Contributi e Opinioni 21 Agosto 2018

La febbre da virus del Nilo occidentale: cos’è, come si trasmette e qual è la cura?

di Caterina Rizzo – Ospedale Bambino Gesù

di Caterina Rizzo - Ospedale Bambino Gesù

COS’È

La febbre da virus del Nilo occidentale (WNV dall’inglese West Nile Virus) è una malattia emergente causata da un virus appartenente alla famiglia dei Flaviviridae, genere Flavivirus. Nella maggior parte dei casi che presentano sintomi è responsabile di una malattia febbrile acuta con manifestazioni cutanee, nei casi più gravi si può presentare come un’encefaliteo come una meningite.

LEGGI ANCHE: VIRUS WEST NILE, QUATTRO MORTI IN VENETO. L’ASSESSORE COLETTO: «NIENTE ALLARMISMI»

COME SI TRASMETTE 

Il West Nile Virus si trasmette principalmente attraverso la puntura delle zanzare (per lo più genere Culex pipiens). Il serbatoio principale è rappresentato da uccelli selvatici. L’uomo e altri mammiferi (ad esempio, i cavalli) sono ospiti casuali a fondo cieco (non sono cioè in grado di trasmettere la malattia se punti da una zanzara). Altre possibili vie di trasmissione comprendono la trasfusione di sangue e il trapianto di organi da donatori infetti. Raramente sono state segnalate infezioni congenite trasmesse dalla madre al feto e trasmissione attraverso il latte umano.

COME SI MANIFESTA 

L’incubazione della malattia varia da 2 a 14 giorni. Le infezioni da West Nile Virus sono asintomatiche nel 70% dei casi. Nei bambini, la malattia si presenta principalmente (67% dei casi) come con una forma lieve caratterizzata da febbre, mal di testa, eruzione cutanea, dolore muscolare o sintomi gastrointestinali. L’eruzione cutanea compare in circa il 50% dei pazienti, è tipicamente maculopapulare (zone di pelle arrossata con piccole lesioni rilevate rispetto al piano cutaneo). L’eruzione cutanea coinvolge petto, schiena e braccia e generalmente dura meno di 1 settimana. I sintomi acuti durano in genere da 3 a 10 giorni, ma possono durare più a lungo. Le forme che coinvolgono il sistema nervoso centrale (encefalite e meningite) si verificano nell’1% circa delle infezioni. L’encefalite è stata più comunemente segnalata nelle fasce di età più avanzata, mentre la meningiteè più frequentemente descritta nei bambini. La meningite è solitamente associata a esiti clinici più favorevoli, sebbene possano verificarsi sequele a lungo termine. I bambini immunocompromessi sembrano essere a più alto rischio di sviluppare una malattia grave, anche se molti casi descritti in letteratura si sono verificati in bambini precedentemente sani. Una volta che il paziente guarisce, l’immunità dura per tutta la vita.

COME SI FA LA DIAGNOSI

Il sospetto diagnostico emerge dalla storia del paziente e dalla visita medica. La diagnosi  viene  confermata essenzialmente per mezzo di test di laboratorio su siero e su liquor per la ricerca di anticorpi IgM diretti contro il West Nile Virus . Questi anticorpi possono persistere per tempi anche molto lunghi nei soggetti malati (anche fino ad un anno), pertanto la positività a questi test può indicare non soltanto una infezione in atto ma anche una infezione pregressa. La comparsa di questi anticorpi o l’aumento di 4 volte del titolo anticorpale può essere utilizzato per diagnosticare un’infezione recente. I campioni raccolti entro 8 giorni dall’insorgenza dei sintomi possono risultare negativi pertanto è consigliabile ripetere l’esame a distanza di qualche giorno prima di escludere la malattia. In alternativa, la diagnosi può anche essere effettuata per mezzo di tecniche che permettono di identificare il genoma (RNA) del virus (PCR) su campioni di siero o liquor entro 7 giorni dall’inizio dei sintomi, tenendo conto che un numero limitato di virus permane in circolo per breve tempo.

COME SI CURA

Al momento non esistono trattamenti specifici per la malattia da West Nile. La terapia è di supporto (es. antipiretici, antidolorifici, infusione endovena di liquidi) ed è diretta ad alleviare i sintomi. Recenti segnalazioni in letteratura suggeriscono la possibile efficacia nel trattamento delle forme cliniche più gravi (meningite ed encefalite) con immunoglobuline specifiche anti – West Nile Virus.

COME SI PREVIENE

La prevenzione della malattia consiste nell’evitare la puntura delle zanzare (es. zanzariere, repellenti, vestiti coprenti e di colore chiaro). Non esistono al momento vaccini.

Articoli correlati
“Attenzione alle sanzioni”, la rivista In Formazione del Bambino Gesù lancia l’allarme sui mancati crediti ECM
Dal 2020 il nuovo triennio formativo richiederà 150 crediti. A ribadirlo anche una lettera scritta dal presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli
Bambino Gesù, Alex è guarito. L’ematologo Locatelli: «Il suo sistema immunitario è sano»
Alex è guarito, lo ha riferito Franco Locatelli, primario del Dipartimento di oncoematologia e terapia cellulare e genica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma in merito alle condizioni di Alex Maria Montresor, il bimbo trapiantato lo scorso dicembre utilizzando le cellule del papà. All’Adnkronos il medico ha detto che Alex «è ufficialmente guarito, il suo sistema […]
Virus West Nile e Usutu, arriva il Piano nazionale 2019 del Ministero. Nel 2018 ben 595 casi di infezione
Il ministero della Salute ha emanato la circolare Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2019 per richiamare l’applicazione di tutte le misure di prevenzione, sorveglianza e controllo dell’infezione da virus West Nile (WNV) su tutto il territorio nazionale. Come viene trasmesso il virus Il WNV viene trasmesso […]
Malattie croniche degli adolescenti: firmata l’alleanza per la continuità assistenziale tra Bambino Gesù e Campus Bio-Medico
Alleanza tra Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con la firma del protocollo d’intesa per la “transizione nella cura”. Un accordo di collaborazione per garantire la continuità delle cure mediche ai pazienti adolescenti dell’ospedale pediatrico romano affetti da malattie croniche di natura congenita o degenerativa oltre il termine dell’età pediatrica. Un fenomeno […]
Bambino Gesù, il trapianto di cellule staminali sul piccolo Alex è riuscito
Per Alessandro Maria Montresor, il bambino affetto da una malattia genetica rara – linfoistiocitosi emofagocitica (HLH – c’è stato il lieto fine. «Il trapianto di cellule staminali emopoietiche da genitore, a cui è stato sottoposto il piccolo al Bambino Gesù di Roma, trasferito a fine novembre dal Great Ormond Street di Londra – è riuscito e presto sarà dimesso». […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...