenza ai danni di tutti gli operatori sanitari.

Nel frattempo la FNOMCeO ha promosso la realizzazione di docufilm di sensibilizzazione sulle violenze in corsia. «Il 5 febbraio, alla Camera dei Deputati, presenteremo, alla Stampa e alle Istituzioni, “Notturno” – annunciato il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli -. Un film – denuncia sulla violenza contro i medici, ma soprattutto sulla solitudine, su una organizzazione che lascia i professionisti da soli». A partecipare al progetto volti noti come l’attrice Maria Grazia Cucinotta, Massimo Giletti e il giornalista Gerardo D’Amico, ma al centro del docufilm, ci saranno le voci di medici che hanno subito direttamente violenza durante un turno di lavoro. Il dott. Giovanni Bergantin, medico di Medicina Generale, preso a calci e pugni da un paziente; la dott.ssa Ombretta Silecchia, minacciata con una pistola durante l’attività di guardia medica; il dott. Vito Calabrese, marito della dott.ssa Paola Labriola, psichiatra, uccisa da un suo paziente.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Violenza negli ospedali: l’OMCeO Milano lancia un grido d’allarme. Rossi: «Emergenza autentica»
Al dibattito sul pericoloso fenomeno, in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino a Milano, parteciperà la Federazione dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l'ex Prefetto Francesco Paolo Tronca che dichiara: «I medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso»
Cisl Medici Lazio: «Nuova aggressione al Dea di Tivoli. Continueremo battaglia di civiltà»
«Senza giri di parole, senza bisogno di tentare ulteriori analisi del fenomeno. Ennesima aggressione presso il DEA di Tivoli». A denunciare l’accaduto è la Cisl Funzione Pubblica della Asl Roma 5 nella persona del segretario aziendale Dimitri Cecchinelli. «Solidarietà al lavoratore aggredito, vicinanza agli amici della Cisl FP e l’impegno a non mollare in questa […]
Scotti (Fimmg): «Ok del Ministero ad adeguamento stipendi e arretrati. Presto decreto per strumenti diagnostici»
«Ora la categoria attende che a esprimersi sia il ministro dell'Economia Gualtieri»
Coronavirus, Speranza: «Nostro approccio tra i più protettivi, ma serve strategia europea»
Il ministro della Salute in audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera ha ricordato tutte le strategie messe in campo per fronteggiare l’epidemia. Per gli italiani bloccati a Wuhan si sta valutando il rimpatrio
Coronavirus, infermieri Nursing Up: «Pronto soccorso in tilt significa operatori a rischio violenze»
Stress test per i reparti di emergenza, sottoposti in queste ore ad un vero e proprio assalto da parte dell’utenza tra picco influenzale e una sorta di sindrome da allarmismo da Coronavirus: gli infermieri Nursing Up invitano alla calma e a non intasare il Pronto soccorso, temendo che la situazione possa precipitare da un momento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...