Covid-19, che fare se...? 20 Marzo 2023 23:44

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si è rivelato un infarto. Sulla sua pagina social sono apparsi molti messaggi No Vax che insinuavano che il malore dell’attore dipendesse dal vaccino contro il Covid e che, per certi versi, lo avesse meritato. In realtà, la comunità scientifica concorda sulla sicurezza a lungo termine dei vaccini, compresi quelli contro il Covid

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si è rivelato un infarto. Sulla sua pagina social sono apparsi molti messaggi “No Vax” che insinuavano che il malore dell’attore dipendesse dal vaccino contro il Covid e che, per certi versi, lo avesse meritato. In realtà, la comunità scientifica concorda sulla sicurezza a lungo termine dei vaccini, compresi quelli contro il Covid. Sicurezza ormai con solide basi scientifiche dopo la somministrazione di oltre 13 miliardi di dosi dall’inizio delle campagne vaccinali nel mondo.

I vaccini in genere non danno effetti collaterali dopo 2 mesi

In generale, non esistono casi di vaccini che abbiano avuto effetti indesiderati comparsi oltre le 8 settimane dopo la loro somministrazione. Quando infatti si verificano effetti collaterali, nella stragrande maggioranza dei casi lievi, appaiono entro poche ore, giorni o settimane dalla somministrazione. Inoltre, a differenza dei tantissimi farmaci che vengono assunti quotidianamente da molte persone, i vaccini si fanno una volta sola o al massimo con uno o pochi altri richiami nel tempo. Questo significa che le molecole contenute al loro interno rimangono nel nostro organismo per pochissimo tempo, a differenza, ad esempio, del farmaco contro l’ipertensione che viene assunto ogni giorno.

L’mRNA contenuto nel vaccino sparisce dall’organismo dopo solo 1 giorno

A quanti temono che sia la tecnologia a mRNA a poter essere pericolosa sul lungo periodo, gli scienziati rispondono che non è affatto così. Anzi il tempo di permanenza dell’mRNA nell’organismo è particolarmente breve, perché si tratta di molecole fragilissime, che vengono denaturate e dissolte rapidamente, così come vengono denaturate rapidamente le copie di proteina Spike prodotte a partire dall’mRNA. Questo significa che, già entro 1 giorno dalla somministrazione, nel nostro corpo è rimasto poco o nulla del vaccino. Al contrario ci sono numerose evidenze scientifiche secondo le quali infettarsi con il virus Sars-CoV-2 potrebbe avere conseguenze sul lungo periodo, anche sul cuore.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...