Sanità internazionale 31 ottobre 2017

I medici di base inglesi chiedono l’introduzione dell’intramoenia

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei […]

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei medici del territorio, in programma per la prossima settimana, discuterà una mozione presentata dai rappresentanti della Contea di Bedfordshire chiedendo di «cercare urgentemente un modo per consentire ai medici di base di operare all’interno di un modello sanitario privato e alternativo, visto che molti ritengono di non poter più lavorare nel NHS». L’Associazione Medica Inglese (British Medical Association – BMA) aveva più volte denunciato il malessere degli MMG e sottolineato che il sistema nazionale stava per raggiungere il suo punto di rottura. Ma i rappresentanti della categoria hanno evidenziato che l’approvazione della mozione non avrebbe portato ad un completo abbandono del NHS, ma a consentire ai medici di richiedere pagamenti ai pazienti per servizi privati. L‘introduzione della nostra intramoenia, in altre parole, attualmente non prevista in Gran Bretagna.

«Azioni come queste sono il risultato delle richieste, ad esempio, dei pendolari che vorrebbero un appuntamento alle otto o alle nove di sera. Ma non ci sono i soldi per garantire il servizio per così tante ore», ha dichiarato all’Independent il dottor Peter Holden.

Le altre proposte che verranno votate la prossima settimana includono la limitazione dell’orario di lavoro, anche per garantire l’affidabilità e la sicurezza delle cure, messe a repentaglio dalla stanchezza di un medico che deve operare molte ore e visitare troppi pazienti. Pazienti che ovviamente non hanno apprezzato la proposta, definendola “preoccupante” e sottolineando la loro contrarietà alla prospettiva di dover pagare la sanità due volte.

«La medicina generale è sotto un’insostenibile pressione per la crescita della domanda, la riduzione dei budget e la scarsità del personale», ha commentato un rappresentante del BMA. Problemi che tuttavia caratterizzano anche il nostro SSN. Che spunti di riflessione può offrire il sistema italiano?

Articoli correlati
NHS nel caos, 50mila interventi rimandati. Ecco cosa sta succedendo nel Regno Unito
Interventi rimandati, tempi di attesa più lunghi, le scuse del Ministro e la difesa della May. Cosa succede? Gli inglesi hanno preso l’influenza
Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita
«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a catturarmi. È lì, del resto, che vengono salvate le vite». Atul Gawande, chirurgo statunitense e Professore alla Harvard Medical School, ricorda così l’inizio della sua carriera […]
Divorzio Brexit e trasloco Ema: «Ecco cosa succederà ai medici italiani in UK». L’intervista a un medico italiano a Londra
«Il National Health Service è già fiaccato dal taglio degli investimenti voluti dal precedente Primo Ministro David Cameron. La Brexit è il colpo di grazia per tutti i professionisti sanitari italiani in Gran Bretagna... speriamo che gli accordi mitighino la forza di questo tsunami» così Luca Molinari, pediatra italiano che da 15 anni lavora a Londra
Cosa succede se il Servizio Sanitario Nazionale non accetta pazienti fumatori o obesi
I pazienti inglesi, fumatori o obesi, potranno essere sottoposti ad interventi non urgenti solo se non fumano da almeno otto settimane o perdono peso. Il provvedimento è stato adottato dalla Clinical Commissioning Group (CCG, paragonabile alle nostre Asl) della Contea inglese dello Hertfordshire. Negli ultimi anni, in molte regioni d’Inghilterra i pazienti che dimostrano di non preoccuparsi […]
Nove medici di base su dieci vorrebbero prescrivere farmaci appannaggio di specialisti. Ecco perché…
«L’assistenza ai pazienti cronici è condizionata in maniera negativa dal fatto di non poter prescrivere farmaci innovativi. Ma per poter fare questo, è necessaria maggiore formazione e informazione dei MMG». La ricerca del Centro Studi FIMMG e l’intervista al responsabile Paolo Misericordia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...