Salute 5 agosto 2014

Ssn, pubblicati i dati sul personale: “quote rosa” in crescita

Ma il Ministero della Salute registra un calo di 3mila posti di lavoro

Immagine articolo

La sanità è donna. Lo dicono gli ultimi dati disponibili sul personale del Servizio sanitario nazionale.

Stando al documento appena presentato dal Ministero della Salute e riguardante i dati del “Personale delle A.S.L. e degli istituti di cura pubblici”, i professionisti del gentil sesso operanti nel Ssn raggiungono il 65,3 per cento del totale, in aumento dello 0,7 per cento rispetto all’anno precedente. Almeno questo accadeva nel 2011, ultimo anno esaminato dall’Ufficio di Direzione Statistica del dicastero guidato da Beatrice Lorenzin. Si tratta dunque di numeri che potrebbero non rispecchiare in pieno la situazione attuale, ma che indicano comunque un trend interessante se paragonato a quelli dello studio precedente.

Nel 2010, infatti, i medici e gli odontoiatri donna operanti nelle strutture pubbliche raggiungevano il 36,9 per cento del totale. Un dato che l’anno successivo è aumentato fino a toccare il 38,3 per cento. In questo ambito, dunque, gli uomini sono più numerosi delle donne, se non fosse per lo schiacciante 77,3 per cento che caratterizza il dato relativo al personale infermieristico “rosa” e che sposta la media a favore di quest’ultimo.
Ma non basta. Se paragoniamo l’intero personale dipendente del Ssn operante nel 2011 con quello dell’anno precedente, si nota che gli uomini sono diminuiti di quasi 6.500 unità (234.111 contro 227.701), mentre le donne sono aumentate di 3.343 elementi (412.125 contro 415.468). Il totale del personale è quindi sceso, da un anno all’altro, di circa 3mila dipendenti (646.236 contro 643.169). Sono  poi in calo tutte le voci del personale (sanitario, professionale, tecnico e amministrativo) e dei medici e odontoiatri (107.448 contro 106.779). L’unica voce positiva è dunque quella relativa al personale infermieristico, cresciuto dalle 263.803 unità del 2010 alle 264.378 dell’anno successivo.

Articoli correlati
Medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari: può una norma regionale imporre il tetto massimo orario?
Una norma regionale non può imporre autoritativamente il tetto massimo orario in 48 ore settimanali ai medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari perché viola l’art. 117 secondo comma, lettera l), della Costituzione e invade la materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato. La Consulta, con la sentenza n. 121/2017, ha bocciato così l’articolo 21, comma […]
Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia
Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]
Fake news in sanità: il corso FNOMCeO in occasione del Festival della Tv e dei nuovi media
Come nasce una notizia falsa? Come combattere bufale e fake news sulla salute e la sanità? Quale ruolo sono chiamati a svolgere i media ? Sono questi i temi di cui si discuterà sabato 6 maggio 2017 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 durante il corso “Mitologia della salute e false argomentazioni: l’era delle bufale” […]
Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»
Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò il midollo osseo e la sua opinione sulla corretta informazione: «Tutti cerchiamo sul web, ma poi ci affidiamo ad un bravo medico»
«Ssn, basta tagli e coinvolgere eccellenze sanitarie italiane nelle nuove strategie»
Una delle tante specialità tipicamente italiane consiste nell’autolesionistica tendenza a  smantellare le proprie eccellenze e nel copiare modelli da altri paesi, quando gli stessi decidono di abbandonarli poiché infruttuosi e non efficienti. Uno degli esempi contraddittori e più eclatanti di quanto affermato (anche pubblicamente ed in più occasioni!), lo verifichiamo quotidianamente nel nostro Servizio sanitario […]
di Dott. Andrea Garrone - Vicepresidente Rurale Federfarma Piemonte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...