Covid-19, che fare se...? 22 Marzo 2022 15:07

Cosa succede se mi ammalo di Covid dopo il vaccino?

Coloro che hanno fatto almeno la doppia dose del vaccino Pfizer o Astrazeneca e si sono ammalate lo stesso di Covid-19 beneficiano in seguito di un’aumentata risposta anticorpale neutralizzante contro le varianti di preoccupazione, compresa omicron

Cosa succede se mi ammalo di Covid dopo il vaccino?

Oltre ad avere molte meno probabilità di aver bisogno di un ricovero in ospedale, l’infezione da a Sars-CoV-2 nei vaccinati aumenta l’immunità. In particolare, uno studio pubblicato recentemente sulla rivista mBio ha dimostrato che coloro che hanno fatto almeno la doppia dose del vaccino Pfizer o Astrazeneca e si sono ammalate lo stesso di Covid-19 beneficiano in seguito di un’aumentata risposta anticorpale neutralizzante contro le varianti di preoccupazione, compresa omicron.

Alta e rapida risposta anticorpale tra i vaccinati con doppia dose

Nello studio, condotto quando la variante Delta era predominante, i ricercatori hanno esaminato i campioni di siero raccolti presso il St. Thomas’ Hospital di Londra da 42 persone risultate positive al Covid-19 dopo il primo ciclo vaccinale, verificando se gli anticorpi prodotti in seguito all’infezione da Delta erano in grado di neutralizzare diverse varianti di preoccupazione. La stessa valutazione è stata fatta prendendo in esame campioni di siero di 12 persone non vaccinate che hanno contratto un’infezione da Delta nel periodo di studio. L’analisi ha evidenziato che nei vaccinati l’infezione da Delta nei vaccinati con due dosi ha indotto una risposta di richiamo delle IgG rapida e robusta, che ha avuto un’ampia attività neutralizzante contro diverse varianti di preoccupazione.

La terza dose aumenta drasticamente la risposta anticorpale neutralizzante

Gli studiosi hanno osservato che la potenza di neutralizzazione è risultata ridotta di 4,5 volte contro omicron rispetto a delta, mentre è stata ridotta di 28,9 volte nelle persone non vaccinate, sottolineando l’importanza della vaccinazione nell’indurre una risposta anticorpale cross-reattiva rispetto alla sola infezione. «Nel complesso, l’infezione nei vaccinati aumenta efficacemente la risposta al vaccino, il che potrebbe fornire un’ampia protezione contro le attuali varianti di preoccupazione», spiega la coautrice dello studio, Katie Doores del Dipartimento di malattie infettive del King’s College di Londra. «Recenti studi hanno mostrato che una terza dose di vaccino aumenta drasticamente la risposta anticorpale neutralizzante, in particolare contro omicron, ma i nostri dati suggeriscono che l’infezione da delta nei vaccinati con due dosi può anche fungere da efficace richiamo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali