Ambiente 25 Maggio 2023 20:58

«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»

Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, commenta a Sanità Informazione i risultati di uno studio realizzato in USA e presentato alla Conferenza Internazionale ATS 2023, il quale mostra una forte associazione tra il quartiere di residenza, qualità dell’aria e rischio di riacutizzazioni dell’asma nei bambini

«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»

«Sono sempre più numerose e consistenti le evidenze a favore dell’ipotesi secondo cui i bambini che crescono negli ambienti familiari caratterizzati da difficoltà economiche e sociali o nelle regioni particolarmente inquinate siano maggiormente suscettibili alle problematiche respiratorie come l’asma». A spiegarlo a Sanità Informazione è Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, che commenta così i risultati di recente studio presentato durante la Conferenza Internazionale ATS 2023 e condotto dagli scienziati dell’Università del Colorado e del Children’s Hospital Colorado Anschutz Medical Campus, ad Aurora.

Il quartiere in cui vive un bambino con asma può essere un forte predittore di riacutizzazioni

Nell’ambito del lavoro, i ricercatori statunitensi, guidati dalla scienziata Emily Skeen, hanno analizzato i dati relativi a 193 bambini di età compresa tra gli 8 e i 17 anni affetti da asma. In particolare, gli studiosi si sono concentrati sugli effetti dell’ambiente e del contesto socioeconomico sulla salute dei partecipanti. Ebbene, i risultati dell’indagine mostrano che i bambini che risiedono nei quartieri più esposti all’inquinamento e crescono nelle famiglie che hanno maggiori difficoltà economiche sono più a rischio di riacutizzazioni della malattia. Possono cioè avere un rischio quasi raddoppiato di esacerbazione dell’asma. Lo studio suggerisce quindi che il quartiere di residenza di un bambino con asma può essere un forte predittore della gravità della malattia.

Tuteliamo il tuo diritto a respirare Aria Pulita: unisciti a noi!

Scopri se i Comuni in cui hai vissuto dal 2008 al 2018 hanno rispettato i parametri europei sull’inquinamento dell’aria. Compila il Questionario: bastano pochi minuti!

Barbaglio: «I bambini  più urbanizzati sono più suscettibili alle ospedalizzazioni»

«Già nel 2017 – aggiunge Barbaglio – avevamo intuito e avvalorato le conclusioni a cui giunge questo studio. Le nostre ipotesi erano che i bambini che abitano negli ambienti più urbanizzati sono più suscettibili alle ospedalizzazioni e a una qualità della vita generalmente peggiore». E aggiunge: «Per questo motivo abbiamo lanciato le iniziative Campus Respiriamo Sano, destinate ai bambini tra i sette e i 17 anni. I progetti sono stati portati avanti nel 2017, nel 2018 e nel 2021 e siamo orgogliosi di considerarli dei successi. Il nostro obiettivo era quello di offrire a questa particolare fascia di popolazione l’opportunità di seguire un percorso lontano dall’inquinamento e caratterizzato da una gestione migliore della propria salute».

L’asma peggiora la qualità della vita

L’asma è una patologia caratterizzata da un fenomeno di broncocostrizione che causa crisi respiratorie che possono assumere gravità diverse in base alla durata ed alla intensità del fenomeno bronco-costrittivo. L’asma è associata ad una ridotta qualità di vita con limitazioni per le attività fisiche, con effetti negativi sulla dimensione psicologica, sulle relazioni, sulla vita sociale e su quella scolastica e lavorativa. I pazienti asmatici hanno una più alta probabilità̀di soffrire di ansia, depressione e attacchi di panico. «Iniziative come questi Campus – conclude Barbaglio – possono garantire un’opportunità di vacanza salutare, in un ambiente sereno e sano. I nostri progetti prevedono anche una parte educativa finalizzata a una maggiore consapevolezza dell’asma, dei suoi rischi, delle sue manifestazioni e delle sue complicazioni. La comprensione approfondita della problematica può portare a una migliore gestione delle condizioni di salute dei bambini e dei ragazzi che soffrono di asma».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
«PFAS dannosi. Le aziende sapevano ma non hanno comunicato il rischio»
L'industria chimica sapeva perfettamente quanto l’esposizione alle sostanze perfluoroalchiliche (PFAS), potesse essere pericolosa per la salute e lo ha nascosto deliberatamente. E' un'accusa molto pesante quella che emerge dall'analisi di documenti industriali precedentemente segreti, condotta da un gruppo di ricercatori dell'Università di San Francisco e pubblicata sugli Annals of Global Health
Società italiana di Igiene: «La salute dell’ambiente è una priorità di sanità pubblica»
L'ambiente influenza in modo determinante la salute di una popolazione. Per questo i professionisti della sanità sono chiamati ad assumersi la responsabilità di prendere decisioni strategiche che pongano la salute ambientale al primo posto. Questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dal 56esimo congresso nazionale della Società italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI), nella sessione «Ambiente e decisioni Operative il ruolo della Sanità Pubblica»
Smog, con esposizioni prolungate aumenta il bisogno di procedure ospedaliere per il cuore
L’esposizione a lungo termine allo smog, in particolare al particolato fine, è legata a un aumento delle procedure ospedaliere nei pazienti con insufficienza cardiaca. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Plos One e condotto da Samantha Catalano dell’Università della Carolina  del  Nord a Chapel Hill, Usa. Le minuscole particelle sospese nell’aria di diametro inferiore a 2,5 μm […]
Usa: allarme smog, a rischio la salute di 120 milioni di persone
Un americano su tre vive in aree con livelli di inquinanti dannosi per la salute, che li espongono a un rischio maggiore di morte prematura. A lanciare l'allarme smog è il nuovo report annuale dell'American Lung Association (ALA), secondo il quale ci sarebbero quasi 120 milioni di persone negli Stati Uniti  esposte a livelli insalubri di fuliggine e smog. Inoltre, il rapporto ha riscontrato che le persone di colore sono quasi quattro volte più a rischio di vivere nei luoghi più inquinati rispetto agli americani bianchi
Smog «risveglia» cellule mutate responsabili del tumore ai polmoni
Basta respirare aria inquinata dai fumi emessi dalle automobili anche solo per tre anni per «risvegliare» cellule mutate silenti che possono causare il tumore ai polmoni. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Nature
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ferie non godute: c’è chi ha “regalato” all’Azienda sanitaria 450 giorni (e potrebbe ricevere 117mila euro di indennizzo)

A causa della carenza di personale sono tantissimi i medici che non riescono ad andare in ferie anche se ne fanno esplicita richiesta. Ma cosa dice la giurisprudenza e cosa può fare un professi...
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...