Covid-19, che fare se...? 28 Gennaio 2019 16:05

Inquinamento, Grillo convoca tavola per la qualità dell’aria con regioni del Nord: «Ogni anno 85-90mila morti, agire subito»

Contro l’inquinamento da polveri sottile in val Padana si muove il ministro della Salute Giulia Grillo che ha annunciato di aver convocato il tavolo per la qualità dell’aria, invitando nelle prossime settimane i governatori di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e con loro i sindaci dei grandi centri urbani di queste regioni, per trovare un nuovo accordo che preveda misure e azioni sempre più efficaci a tutela della Salute dei cittadini e dell’ambiente.

«Pianura padana: basta ammalarsi e morire di mal d’aria. È ora di agire tutti insieme» è il titolo di un post su Facebook della stessa Grillo. Il ministro ricorda anche «i dati recentemente diffusi dall’Agenzia europea dell’ambiente, che attestano che il 95% dei cittadini europei a rischio di malattie per polveri ultrasottili Pm2.5, biossido d’azoto e ozono vivono nel nord del Paese».

«In Italia – continua Grillo -, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Istituto superiore della sanità (Iss), ogni anno si registrano tra le 85 mila e le 90mila morti premature causate dall’inquinamento, la maggior parte nelle regioni della Pianura Padana, una delle zone più inquinate d’Europa e del mondo. Anche per questo l’Italia è sotto infrazione europea per la qualità dell’aria. Il ministero dell’Ambiente sta firmando protocolli con le Regioni maggiormente coinvolte per azioni strutturali mirate a migliorare la qualità dell’aria. Ma – fa notare la titolare della Salute – è giusto agire insieme perché quello dello smog è un problema di ambiente e di Salute».

LEGGI ANCHE: IL 93% DEI BAMBINI RESPIRA ARIA TOSSICA. I DATI OMS

Grillo torna anche sul dato contenuto nel rapporto di Legambiente ‘Mal’Aria’, che indica come nel 2018 siano stati superati i limiti di legge in 55 capoluoghi di provincia in Italia. Secondo il report, riepiloga il ministro, «Brescia risulta la città più inquinata della Penisola. È tempo di agire tutti per intraprendere senza esitazione i cambiamenti necessari. L’aria e la Salute sono un bene comune – conclude – La lotta all’inquinamento e ai cambiamenti climatici non deve vederci divisi ma uniti. Per noi, per i nostri figli, per il nostro futuro».

Articoli correlati
Dal 6 dicembre cambia l’Italia a tre colori: quali Regioni cambiano zona
Cinque Regioni passano da zona arancione a gialla, tre Regioni e la PA di Bolzano da rossa ad arancione. Abruzzo resta zona rossa
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
Conferenza Regioni: «Su mmg e tamponi rapidi pronti a impugnare sentenza Tar Lazio»
Condiviso un documento con le organizzazioni sindacali con proposte per contrastare carenza di personale
«Epidemia in rapido peggioramento in tutto il Paese». Sale il livello di rischio in 5 regioni
Con un'ordinanza del ministro Speranza da mercoledì 5 regioni entreranno in zona arancione e la PA di Bolzano in zona rossa. L'invito è di ridurre i contatti drasticamente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...