Contributi e Opinioni 23 Marzo 2021 17:53

Convivere con l’ansia da malattia nel tempo del Covid

di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio

di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio

Come vive chi soffre di ansia da malattia, o Ipocondria, nel tempo della pandemia?

Quando un anno fa abbiamo appreso che il Coronavirus aveva causato una pandemia globale il mio pensiero è andato alle persone che vivono costantemente nel timore della malattia, una condizione denominata anche ipocondria, caratterizzata dalla presenza di alti livelli di angoscia e paura di essere affetti da una patologia organica. Gli elevati livelli di ansia di cui soffrono queste persone non poteva che tendere al peggioramento, in un tempo in cui la diffusione di notizie allarmanti sul Covid 19 aveva cominciato ad occupare ogni canale mediatico in qualsiasi momento della giornata.

L’ansia di ammalarsi si è alimentata in un contesto di allerta generale, ed i sintomi si sono inevitabilmente acuiti nelle persone che a causa del disturbo sono già attanagliate da pensieri intrusivi: è aumentata la vigilanza e l’autosservazione delle sensazioni corporee, ritenute inequivocabilmente indicative della presenza di uno stato di salute minato, una convinzione che risulta scarsamente influenzabile sia dalle rassicurazioni dei medici che dai risultati negativi degli accertamenti clinici, a cui i pazienti che convivono con questo disagio si sottopongono frequentemente.

Purtroppo, la comprensione del disturbo ed il sostegno sociale sono quasi del tutto assenti e le relazioni interpersonali risultano compromesse; spesso nasce spontaneo un atteggiamento derisorio, nonché di ostilità e fastidio nei confronti di coloro che riferiscono continuamente preoccupazione nei confronti di qualsiasi percezione corporea che viene interpretata come evidente segno di malattia, proprio perché questo diviene il principale ed inevitabile argomento di conversazione.

I pensieri ossessivi e irrazionali si accrescono nel momento in cui le persone fronteggiano stimoli stressanti e l’epidemia non è certo un evento di poco conto; può quindi risultare ancora più difficile evitare un grave impatto sulla salute mentale.

Quali sono i pensieri disturbanti che minano la stabilità psichica della persona nel tempo del Covid?

  • Pensare che ogni colpo di tosse sia il segnale che i polmoni siano stati attaccati dal virus
  • Focalizzare ripetutamente l’attenzione sul corpo per individuare i sintomi di malattia
  • Pensare che restare chiusi in casa sia l’unica possibilità di evitare la morte
  • Evitare il contatto con oggetti, anche le maniglie delle porte, per paura di contaminarsi
  • Preoccuparsi costantemente per la salute di familiari ed amici che uscendo di casa sono esposti al pericolo di un virus letale
  • Evitare i rapporti sociali, persino l’incontro con genitori o figli, per paura di contagiarsi
  • Tenere radio e televisione costantemente sintonizzati per apprendere notizie riguardanti la diffusione del virus

È auspicabile che chi convive con la paura di ammalarsi o morire si rivolga ad un professionista della salute mentale per ricevere il corretto supporto ed alleviare la sofferenza; la Terapia Cognitivo Comportamentale, ad esempio, favorisce l’identificazione delle credenze irrazionali per poi aiutare il paziente nell’apprendimento di modalità di pensiero e comportamento più funzionali.

Ciò nonostante è possibile introdurre alcuni accorgimenti che possono essere utili a quanti sentono di essere travolti, in questo periodo così difficile, dalla paura di contrarre l’infezione da Coronavirus:

  • Evitare la ricerca continua di notizie: è importante tenersi aggiornati, ma l’ansia per la salute può generare nelle persone la necessità di attivarsi senza sosta per ascoltare le notizie da giornali, radio e televisioni; questo comportamento compulsivo è una strategia messa in campo in maniera irrazionale per lenire il pensiero preoccupante, ma non fa che alimentare l’ansia e l’angoscia.
  • Non “parlare con Internet”: “Internet ha detto che…”, un’affermazione che suona come se fosse presente un interlocutore esperto che dispensa informazioni sempre attendibili, specialmente quando si ha una forte preoccupazione per la salute. Google, bacheche, forum, gruppi Facebook non sono amici, anzi spesso restituiscono la realtà vista attraverso una lente distorta.
  • Acquisire la consapevolezza circa il bisogno di essere rassicurati: la ricerca di rassicurazione e conforto tra le persone che soffrono di ansia per la salute causa il coinvolgimento di amici e conoscenti in dialoghi che hanno come oggetto i sintomi fisici; è importante riconoscere che l’angoscia induce a mettere in atto un comportamento ripetitivo, che oltremodo attiva un ciclo di dipendenza dal feedback delle persone care, che naturalmente si faranno portatrici di messaggi tranquillizzanti. Purtroppo, qualsiasi rassicurazione porterà effetti benefici solo temporanei, e rafforzerà il bisogno di chiedere supporto sempre più spesso.

“Riparto dal mio corpo” potrebbe essere il titolo di un buon programma di esercizi utili per riconquistare un po’ di serenità e sentirsi meno sovrastati dalla paura del Covid; se ogni singolo distretto corporeo è l’oggetto di attenzione costante, la cosa più corretta da fare è riformulare l’approccio al proprio fisico e cercare di mettersi in ascolto delle sensazioni che da esso provengono con atteggiamento libero da schemi di pensiero precostituiti.

Lo Yoga, ad esempio, consente di sperimentare in sinergia il movimento corporeo, le tecniche di respirazione, il rilassamento e la meditazione; si tratta di pratiche e discipline fisiche, mentali e spirituali che provengono dalla tradizione buddista ed induista, acquisite poi nella cultura occidentale come forma di esercizio che promuove l’atteggiamento contemplativo della mente verso le posture (asana), la flessibilità muscolare e l’attivazione del respiro come fonte di energia.

Si può comunque stabilire una sana routine quotidiana basata sul movimento che può consistere nella semplice camminata; portare l’attenzione sulle variazioni dell’equilibrio del corpo che si muove nello spazio lasciando che il respiro fluisca liberamente è una pratica che, se eseguita regolarmente, incrementa la consapevolezza del corpo e della mente come unità e favorisce la condizione di benessere psicofisico.

I nostri sensi sono sempre utili e disponibili alleati per fare esercizi di radicamento alla realtà ed attivare una consapevolezza sensoriale che può spezzare il circolo vizioso del pensiero ossessivo. Chi ama fare giardinaggio, ad esempio, ha la possibilità di lavorare con le mani, avvalendosi del tatto per saggiare la consistenza della terra e maneggiarla, della vista per godere dei colori di piante e fiori e dell’olfatto che recepirà i potenti stimoli dati dai profumi che si espandono nell’ambiente naturale.

L’effetto dei profumi è immediatamente recepito dal nostro sistema sensoriale, e anche se non abbiamo uno spazio verde in cui trascorrere del tempo, nell’ambiente domestico è possibile utilizzare i moderni diffusori di essenze per dedicarci uno spazio di cura e piacere: sedersi a terra e restare ad occhi chiusi respirando profondamente e lasciando che l’olfatto accolga aromi gradevoli è un ulteriore esercizio di radicamento al momento presente.

L’ascolto di una musica lenta, come molti studi hanno evidenziato, produce un effetto rilassante sulla mente, fornisce energia al corpo e può persino aiutare le persone a gestire meglio il dolore; la musicoterapia viene infatti utilizzata per promuovere la salute emotiva e aiutare i pazienti a far fronte allo stress. Dedicarsi uno spazio riservato all’ascolto della musica risulta quindi un ottimo modo far sì che il suono evochi emozioni piacevoli trasmettendole al cervello, contribuendo a lenire l’ansia e la tensione generata dai pensieri ricorrenti legati al pericolo della malattia.

Può infine essere utile tenere un diario su cui trascrivere i pensieri di malattia e notare in quali momenti della giornata emergono in modo più impetuoso; osservare il contenuto di un pensiero disturbante lo rende visibile e come tale meno spaventoso e può aiutare la persona ad implementare la consapevolezza delle caratteristiche di quegli schemi mentali che si ripetono con frequenza. Una tecnica utile consiste nel contrattaccare il pensiero persistente mettendolo a confronto con una contro-affermazione razionale: se la credenza persistente conduce a immaginare che “Tutti moriranno a causa del Covid”, si può mettere per iscritto che “E’ probabile che la maggior parte di coloro che contraggono il Covid si riprenderà completamente sconfiggendo la malattia”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Covid-19 o peste? Il poema di fine 500 che sembra ambientato ai giorni nostri
Nella sua "Regola da preservarsi in sanità ne’ tempi di suspetto di peste", l'autore Marcantonio Ciappi provava a dare dei consigli in versi ai suoi concittadini: il lockdown, la quarantena, il coprifuoco e persino il "Green pass"
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco