Contributi e Opinioni 18 Novembre 2020 15:50

Ansia da Covid

Luca De Martino, Dott. in Fisioterapia Specializzato in tecniche osteopatiche

di Luca De Martino, Dott. in Fisioterapia Specializzato in tecniche osteopatiche

 Il 2020 è stato caratterizzato da una pandemia globale che ha stravolto la vita di ognuno di noi. La nostra quotidianità è cambiata radicalmente e l’incertezza per il futuro sta causando nuove forme preoccupanti di ansia.

La parola ansia deriva dal latino “anxia” a sua volta proveniente da “angere” ossia stringere, un verbo che comunica perfettamente la sensazione di disagio che molti stanno vivendo in questo particolare periodo storico.

L’ansia, soprattutto in questo periodo, si può esprimere attraverso dolori fisici che non hanno una reale origine organica. È una condizione, se protratta nel tempo, in cui i nostri dolori e/o disturbi rappresentano lo specchio di una condizione psicologica alterata.

Cosa succede esattamente nel nostro organismo in questi casi? Il nostro sistema nervoso simpatico ( che poi tanto simpatico non è) si attiva e in una condizione di particolare stress necessitiamo di più energia, aumenta la frequenza cardiaca, i nostri polmoni lavorano al massimo dello sforzo, le nostre pupille si dilatano e anche il nostro tono muscolare viene alterato. Il nostro sistema muscolo-scheletrico va in costante tensione, ragion per cui abbiamo la sensazione di sentirci più “rigidi” e meno mobili dal punto di vista articolare.

Il sistema nervoso parasimpatico (sicuramente più simpatico del primo) realizza l’effetto opposto, ci aiuta a passare da uno stato di allerta a uno di calma.

La gestione di questi due sistemi viene realizzata dal cervello, che funziona un po’  come una centrale operativa che analizza tutte le funzioni del corpo. Una parte importante in questo controllo è monitorata dal sistema limbico, responsabile della gestione delle emozioni.

Ad ogni nostra emozione corrisponde una risposta organica e questo spiega perché in concomitanza con le notizie negative che quotidianamente ascoltiamo attraverso i mass-media e che generano inevitabilmente paura, possano verificarsi anche dei sintomi fisici.

Dall’inizio della pandemia i sintomi predominanti legati all’ansia sono: vertigini, nausea, problemi di coordinazione muscolare e degli arti, dolori muscolari, perdita di memoria a breve termine, gastrite e bruciori di stomaco, colon irritabile, sensazione di respiro corto, nodo alla gola e tachicardia.

Cosa possiamo fare per stare meglio? Ameno 3 cose da fare quotidianamente, utili per spegnere il nostro stato di “allerta”.

1) RESPIRARE: Sdraiamoci sul letto o divano e posizioniamo le mani all’altezza dell’addome. Inspiriamo attraverso il naso e facciamo in modo che le nostre mani si alzino di qualche centimetro per poi abbassarle durante l’espirazione attraverso la bocca. Ripetere per almeno 10 minuti

2) CAMMINARE E/O FARE ATTIVITÀ FISICA: Quando facciamo un po’ di esercizio fisico, il nostro cervello rilascia delle endorfine. Le endorfine interagiscono donandoci una sensazione di piacere allontanando le negatività. Quanto dovremmo camminare? Almeno 30 minuti al giorno. Basti pensare che se a inizio anno una persona di 65-70 anni inizia a camminare tutti i giorni (30/45 minuti al giorno) avrà alla fine dell’anno l’1% in più di cellule cerebrali e una capacità cognitiva sicuramente migliorata.

3) LEGGERE: I libri sono sicuramente un rifugio contro l’ansia. Negli ultimi anni è nato un metodo psicoterapeutico, la biblioterapia, che ricorre alla lettura dei libri per allontanare i pensieri negativi. Più lettura e meno tecnologia!

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
SOS zanzare: ecco come difendersi. I rimedi più efficaci e i falsi miti
Ogni estate è la stessa storia: le zanzare sono tornate. Che tormento! Il loro ronzio ci impedisce di dormire, temendo le loro punture e fastidiosi ponfi. Ma perché questi insetti aspettano sempre l'estate per venire a disturbarci?
di Stefano Piazza
Bonus psicologo, al via alle domande online
Sul sito dell'Inps è possibile inviare la domanda per accedere al bonus psicologo. Bisogna fare presto. La precedenza sarà data a chi ha Isee più basso
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi