Bollettino del Ministero 16 Aprile 2018

Cecità e riabilitazione visiva, la Relazione al Parlamento. Il Ministro risponde…

Il 28 febbraio 2018 il Ministro della salute ha inviato ai Presidenti di Camera e Senato la nuova Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva, documento che riporta tutte le attività svolte in Italia, nel 2016, per la prevenzione dell’ipovisione e della cecità. La legge 284/97 stabilisce l’esistenza e il funzionamento di specifici […]

di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute

Il 28 febbraio 2018 il Ministro della salute ha inviato ai Presidenti di Camera e Senato la nuova Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva, documento che riporta tutte le attività svolte in Italia, nel 2016, per la prevenzione dell’ipovisione e della cecità.

La legge 284/97 stabilisce l’esistenza e il funzionamento di specifici Centri che devono erogare prestazioni specialistiche in ambito di riabilitazione visiva e sostiene il lavoro dell’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità e del suo Polo Nazionale, ciò rappresenta una garanzia nel nostro Paese per la tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva.
Nella Relazione vengono analizzate e illustrate le attività svolte dal Ministero, da IAPB Italia onlus, dal Polo Nazionale dei Servizi e Ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva e dalle Regioni, nel pieno rispetto della trasparenza sui programmi di azione e sugli obiettivi raggiunti.

Durante l’anno 2016 l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Polo Nazionale dei Servizi e Ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva (Centro di collaborazione dell’OMS dal 2013), hanno realizzato diverse attività per la diffusione dei documenti finalizzati a seguito della “International Consensus Conference per la definizione degli standard e dei modelli della riabilitazione visiva”, per poter finalmente dare l’avvio allo sviluppo della riabilitazione visiva grazie a nuovi standard internazionali uniformemente riconosciuti.

La revisione delle attività svolte dalle Regioni ha evidenziato una leggera riduzione del numero dei centri aumentati rispetto alla precedente rilevazione e si conferma una forte disomogeneità sul territorio nazionale. Per quanto riguarda la tipologia dell’assistenza, in base all’età target della popolazione, è presente la netta sproporzione dei centri, già segnalata in passato, tra la riabilitazione visiva dell’infanzia e quella degli adulti, in particolare degli ultrasessantacinquenni. Addirittura questi ultimi risultano in percentuale minore (36,3%) rispetto alla fascia di età compresa tra 0 e i 18 anni (39,6%).

L’esigenza di ridare alla prevenzione e riabilitazione visiva l’attenzione che merita, anche considerati i numeri dell’epidemiologia e valutandone l’impatto socio-sanitario e di spesa pubblica che la mancata azione sta provocando, potrà in parte essere soddisfatta attraverso l’inserimento di tali prestazioni nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (DPCM 12 gennaio 2017). Inoltre per un’armonizzazione delle attività su tutto il territorio nazionale sarà anche necessario promuovere un comune metodo di raccolta dati, per esempio attraverso una digitalizzazione delle cartelle pazienti e delle attività di tutti i Centri, anche per favorire lo scambio di buone pratiche, di modelli innovativi e di procedure standardizzate.

Articoli correlati
Ricerca finalizzata, nel bando 2019 Ministero mette a disposizione 100 milioni
Sono 100 milioni di euro i fondi per la ricerca sanitaria messi a disposizione dal Ministero della salute con il Bando della ricerca finalizzata 2019. Tutti i ricercatori del Servizio sanitario nazionale possono presentare progetti di ricerca di durata triennale, che abbiano un esplicito orientamento applicativo e l’ambizione di fornire informazioni utili ad indirizzare le […]
Ministero della Salute, nominato Goffredo Zaccardi nuovo capo di Gabinetto
A quanto si apprende dal sito QuotidianoSanità.it si tratta della nomina da parte del neo Ministro Roberto Speranza
Investimenti e formazione ECM, il neoministro Speranza riparte dal manifesto di Leu sulla Sanità
“Il rafforzamento del personale non potrà prescindere da un intervento su formazione e aggiornamento professionale” è quanto si legge nei punti programmatici presentati in occasione delle elezioni del 4 marzo
Ministero della Salute: nomi e proposte di Liberi e Uguali
I quattro senatori di Liberi e Uguali potrebbero fare la differenza in Aula, assicurando una maggioranza che senza di loro potrebbe assottigliarsi pericolosamente. Pochi ma fondamentali, a Leu potrebbe andare il Ministero della Salute
Esche avvelenate e tutela dalle aggressioni dei cani, pubblicate le Ordinanze
Sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale, serie generale n 196 del 22.08.2019, la nuova Ordinanza ministeriale relativa al divieto e detenzione di utilizzo di esche e bocconi avvelenati e la proroga dell’Ordinanza per la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani. La disseminazione incontrollata di esche e sostanze tossiche è un fenomeno pericoloso utilizzato, soprattutto in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...