Covid-19, che fare se...? 22 Febbraio 2022 12:50

Si può avere una reazione allergica grave anche dopo la seconda dose?

Uno studio americano ha concluso che chi avuto una reazione allergica dopo la somministrazione della prima dose di vaccino antiCovid a mRNA ha un rischio molto basso di avere un reazione grave anche alla seconda dose

Si può avere una reazione allergica grave anche dopo la seconda dose?

Coloro che hanno avuto una reazione allergica dopo la somministrazione della prima dose di vaccino antiCovid a mRNA hanno un rischio molto basso di avere un reazione grave anche alla seconda dose. A dimostrarlo è stata una revisione sistematica di 22 studi, coordinata dalla University of Colorado School of Medicine e pubblicata su Jama Internal Medicine. Lo studio ha preso in considerazione 1.366 casi di reazioni allergiche immediate dopo la prima dose di vaccino, 78 delle quali gravi (analifassi).

C’è un 5% di rischio di avere una reazione allergica anche dopo la seconda dose

Ebbene, in questo stesso gruppo di persone la seconda dose aveva provocato 6 reazioni allergiche gravi, 4 delle quali in persone già colpite da anafilassi alla prima dose. Dai dati emerge quindi che chi alla prima dose aveva avuto una reazione allergica grave ha un rischio del 5% che lo stesso problema si presenti anche alla seconda. Mentre coloro che alla prima dose hanno avuto una reazione allergica non grave hanno un rischio di sviluppare lo stesso problema dello 0,16%. Inoltre, tra i 6 casi di allergia grave alle seconda dose non c’è stato alcun decesso. Infatti, 5 pazienti si sono rapidamente ripresi dopo avere ricevuto adrenalina, mentre il sesto si è ripreso senza alcun trattamento.

La tolleranza alla seconda dose è pari a 99,84%

Nel resto del campione, la seconda dose ha provocato sintomi allergici lievi immediati in 232 persone e, di queste, 15 rientravano tra le 78 che avevano avuto reazioni gravi alla prima somministrazione. Per i ricercatori si può quindi parlare di una tolleranza generale alla seconda dose pari al 99,84%. «Avere avuto una reazione allergica da vaccino mRNA alla prima dose non vuole dire automaticamente averne un’altra altrettanto grave con la seconda somministrazione», specificano i ricercatori.

Una reazione allergica alla prima dose non è una controindicazione per la seconda inoculazione

«Questi dati dovrebbero indurre a riconsiderare la precedente reazione allergica come una controindicazione», concludono. Per precauzioni i ricercatori raccomandano comunque che i pazienti che hanno sviluppato una reazione allergica grave alla prima dose dovrebbero ricevere la seconda somministrazione in un ambiente medico attrezzato a gestire i casi di anafilassi e solo dopo aver consultato un allergologo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali