Covid-19, che fare se...? 22 Marzo 2022 15:07

Cosa succede se mi ammalo di Covid dopo il vaccino?

Coloro che hanno fatto almeno la doppia dose del vaccino Pfizer o Astrazeneca e si sono ammalate lo stesso di Covid-19 beneficiano in seguito di un’aumentata risposta anticorpale neutralizzante contro le varianti di preoccupazione, compresa omicron

Cosa succede se mi ammalo di Covid dopo il vaccino?

Oltre ad avere molte meno probabilità di aver bisogno di un ricovero in ospedale, l’infezione da a Sars-CoV-2 nei vaccinati aumenta l’immunità. In particolare, uno studio pubblicato recentemente sulla rivista mBio ha dimostrato che coloro che hanno fatto almeno la doppia dose del vaccino Pfizer o Astrazeneca e si sono ammalate lo stesso di Covid-19 beneficiano in seguito di un’aumentata risposta anticorpale neutralizzante contro le varianti di preoccupazione, compresa omicron.

Alta e rapida risposta anticorpale tra i vaccinati con doppia dose

Nello studio, condotto quando la variante Delta era predominante, i ricercatori hanno esaminato i campioni di siero raccolti presso il St. Thomas’ Hospital di Londra da 42 persone risultate positive al Covid-19 dopo il primo ciclo vaccinale, verificando se gli anticorpi prodotti in seguito all’infezione da Delta erano in grado di neutralizzare diverse varianti di preoccupazione. La stessa valutazione è stata fatta prendendo in esame campioni di siero di 12 persone non vaccinate che hanno contratto un’infezione da Delta nel periodo di studio. L’analisi ha evidenziato che nei vaccinati l’infezione da Delta nei vaccinati con due dosi ha indotto una risposta di richiamo delle IgG rapida e robusta, che ha avuto un’ampia attività neutralizzante contro diverse varianti di preoccupazione.

La terza dose aumenta drasticamente la risposta anticorpale neutralizzante

Gli studiosi hanno osservato che la potenza di neutralizzazione è risultata ridotta di 4,5 volte contro omicron rispetto a delta, mentre è stata ridotta di 28,9 volte nelle persone non vaccinate, sottolineando l’importanza della vaccinazione nell’indurre una risposta anticorpale cross-reattiva rispetto alla sola infezione. «Nel complesso, l’infezione nei vaccinati aumenta efficacemente la risposta al vaccino, il che potrebbe fornire un’ampia protezione contro le attuali varianti di preoccupazione», spiega la coautrice dello studio, Katie Doores del Dipartimento di malattie infettive del King’s College di Londra. «Recenti studi hanno mostrato che una terza dose di vaccino aumenta drasticamente la risposta anticorpale neutralizzante, in particolare contro omicron, ma i nostri dati suggeriscono che l’infezione da delta nei vaccinati con due dosi può anche fungere da efficace richiamo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...