Contributi e Opinioni 15 Aprile 2019 17:13

Caso Umbria, Anelli (FNOMCeo): «Superare aziendalismo SSN che condiziona autonomie professionali»

Il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Filippo Anelli interviene sullo scandalo che ha travolto la sanità dell’Umbria e che ha portato all’arresto, tra gli altri, dell’assessore alla Sanità. «Nella sanità italiana c’è certamente bisogno di un cambiamento che riduca l’interferenza non della politica, ma dei politici, nei meccanismi di governance del settore», […]

Il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Filippo Anelli interviene sullo scandalo che ha travolto la sanità dell’Umbria e che ha portato all’arresto, tra gli altri, dell’assessore alla Sanità. «Nella sanità italiana c’è certamente bisogno di un cambiamento che riduca l’interferenza non della politica, ma dei politici, nei meccanismi di governance del settore», sottolinea Anelli all’Adnkronos. Tuttavia per riuscirci, evitando il ciclico ritorno di scandali come quello che sta travolgendo la sanità dell’Umbria, «non basta una legge» come chiede ad esempio in queste ore il Movimento 5 Stelle. «Serve una riflessione molto più ampia, una vera e propria riforma che superi l’aziendalismo che caratterizza oggi il sistema sanitario e che ha condizionato fortemente le autonomie professionali, assoggettandole a logiche di natura economica».

«Che ci sia un’interferenza della politica nella sanità è una questione datata», commenta Anelli, che «c’è sempre stata» e che attiene ai meccanismi attraverso i quali oggi vengono nominati i vertici sanitari. Per gestire il problema, sostiene il presidente FNOMCeO, «abbiamo bisogno innanzitutto di mettere al centro dell’agenda politica il tema della sanità, perché l’attenzione non può essere solo occasionale, legata allo scandalo di turno – precisa – Va ripensato il nostro Servizio sanitario nazionale. Continuiamo a registrare una prospettiva negativa – osserva Anelli – e se non si risolve il problema del numero dei professionisti, e se non dà ai professionisti maggiore responsabilità nella gestione della sanità, questo nostro sistema molto probabilmente non resisterà a lungo».

Con il sistema attuale, ricorda Anelli, «molto spesso si è dovuto prendere atto che la sanità è diventata terreno di utilizzo della politica ai fini clientelari». Ma «denunciarlo non è sufficiente – insiste il presidente della Fnomceo – Ritengo che vadano riscoperte e valorizzate le competenze e le conoscenze dei professionisti della sanità, avviando appunto una grande riflessione sulle modalità di gestione della sanità che – non va mai dimenticato – ha come obiettivo la tutela della salute dei cittadini. L’impiego di risorse e quello di personale – fa notare Anelli – non possono prescindere da questa finalità e possono essere definiti dai professionisti in ragione delle risorse messe a disposizione». In questo senso «bisogna riconoscere maggiore autonomia alle professionalità con una riforma che superi l’aziendalismo». Accade infatti che «oggi il sistema risponde esclusivamente alla politica, e le scelte fatte sono in ragione anche delle risorse disponibili. Dare maggiore responsabilità di gestione ai professionisti», per il vertice degli Ordini medici aiuterebbe non solo a migliorare le risposte ai bisogni di salute, ma anche a cancellare la ‘faccia brutta’ del peso della politica in sanità

Articoli correlati
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Devono lavorare con altri professionisti sanitari, come accade negli ospedali»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei medici commenta l’intervento di Speranza al Congresso Fimmg: «Rappresenta tappa miliare nel processo di riforma della sanità territoriale. Mantenere capillarità e rapporto di fiducia»
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
Piano Nazionale Cronicità, Salutequità: «Sua attuazione lenta e a macchia di leopardo»
Il Piano Nazionale della Cronicità compie cinque anni. Salutequità: «Serve finanziamento specifico in prossima Legge di Bilancio, suo aggiornamento e una relazione del Ministero su stato di attuazione»
Facoltà di Medicina, FNOMCeO: «Oltre 14000 posti ma tra sei anni meno della metà riuscirà a specializzarsi»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli: «Far corrispondere, per legge, ogni laurea a una borsa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...