Bollettino del Ministero 21 Febbraio 2017

Papillomavirus (Hpv), quali sono gli ultimi dati sulle coperture vaccinali? Il Ministro risponde…

Il Ministero della Salute rende noti i dati, al 31 dicembre 2015, di copertura nazionali e regionali per la vaccinazione HPV nella popolazione femminile. Di seguito i punti principali: come per altri vaccini, i dati 2015 mostrano un leggero decremento nell’ultimo anno, visibile se si confrontano i dati delle rilevazioni 2014 della corte 2000 (1 […]

di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute

Il Ministero della Salute rende noti i dati, al 31 dicembre 2015, di copertura nazionali e regionali per la vaccinazione HPV nella popolazione femminile. Di seguito i punti principali:
come per altri vaccini, i dati 2015 mostrano un leggero decremento nell’ultimo anno, visibile se si confrontano i dati delle rilevazioni 2014 della corte 2000 (1 dose, 75,2%, ciclo completo 70,8%) con quelli delle rilevazioni 2015 della corte 2001 (1 dose, 73,1%, ciclo completo 70%)
in dettaglio, i dati relativi alle coorti più vecchie (1997-2001) per le quali l’offerta vaccinale si mantiene gratuita in quasi tutte le Regioni fino al compimento del diciottesimo anno, si attestano su una copertura del 73-76% per almeno una dose di vaccino e del 70-72% per ciclo completo; circa il 4% delle ragazze di ogni coorte ha iniziato ma non completato il ciclo vaccinale
la copertura di ogni coorte continua ad essere monitorata annualmente e si nota un graduale aumento, proprio per effetto del recupero di ragazze vaccinate in ritardo
i dati evidenziano un’ampia variabilità delle coperture vaccinali tra le Regioni/PP.AA. per tutte le coorti: 37-87% per la coorte 1998, 37-84% per la coorte 2001. Interventi specifici sarebbero necessari in specifici contesti geografici
la copertura vaccinale media per HPV nelle ragazze è discreta se si confrontano i dati con altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (95%)
La vaccinazione HPV è offerta gratuitamente e attivamente alle bambine nel dodicesimo anno di vita (undici anni compiuti) in tutte le Regioni italiane dal 2007/2008. Alcune Regioni hanno esteso l’offerta attiva della vaccinazione a ragazze di altre fasce di età. Le Regioni Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia offrono il vaccino anche agli individui, maschi e femmine, HIV positivi. Alcune regioni, inoltre, hanno recentemente esteso la vaccinazione HPV ai maschi nel dodicesimo anno di vita (Sicilia, Puglia; altre, come Liguria, Friuli Venezia Giulia e Veneto offrono il vaccino a partire dalla corte 2004).
Nel nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019 e nei nuovi LEA (di cui è attesa la pubblicazione in Gazzetta ufficiale) la vaccinazione gratuita nel corso del dodicesimo anno di età è prevista anche per i maschi; l’offerta attiva, tuttavia, potrebbe raggiungere la piena operatività nel corso del 2018.
Molte Regioni prevedono il pagamento agevolato per le fasce di età non oggetto del programma nazionale (o regionale, laddove siano state incluse ulteriori coorti) di immunizzazione.
I dati sono stati raccolti attraverso la scheda di rilevazione delle coperture vaccinali inviata annualmente dal Ministero della Salute alle Regioni. Le tabelle riportano i dati nazionali e regionali relativi alle coperture vaccinali del target primario del programma vaccinale contro l’HPV: le ragazze di undici anni. Viene, quindi, riportata la copertura per almeno una dose di vaccino e per ciclo vaccinale completo (indipendentemente dalla schedula adottata e dal vaccino utilizzato), per coorte di nascita.
Come ogni anno, vengono presentati i dati relativi all’ultima coorte oggetto di chiamata attiva per la vaccinazione anti-HPV (2003) e i dati aggiornati delle coorti di nascita precedenti (1997 – prima coorte invitata attivamente nella maggior parte delle Regioni italiane nel corso del 2008 -, 1998, 1999, 2000, 2001, 2002 e 2003).
Le coperture relative all’ultima coorte sono generalmente più basse, poiché la chiamata di tutti i soggetti non è completa.

Articoli correlati
“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità
L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Professioni sanitarie, festa per i 20 anni della legge 42. Beux (TSRM e PSTRP): «Passaggio fondamentale, ha anticipato i tempi. Ora sfida è sinergia tra competenze»
Alla Camera evento con tutti i protagonisti della norma che ha cancellato il carattere ausiliario delle professioni sanitarie. Il presidente dell’Ordine dei Tecnici Sanitari Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione: «Abbiamo più di 140mila preiscritti, quasi 60mila iscritti: ora devono interagire tra di loro per far sì che si crei quella sinergia valoriale, relazionale, di competenze professionali che possa poi avere quella ricaduta positiva nella qualità delle cure»
Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»
«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi deputato, che sarà tra i protagonisti dell’evento celebrativo del 26 febbraio sulla Legge 42 del 1999
Il ministro Grillo incontra i rappresentanti del Patto delle Società Scientifiche: impegno per accreditamento, linee guida e decreto assicurazioni
Tra gli obiettivi dell'incontro, la piena attuazione della Legge Gelli, l’analisi dell’evoluzione epidemiologica nazionale, la definizione dei criteri per il calcolo dei fabbisogni di personale specialistico, la programmazione delle reti formative post-laurea, l’analisi dei bisogni di informatizzazione e innovazione tecnologica e la definizione degli standard appropriati a sostenere la prevenzione, le cure materno-infantili, le cure oncologiche, le terapie chirurgiche e interventistiche e le cure intensive