Contributi e Opinioni 27 Maggio 2022 09:26

Esame di Stato, i laureati in ottica e optometria continuano a essere discriminati

«Una rappresentazione plastica delle contraddizioni che attraversano il mercato del lavoro e delle professioni nel nostro Paese è quella che penalizza i laureati in ottica e optometria»

di Dott. Simone Santacatterina, Presidente Associazione Laureati in Ottica e Optometria - ALOeO

Si fa presto a dire che il Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) rilancerà il mercato del lavoro, aiuterà le nuove leve e valorizzerà le competenze scientifiche e le specificità professionali. La ripartenza post-Covid passa anche attraverso soluzioni ragionevoli che possano sbloccare situazioni pregresse e superare ataviche discriminazioni professionali. Ma si tratta di soluzioni che la politica deve adottare con determinazione, dimostrando di voler realmente incidere sul new deal che si sta cercando di inaugurare in tutti i campi dopo la pandemia.

Una rappresentazione plastica delle contraddizioni che attraversano il mercato del lavoro e delle professioni nel nostro Paese è quella che penalizza i laureati in ottica e optometria. Il prolungato ritardo nel definire le attività professionali di quell’ambito ai fini dell’esame di Stato sta mortificando le loro competenze, quelle dei giovani con meno di 5 anni di esperienza lavorativa e quelle dei liberi professionisti che sono esclusi dalla fase transitoria, che dura da quattro anni.

Come ha ricordato in più circostanze la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici, a quattro anni dalla Legge 11 gennaio 2018, n.3 che disciplina le professioni di Chimico e Fisico, e prevede per le stesse l’aggiornamento delle attività professionali e l’esame di stato per i Chimici, e l’istituzione delle attività professionali e dell’esame di Stato per i Fisici, ad oggi non è stato ancora revisionato e\o modificato il d.p.r. n. 328/2001, che dovrebbe prevedere l’inserimento delle nuove professioni regolamentate e dei relativi titoli conseguibili al termine dei corsi di studio.

Il paradosso è che il Pnrr, anziché essere un volano per lo sblocco di annose criticità burocratiche come questa, rischia di diventarne la pietra tombale. La situazione attuale, che prevede nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza l’avvio di procedure concorsuali per inserimento di professionisti nelle Pubbliche Amministrazioni in attuazione del d.l. 09.06.2021 n. 80, sta esasperando le cose.

Infatti, l’esame di Stato per i fisici, nonostante le esortazioni degli addetti ai lavori e le dichiarazioni di apertura di diversi esponenti politici, non c’è ancora. I giovani laureati in fisica hanno quindi le ali tarpate, non potendo accedere al mondo del lavoro e partecipare anche a bandi di concorso pubblico. Come detto, rimangono fuori gioco anche quei laureati privi di 5 anni di esperienza a giugno 2018, che non hanno potuto beneficiare del periodo transitorio previsto dal dm 23.03.2018. Può sembrare un paradosso, ma sembra addirittura che questi liberi professionisti non abbiano diritto di cittadinanza nel mercato del lavoro. Infine, le stesse attività professionali dei professionisti fisici, approvate dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici, non sono state ancora definite.

Di qui la necessità, ora più che mai, di un intervento ai massimi livelli per far uscire dall’impasse l’intero settore. Il Ministero dell’Università e della Ricerca si attivi per tradurre in pratica la definizione delle attività professionali dei professionisti fisici e per istituire l’esame di Stato per l’accesso alla professione di fisico, con tempistiche precise.

La Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici è stata molto perentoria nel puntualizzare che tutti i fisici sono da considerarsi sanitari per legge. Inoltre, va sottolineato che l’iscrizione all’Ordine non è una scelta arbitraria o una forzatura, ma soltanto l’applicazione naturale della legge del 2018.

Superfluo evidenziare i danni che il permanere dell’attuale quadro di incertezza normativa arreca agli optometristi italiani nella concorrenza con i loro omologhi di altri Stati d’Europa, nei quali la loro figura professionale è pienamente riconosciuta, a differenza che in Italia.

A supporto del riconoscimento pieno e definitivo della figura dell’optometrista sono intervenuti anche i massimi organi giurisdizionali. La Cassazione ha chiaramente precisato che “la sfera di attività professionale consentita all’optometrista non deve essere definita con riferimento in negativo a quella consentita all’ottico, ma va ricondotta a una ricognizione in positivo dell’attività riservata al medico oculista”.

Va altresì menzionato il punto di vista del Consiglio di Stato, secondo cui “il provvedimento istitutivo del corso di laurea non incide sul piano delle competenze specifiche del medico oculista né crea indebite confusioni con l’attività sanitaria del medico”. “L’attività dell’optometrista – aggiunge inoltre il giudice amministrativo di secondo grado – non va confusa con quella, più limitata, dell’ottico, ma consiste nella misurazione della vista (anche attraverso strumenti più o meno sofisticati)”. Da queste posizioni si evince che i massimi organi giurisprudenziali hanno le idee chiare definendo gli ambiti di attività di tali professionisti, che ancora oggi aspettano il pieno riconoscimento.

Sanare questa anomalia appare ormai inderogabile e l’eccezionalità del periodo che stiamo vivendo ad ogni livello dovrebbe essere uno stimolo in più a rendere il quadro regolatorio delle professioni sanitarie più conforme alla legislazione, alla giurisprudenza e anche, perché no, al buon senso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...