Contributi e Opinioni 25 settembre 2018

Contratto medici, Aldo Grasselli : «Governo e regioni diano riposte oppure scioperi inevitabili»

Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Medici e Veterinari

«Governo e Regioni diano risposte precise sul contratto». Lo chiede a gran voce Aldo Grasselli, Presidente di FVM – Federazione Medici e Veterinari, auspicando lo sblocco della trattativa sul rinnovo della dirigenza medica, ferma in sede di contrattazione tecnica in Aran. Il rischio, all’orizzonte, è quello dello sciopero.

«Il SSN sta soffrendo una crisi profonda e la politica non trova soluzioni e perde tempo – premette Grasselli – L’inerzia di governo e regioni ormai sta diventando uno dei problemi. La carenza dei medici e dei dirigenti sanitari è l’emblema della mancanza di programmazione e della navigazione a vista, con terapie sintomatiche e inefficaci, su un problema epocale affrontato con proposte estemporanee sempre “emergenziali” come l’assunzione degli specializzandi».

«Il Contratto di lavoro 2016-2018 di 150mila dirigenti dopo nove anni di attesa non ha alcuna possibilità di andare a buon fine senza interventi legislativi adeguati nella prossima legge di Bilancio che rappresentino la concretezza di una volontà politica nuova nei confronti di medici, veterinari, farmacisti, psicologi, dirigenti sanitari degli ospedali pubblici e del territorio. Il Contratto 2019-2021, che dovremmo già cominciare a impostare, non sembra neppure entrato nell’agenda politica se non per ipotizzare un nuovo congelamento. Gli Assessori alla Sanità con il loro Coordinatore nazionale Antonio Saitta chiedono lo stanziamento delle necessarie risorse in legge di Bilancio. Ci auguriamo che il “cambiamento” arrivi e che dia un riconoscimento tangibile anche alla dirigenza medica e sanitaria con un contratto dignitoso che consenta di lavorare, senza disagio e con soddisfazione, chi fa funzionare tra mille difficoltà la sanità di cui tutti hanno bisogno».

«Il tempo della contrattazione tecnica è finito – dichiara il Presidente di FVM – Governo e Regioni diano risposte precise, avanzino proposte per stilare un protocollo di intesa e ci consentano così di evitare ai cittadini i disagi che agitazioni, assemblee e scioperi potrebbero provocare. Davanti alle difficoltà di una campagna elettorale, di un cambio di governo e delle resistenze degli apparati ministeriali, FVM e gli altri sindacati hanno accettato di fare proseguire in Aran la contrattazione tecnica per non perdere tempo in attesa di un conclusivo confronto politico con il nuovo esecutivo. Ma se la politica, il Governo e le Regioni saranno ancora incapaci di dare una svolta alla sanità e nella legge di Bilancio non ci saranno risposte alle questioni nodali per il contratto di chi la sanità la fa (riconoscimento pieno del 3,48% di aumento, recupero della RIA dei pensionati, Indennità di esclusività di rapporto in massa salariale, superamento dell’art. 23 del Dlgs 75/2017), la responsabilità di ciò che accadrà alla sanità pubblica nei prossimi mesi sarà solo la loro».

 

Articoli correlati
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
Contratto medici, CIMO chiede alla Corte dei Conti indagine su dieci regioni. Quici: «Serve trasparenza, dove sono finiti i soldi?»
Il sindacato chiede di attivare un controllo sulla contabilità delle amministrazioni regionali per verificare se e quanto abbiano accantonato per il rinnovo del contratto della dirigenza medica per il periodo 2016-2018. In caso di ammanchi c’è la possibilità che si configuri “danno erariale”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...