Covid-19, che fare se...? 22 Febbraio 2022 12:50

Si può avere una reazione allergica grave anche dopo la seconda dose?

Uno studio americano ha concluso che chi avuto una reazione allergica dopo la somministrazione della prima dose di vaccino antiCovid a mRNA ha un rischio molto basso di avere un reazione grave anche alla seconda dose

Si può avere una reazione allergica grave anche dopo la seconda dose?

Coloro che hanno avuto una reazione allergica dopo la somministrazione della prima dose di vaccino antiCovid a mRNA hanno un rischio molto basso di avere un reazione grave anche alla seconda dose. A dimostrarlo è stata una revisione sistematica di 22 studi, coordinata dalla University of Colorado School of Medicine e pubblicata su Jama Internal Medicine. Lo studio ha preso in considerazione 1.366 casi di reazioni allergiche immediate dopo la prima dose di vaccino, 78 delle quali gravi (analifassi).

C’è un 5% di rischio di avere una reazione allergica anche dopo la seconda dose

Ebbene, in questo stesso gruppo di persone la seconda dose aveva provocato 6 reazioni allergiche gravi, 4 delle quali in persone già colpite da anafilassi alla prima dose. Dai dati emerge quindi che chi alla prima dose aveva avuto una reazione allergica grave ha un rischio del 5% che lo stesso problema si presenti anche alla seconda. Mentre coloro che alla prima dose hanno avuto una reazione allergica non grave hanno un rischio di sviluppare lo stesso problema dello 0,16%. Inoltre, tra i 6 casi di allergia grave alle seconda dose non c’è stato alcun decesso. Infatti, 5 pazienti si sono rapidamente ripresi dopo avere ricevuto adrenalina, mentre il sesto si è ripreso senza alcun trattamento.

La tolleranza alla seconda dose è pari a 99,84%

Nel resto del campione, la seconda dose ha provocato sintomi allergici lievi immediati in 232 persone e, di queste, 15 rientravano tra le 78 che avevano avuto reazioni gravi alla prima somministrazione. Per i ricercatori si può quindi parlare di una tolleranza generale alla seconda dose pari al 99,84%. «Avere avuto una reazione allergica da vaccino mRNA alla prima dose non vuole dire automaticamente averne un’altra altrettanto grave con la seconda somministrazione», specificano i ricercatori.

Una reazione allergica alla prima dose non è una controindicazione per la seconda inoculazione

«Questi dati dovrebbero indurre a riconsiderare la precedente reazione allergica come una controindicazione», concludono. Per precauzioni i ricercatori raccomandano comunque che i pazienti che hanno sviluppato una reazione allergica grave alla prima dose dovrebbero ricevere la seconda somministrazione in un ambiente medico attrezzato a gestire i casi di anafilassi e solo dopo aver consultato un allergologo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...