Contributi e Opinioni 22 Settembre 2020 12:44

Ansoc: «Necessaria revisione tariffaria delle prestazioni odontoiatriche»

di Walter Di Fulvio, Presidente Associazione Nazionale Studi Odontoiatrici Convenzionati

di Walter Di Fulvio, Presidente Associazione Nazionale Studi Odontoiatrici Convenzionati

Gentile Direttore,

le scrivo, quale Presidente dell’ANSOC, ente di rappresentanza degli studi odontoiatrici accreditati con il SSN ed i Sistemi Sanitari Regionali, per rappresentarLe lo stato di crisi in cui versano le nostre strutture dovuta all’incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte.

Anzitutto mi permetta di fare un accenno al senso del dovere e di appartenenza al SSN con cui nostri Professionisti ed il nostro Personale paramedico hanno operato durante il lockdown, erogando ogni giorno prestazioni urgenti agli utenti ed evitando che finissero in Pronto Soccorso per patologie orodentali.

Siamo e ci sentiamo parte del sistema pubblico di assistenza anche se le nostre difficoltà sono state ignorate da molti anni dalle istituzioni nazionali e spesso anche regionali.

Da un’analisi di Azienda Zero del Veneto del 2018 si evidenzia che i presidi di cura pubblici (a gestione diretta) e privati accreditati stanno erogando prestazioni dentistiche sottocosto di due terzi.

Ora, la già difficile situazione delle strutture accreditate in odontoiatria si è ancor più aggravata sotto il peso degli adempimenti necessari ad impedire la diffusione del virus e a salvaguardare la salute dei pazienti e del personale medico e paramedico.

Alla luce della pandemia abbiamo dovuto acquisire tecnologie di disinfezione dell’aria e usare, per ogni singolo paziente, dispositivi di protezione individuali dal costo elevato. Oltre a ciò abbiamo predisposto procedure di sicurezza che hanno diminuito la produttività aumentando il disavanzo.

Non è sostenibile che una prestazione chirurgica come ad esempio l’estrazione di un dente abbia una tariffa pari a 19 euro e pochi centesimi avendo un costo di produzione che la succitata analisi di Azienda Zero ha determinato in 57,6 euro già nel 2018.

Oltre all’aspetto meramente pecuniario c’è quello etico per cui la mediocrità della tariffa è lesiva della dignità professionale del medico e svilente della figura dello specialista esterno del SSN.

Vista la situazione socio-economica conseguente al lockdown, con molti cittadini in difficoltà finanziaria, ci aspettiamo un considerevole aumento della platea dei pazienti che richiederanno di accedere alle cure in convezione, che erogheremmo in perdita.
Per quanto ora descritto abbiamo sollecitato al ministro Speranza l’avvio di un tavolo tecnico per intraprendere la necessaria revisione tariffaria delle prestazioni odontoiatriche.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
Enpam, per medici e dentisti via libera a domande per esonero contributi
L'Enpam avvia la procedura online per ricercare medici e odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero dei contributi previdenziali
Pubertà precoce, Bambin Gesù: «Casi più che raddoppiati durante il lockdown»
Più del doppio, rispetto allo scorso anno, le vicende di pubertà anticipata o precoce registrate all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma durante i mesi iniziali della pandemia
Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»
Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»
Intervista a Cartabellotta (Gimbe): «Sistema Regioni a colori non ha piegato i contagi. Ora lockdown di 2-3 settimane»
Abbiamo chiesto al presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, perché in Italia i contagi non scendono e quanto bisogna temere le nuove varianti: «Senza lockdown questo sfiancante stop&go durerà per tutto il 2021»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 179.601.602 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.891.974 i decessi. Ad oggi, oltre 2,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM