Contributi e Opinioni 21 Agosto 2018

La febbre da virus del Nilo occidentale: cos’è, come si trasmette e qual è la cura?

di Caterina Rizzo – Ospedale Bambino Gesù

di Caterina Rizzo - Ospedale Bambino Gesù

COS’È

La febbre da virus del Nilo occidentale (WNV dall’inglese West Nile Virus) è una malattia emergente causata da un virus appartenente alla famiglia dei Flaviviridae, genere Flavivirus. Nella maggior parte dei casi che presentano sintomi è responsabile di una malattia febbrile acuta con manifestazioni cutanee, nei casi più gravi si può presentare come un’encefaliteo come una meningite.

LEGGI ANCHE: VIRUS WEST NILE, QUATTRO MORTI IN VENETO. L’ASSESSORE COLETTO: «NIENTE ALLARMISMI»

COME SI TRASMETTE 

Il West Nile Virus si trasmette principalmente attraverso la puntura delle zanzare (per lo più genere Culex pipiens). Il serbatoio principale è rappresentato da uccelli selvatici. L’uomo e altri mammiferi (ad esempio, i cavalli) sono ospiti casuali a fondo cieco (non sono cioè in grado di trasmettere la malattia se punti da una zanzara). Altre possibili vie di trasmissione comprendono la trasfusione di sangue e il trapianto di organi da donatori infetti. Raramente sono state segnalate infezioni congenite trasmesse dalla madre al feto e trasmissione attraverso il latte umano.

COME SI MANIFESTA 

L’incubazione della malattia varia da 2 a 14 giorni. Le infezioni da West Nile Virus sono asintomatiche nel 70% dei casi. Nei bambini, la malattia si presenta principalmente (67% dei casi) come con una forma lieve caratterizzata da febbre, mal di testa, eruzione cutanea, dolore muscolare o sintomi gastrointestinali. L’eruzione cutanea compare in circa il 50% dei pazienti, è tipicamente maculopapulare (zone di pelle arrossata con piccole lesioni rilevate rispetto al piano cutaneo). L’eruzione cutanea coinvolge petto, schiena e braccia e generalmente dura meno di 1 settimana. I sintomi acuti durano in genere da 3 a 10 giorni, ma possono durare più a lungo. Le forme che coinvolgono il sistema nervoso centrale (encefalite e meningite) si verificano nell’1% circa delle infezioni. L’encefalite è stata più comunemente segnalata nelle fasce di età più avanzata, mentre la meningiteè più frequentemente descritta nei bambini. La meningite è solitamente associata a esiti clinici più favorevoli, sebbene possano verificarsi sequele a lungo termine. I bambini immunocompromessi sembrano essere a più alto rischio di sviluppare una malattia grave, anche se molti casi descritti in letteratura si sono verificati in bambini precedentemente sani. Una volta che il paziente guarisce, l’immunità dura per tutta la vita.

COME SI FA LA DIAGNOSI

Il sospetto diagnostico emerge dalla storia del paziente e dalla visita medica. La diagnosi  viene  confermata essenzialmente per mezzo di test di laboratorio su siero e su liquor per la ricerca di anticorpi IgM diretti contro il West Nile Virus . Questi anticorpi possono persistere per tempi anche molto lunghi nei soggetti malati (anche fino ad un anno), pertanto la positività a questi test può indicare non soltanto una infezione in atto ma anche una infezione pregressa. La comparsa di questi anticorpi o l’aumento di 4 volte del titolo anticorpale può essere utilizzato per diagnosticare un’infezione recente. I campioni raccolti entro 8 giorni dall’insorgenza dei sintomi possono risultare negativi pertanto è consigliabile ripetere l’esame a distanza di qualche giorno prima di escludere la malattia. In alternativa, la diagnosi può anche essere effettuata per mezzo di tecniche che permettono di identificare il genoma (RNA) del virus (PCR) su campioni di siero o liquor entro 7 giorni dall’inizio dei sintomi, tenendo conto che un numero limitato di virus permane in circolo per breve tempo.

COME SI CURA

Al momento non esistono trattamenti specifici per la malattia da West Nile. La terapia è di supporto (es. antipiretici, antidolorifici, infusione endovena di liquidi) ed è diretta ad alleviare i sintomi. Recenti segnalazioni in letteratura suggeriscono la possibile efficacia nel trattamento delle forme cliniche più gravi (meningite ed encefalite) con immunoglobuline specifiche anti – West Nile Virus.

COME SI PREVIENE

La prevenzione della malattia consiste nell’evitare la puntura delle zanzare (es. zanzariere, repellenti, vestiti coprenti e di colore chiaro). Non esistono al momento vaccini.

Articoli correlati
Lotta ai tumori: scoperto meccanismo molecolare con cui ingannano le cellule “natural killer”
I ricercatori del Bambino Gesù, insieme all’Università di Genova e con il sostegno di AIRC, hanno svelato come si attiva il check-point inibitore PD-1 sulle cellule NK. Lo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology
Coronavirus, Bambino Gesù: due linee telefoniche per famiglie e pediatri sul territorio
«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato. «Per le famiglie è attivo lo 06 […]
#Dottoriincorsia, la prima puntata su Alex. Enoc (Bambin Gesù): «Raccontiamo la scienza contro le fake news»
In onda sabato 16 novembre su Rai3 la prima puntata della docuserie “Dottori in corsia – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù” racconta storie di eccellenza medica del passato e del presente
«Storie di ricerca e speranza contro le fake news». Su RaiTre prima serata con i #Dottoriincorsia
In onda sabato 16 novembre in prima serata su Rai3 la nuova edizione della docuserie “Dottori in corsia - Ospedale Pediatrico Bambino Gesù”, di Simona Ercolani. Federica Sciarelli guida l’appassionato racconto, intervistando i protagonisti e ripercorrendo con loro i momenti importanti nel viaggio verso la guarigione
L’evoluzione dell’anestesia: dalla neve all’etere, la modernità inizia con la Grande Guerra
Corrado Cecchetti, responsabile Area Rossa del dipartimento di emergenza del Bambin Gesù di Roma: «Per il futuro forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente, a favore di tecniche loco regionali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...