Contributi e Opinioni 25 settembre 2018

Contratto medici, Aldo Grasselli : «Governo e regioni diano riposte oppure scioperi inevitabili»

Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Medici e Veterinari

«Governo e Regioni diano risposte precise sul contratto». Lo chiede a gran voce Aldo Grasselli, Presidente di FVM – Federazione Medici e Veterinari, auspicando lo sblocco della trattativa sul rinnovo della dirigenza medica, ferma in sede di contrattazione tecnica in Aran. Il rischio, all’orizzonte, è quello dello sciopero.

«Il SSN sta soffrendo una crisi profonda e la politica non trova soluzioni e perde tempo – premette Grasselli – L’inerzia di governo e regioni ormai sta diventando uno dei problemi. La carenza dei medici e dei dirigenti sanitari è l’emblema della mancanza di programmazione e della navigazione a vista, con terapie sintomatiche e inefficaci, su un problema epocale affrontato con proposte estemporanee sempre “emergenziali” come l’assunzione degli specializzandi».

«Il Contratto di lavoro 2016-2018 di 150mila dirigenti dopo nove anni di attesa non ha alcuna possibilità di andare a buon fine senza interventi legislativi adeguati nella prossima legge di Bilancio che rappresentino la concretezza di una volontà politica nuova nei confronti di medici, veterinari, farmacisti, psicologi, dirigenti sanitari degli ospedali pubblici e del territorio. Il Contratto 2019-2021, che dovremmo già cominciare a impostare, non sembra neppure entrato nell’agenda politica se non per ipotizzare un nuovo congelamento. Gli Assessori alla Sanità con il loro Coordinatore nazionale Antonio Saitta chiedono lo stanziamento delle necessarie risorse in legge di Bilancio. Ci auguriamo che il “cambiamento” arrivi e che dia un riconoscimento tangibile anche alla dirigenza medica e sanitaria con un contratto dignitoso che consenta di lavorare, senza disagio e con soddisfazione, chi fa funzionare tra mille difficoltà la sanità di cui tutti hanno bisogno».

«Il tempo della contrattazione tecnica è finito – dichiara il Presidente di FVM – Governo e Regioni diano risposte precise, avanzino proposte per stilare un protocollo di intesa e ci consentano così di evitare ai cittadini i disagi che agitazioni, assemblee e scioperi potrebbero provocare. Davanti alle difficoltà di una campagna elettorale, di un cambio di governo e delle resistenze degli apparati ministeriali, FVM e gli altri sindacati hanno accettato di fare proseguire in Aran la contrattazione tecnica per non perdere tempo in attesa di un conclusivo confronto politico con il nuovo esecutivo. Ma se la politica, il Governo e le Regioni saranno ancora incapaci di dare una svolta alla sanità e nella legge di Bilancio non ci saranno risposte alle questioni nodali per il contratto di chi la sanità la fa (riconoscimento pieno del 3,48% di aumento, recupero della RIA dei pensionati, Indennità di esclusività di rapporto in massa salariale, superamento dell’art. 23 del Dlgs 75/2017), la responsabilità di ciò che accadrà alla sanità pubblica nei prossimi mesi sarà solo la loro».

 

Articoli correlati
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
Sit in medici, presente anche la FNOMCeO . Il presidente Anelli: «Senza finanziamenti al SSN aumenteranno disuguaglianze»
«Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e non considerare la dignità di una professione. Spero che manifestazione risvegli senso di responsabilità dei politici». L’intervista al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...